Concetto di flessione

Il concetto di "flessione" è fondamentale in latino e propedeutico allo studio delle 5 declinazioni latine. Come nell'italiano, ma anche in tutte le lingue, esistono delle funzioni logiche, ossia i rapporti in cui le parole di una frase stanno l'una con l'altra: i complementi, il soggetto. I più comuni sono il complemento oggetto, quello di specificazione, di termine, di causa. Noi in italiano per esprimere i complementi ci serviamo delle preposizioni, semplici o complesse (di, del, per, con, a etc), infatti nella frase "il libro di Levi" -> di Levi è complemento di specificazione. Il latino che fa un uso molto più limitato delle preposizioni e non usa articolo, né determinativo, né indeterminativo, per indicare la funzione logica, usa la variazione delle desinenze all'interno della parola. E' quella che si chiama declinazione, o flessione. L'Italiano è una lingua che si presta bene all'esempio. Noi italiani a differenza degli spagnoli, degli inglesi, dei francesi, che si limitano a mettere una s per il plurale, nel nostro piccolo facciamo una declinazione e cambiamo la desinenza dal passaggio al singolare al plurale. Il plurale di una parola tipo rosa, per noi infatti è rose. Prima avevamo la -a per il singolare, al plurale invece è diventata una -e. Queste sono le desinenze. ros è pertanto la radice e -a , -e le sue desinenze. Invece in latino, la parola rosa ha varie desinenze:
ros-a, ros-ae, ros-ae, ros-am.
Noi infatti annoveriamo solo il cambiamento dal singolare al plurale, il latino invece anche il cosiddetto "caso". Il caso altro non è che l'equivalente dei nostri complementi.

Esistono 6 casi:
- caso nominativo: corrisponde al soggetto
- caso genitivo: corrisponde al complemento di specificazione
- caso dativo: al complemento di termine
- caso accusativo: a complemento di oggetto
- caso vocativo: al complementodi vocazione
- caso ablativo: racchiude in se più complementi, come quello di causa, di compagnia (di solito si distinguono dalla preposizione che si usa assieme a questo caso).

In latino esistono 5 declinazioni, perché le parole non si flettono tutte allo stesso modo. Noi ora incominciamo a vedere ed a studiare la prima declinazione, solo il primo gruppo, cioè quello dei nomi femminili, che per quanto riguarda questa declinazione e che sono la maggioranza (esistono dei gruppi anomali e particolari che vedremo in seguito). Vediamo dunque la prima declinazione, nomi femminili.

Partiamo con la parola "rosa":
Singolare
Nominativo: ROS - A la rosa (soggetto)

Genitivo: ROS - AE della rosa
Dativo: ROS - AE alla rosa
Accusativo: ROS - AM la rosa (complemento oggetto)
Vocativo: ROS - A oh, rosa
Ablativo: ROS - A con la rosa, per mezzo della rosa ecc...

Plurale
Nominativo: ROS - AE le rose (soggetto)
Genitivo: ROS - ARUM delle rose
Dativo: ROS - IS alle rose
Accusativo: ROS - AS le rose (complemento oggetto)
Vocativo: ROS - AE oh, rose
Ablativo: ROS - IS con le rose, per mezzo delle rose

Registrati via email