Ominide 53 punti

Venti

La formazione di cicloni extratropicali è legata all’incontro di masse d’aria caratterizzate da temperatura e umidità diverse.
Aria fredda: proveniente dal polo. Aria calda: proveniente dai tropici.
I cicloni extratropicali si muovono da Ovest verso Est.
FRONTE FREDDO: aria fredda rimane a contatto con il suolo e costringe l’aria calda e salire.
FRONTE CALDO: aria fredda rimane a contatto con il suolo e l’aria calda ci scivola sopra muovendosi lungo un piano inclinato.
FORMAZIONE DI UN CICLONE EXTRATROPICALE:
1. l’aria fredda e l’aria calda si incontrano lungo il fronte polare;
2. l’aria fredda si muove verso sud, verso una zona già occupata dall’aria calda;
3. tra le due masse si stabilisce un fronte freddo. L’aria calda si muove verso nord, verso una zona già occupata dall’aria fredda e si stabilisce un fronte caldo;
4. il fronte freddo (più veloce) raggiunge il fronte caldo;
5. l’aria calda viene completamente sollevata dal terreno e si parla di fronte occluso.
CICLONI TROPICALI: aree di bassa pressione pronunciata ed estensione ridotta. Interessano le regioni comprese fra i 5° e i 30° di latitudine nord/sud. Si spostano dalla zona di formazione muovendosi da est verso ovest.
TORNADO: perturbazione atmosferica più violenta di un ciclone tropicale. Si formano di solito da una nube temporalesca. Hanno l’aspetto di un lungo e stretto vortice, a forma di imbuto, che dalla nube raggiunge il suolo. Nel tornado l’aria si muove a spirale, dal basso verso l’alto.

Tempo Atmosferico
Stato dell’atmosfera in un dato momento e in una certa località.

Clima
stato medio del tempo atmosferico in una determinata località rilevato nell’arco di decenni.

Fattori climatici
• vicinanza al mare;
• latitudine;
• presenza di monti;
• correnti marine.

Elementi climatici
• temperatura;
• umidità e precipitazioni;
• venti;
• pressione.

Registrati via email