1. L'alfabeto.
I fonemi sono trascritti usando lettere o grafemi (dal greco grapho "scrivo"), che nel loro complesso costituiscono l'alfabeto. Le lettere dell'alfabeto latino, derivato da quello greco attraverso la mediazione dell'etrusco, sono 23.

2. Le vocali e i dittonghi
Le vocali sono cinque: a, e, i, o, u.
Il loro numero sale però a dieci se si tiene conto della quantità, cioè della durata nella pronuncia. La quantità poteva infatti essere maggiore, cioè lunga, indicata con il segno - sovrapposto alla vocale stessa, oppure minore, cioè breve, indicata con il segno ­˘
I dittonghi, costituiti da "due suoni", risultano dall'unione di due vocali in un'unica sillaba. I dittonghi più frequenti sono ae, oe, au, eu. Sono più rari ei,ui, yi.

3. Le consonanti
Le consonanti latine si classificano in base al modo di articolazione e al luogo di articolazione.

  • Il modo di articolazione sancisce la differenza tra consonanti:
    - momentanee, perché pronunciate mediante un'emissione di suono istantanea, ottenuta occludendo il canale vocale per cui passa l'aria proveniente dai polmoni; sono anche dette mute, perché per essere pronunciate devono appoggiarsi a una vocale;
    - continue, perché non implicano interruzione del flusso d'aria proveniente dai polmoni e pertanto possono essere prolungate a piacere.
    Sono inoltre dette:
    - sorde le consonanti che vengono articolate senza far vibrare le corde vocali.
    - sonore le consonanti che implicano la vibrazione delle corde vocali.
  • Il luogo di articolazione dipende dall'organo vocale interessato nella dinamica della pronuncia, cioè dall'organo che interrompe o modifica il flusso d'aria proveniente dai polmoni. Da questo punto di vista le consonanti mute si possono distinguere in:
    - labiali, articolate attraverso l'accostamento delle labbra;
    - dentali, articolate appoggiando la lingua dei denti superiori;
    - velari, dette anche gutturali, articolate accostando la lingua al velo palatino o palato molle con un'eventuale chiusura delle labbra (labiovelari).
    Le consonanti continue, invece, si possono distinguere in:
    - nasali, quando il suono trova risonanza nelle cavità del naso;
    - liquide, quando il suono è assimilabile a un passaggio fluido;
    - spiranti, dette anche sibilanti, quando il suono si traduce in una sorta di sibilo.
Hai bisogno di aiuto in Grammatica latina?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email