Home Invia e guadagna
Registrati
 

Password dimenticata?

Registrati ora.

Verbi servili e fraseologici

Alcuni verbi si uniscono ad altri per completarne il significato e si dicono servili; altri si uniscono per formare un unico predicato e si dicono fraseologici

E io lo dico a Skuola.net
Verbi Servili

Alcuni verbi, pur avendo un significato autonomo, si uniscono ad altri per completarne il significato, per accentuare una sfumatura, precisandone la persona, il tempo, il modo così da formare un unico predicato. Per questo motivo sono chiamati veri servili e sono tre:
1. dovere
2. potere
3. volere

Seguiti poi da verbi marginali come:
* osare
* preferire
* desiderare

esempi:devo partire, Paolo non vuole arrivare in ritardo, Matilde non ha potuto telefonare
Questi verbi se sono usati in modo autonomo si coniugano con l'ausiliare avere; quando sono in funzione di verbi servili si coniugano con l'ausiliare del verbo che reggono (es. Luisa è dovuta partire, Sonia ha voluto correre). Tuttavia li coniughiamo sempre con l'ausiliare avere se:
1. sono servili del verbo essere( avresti potuto essere il migliore),
2. sono servili di verbi alla forma riflessiva o intransitiva pronominale con la particella dopo il verbo, in posizione enclitica (Ha potuto lavarsi, ha preferito fermarsi)

Verbi Fraseologici
Alcuni verbi, pur avendo un loro significato automo, si uniscono ad altri, formando un unico predicato, in forma di perifrasi.Questi verbi si uniscono all'infinito del verbo che reggono tramite una preposizione, costituendo una specie di frasi, detti appunto fraseologici. Esempi: La tempesta sta per arrivare, La nonna ha iniziato a curarsi,Tra poco comincierà a ridere
Sono verbi fraseologici:
1. cominciare a
2. stare per
3. provare a
4. sforzarsi di
5. tentare di

Altri verbi, come:
* fare
* lasciare

Si uniscono direttamente al verbo che reggono : ed esprimono l'azione causata dal soggetto, sono perciò detti verbi causativi: es.Ada lasciò uscire il cane. Quando esprimono il rpolungarsi di un'azione causata dal soggetto sono seguiti dal gerundio esempio: "sto parlando", "cosa vai dicendo?".
Contenuti correlati
Registrati via email