Le origini storiche del <<sottosviluppo>>

Dalla caduta dell'Impero Romano d'Occidente (476 d.C) fino agli inizi del XIII secolo, l'Europa presentò una condizione economica arretrata rispetto ai maggiori imperi extraeuropei (impero Cinese, Impero Bizantino e Califfato islamico di Baghdad).
Dal XIII secolo iniziò l'ascesa economica dell'Europa che, nei secoli successivi, assunse una posizione dominante sul resto del mondo attraverso le esplorazioni geografiche, la superiorità sui mari, la conquista di vasti territori e una forte capacità di innovazione tecnologica. La rivoluzione industriale, iniziata in Inghilterra nella seconda metà del Settecento, rimase a lungo un fenomeno soltanto europeo: nel XIX secolo si diffuse in Belgio, Germania, Francia e in altre regioni europee e successivamente anche negli Stati Uniti e in Giappone. Per il crescente bisogno di materie prime e per espandere il mercato dei prodotti industriali, le potenze europee iniziarono un'espansione coloniale in Africa e in Asia.

Alla fine del XIX secolo gli Stati Uniti divennero la maggiore potenza industriale.

Registrati via email