ire91 di ire91
Ominide 50 punti

Dativo di fine

si trova con verbi come do, mitto, verto, tribuo, venio, relinquo, capio, dico in espressioni di:
-dare o mittere muneri= dare o mandare in dono
-mittere o venire o ire auxilio=mandare o andare in aiuto
-relinquere praesidio=lascire a difesa
-canere receptui=suonare a raccolta
diem dicere colloquio=stabilie il giorno del colloquio
lucum capere castris=scegliere un luogo per l'accampamento

Dativo di effetto

si trova solo con il verbo sum e indica il risultato di un'azione, in frasi tipo:
-auxilio esse=essere d'aiuto
-saluti esse=essere di salvezza
-usui esse=essere di utilità
-laudi esse=essere di lode
-ludibrio esse=essere oggetto di scherno
-curae esse=stare a cuore

Doppio dativo

consiste nell'unione del dativo di fine o di effetto con quello di vantaggio (o svantaggio).
1. dativo di fine+dativo di vantaggio.esempi:
-mandare in dono prigionieri a qualcuno=captivos alcui muneri mittere
-condurre legioni di sostegno a qualcuno=legiones subsidio alicui ducere
2.dativo di effetto + dativo di vantaggio. esempi:
-stare a cuore a qualcuno=cordi aliqui esse
-essere di peso a qualcuno=labori aliqui esse
-essere di gioia a qualcuno=gaudio aliqui esse

Verbi con doppio accusativo

sono quei verbi che reggono solo l'accusativo, quindi è possibile trovare due complementi diversi retti da uno di questi verbi entrambi in accusativo.
esempio: insiegno la storia ai fanciulli=doceo historiam pueros
alcuni d questi verbi sono: doceo, celo, peto, quaero, rogo, oro, flagito, disco.
per quanto riguarda peto e quaero, però, la costruzione può essere diversa:
1.doppio accusativo
2.accusativo della persona e a/ab o e/ex/de+ ablativo della cosa.

per doceo e celo, invece, bisogna fare un discorso a parte.

Doceo: la cosa insegnata può essere rappresentata anche da un infinito o da una proposizione oggettiva o interrogativa indiretta. inoltre questo verbo ammette anche la costruzione con l'accusativo della persona+de+ablativo della cosa, con il significato di "informare"
la costruzione passiva di doceo
1. con il participio perfetto: doctus o edoctus, che assumono funzione aggettivale e sono accompagnati dall'ablativo di limitazione

2.verbi usati al passivo: erudior, imbuor, instituor che si costruiscono con l'ablativo di limitazione
3.disco+accusativo della cosa e ablativo della persona con a/ab. esempio:a Carneade era stata insegnata la dialettica da Diogene=Carneades didicerat dialecticam a Diogene

Celo: spesso, al posto della costruzione con il doppio accusativo, la cosa viene espressa con de+ablativo.
la costruzione passiva di celosi costruisce personalmente, quindi la persona a cui la cosa si nasconde diventa soggetto, mentre la cosa che si nasconde si rende con de+ablativo o con l'accusativo di relazione se è espressa da un pronome. esempio: non si nascose quel veleno alla madre (=la madre non fu nascosta riguardo a quel veleno)=mater non celata est di illo veneno.

Registrati via email