Ominide 8039 punti

Russia asiatica - territorio

La parte asiatica della Russia si estende dalla catena degli Urali fino all'Oceano Pacifico. Gli Urali si allungano da nord verso sud e presentano rilievi poco elevati che non raggiungono i 2000 metri e sono ricoperti da estese foreste. A est degli Urali, l'immensa regione della Siberia si divide, da ovest verso est, in tre aree:
-Bassopiano Siberiano Occidentale, una vasta pianura attraversata da numerosi corsi d'acqua e ricca di zone paludose;
-Altopiano Siberiano Centrale, delimitato a est dal fiume Lena;
-Oltre il fiume Lena, nella sezione orientale, una regione occupata da una serie di catene montuose che raggiungono le coste del Pacifico.
A sud la Russia asiatica è delimitata da importanti sistemi montuosi: i Monti Altaj, al confine con il Kazakistan, i Monti Saiani e Jablonovy, al confine con la Mongolia.
L'Ob e lo Enisej sono i fiumi principali della Siberia. Nascono entrambi dai rilievi meridionali e, dopo aver attraversato il Bassopiano Siberiano, sfociano a nord nel Mare di Kara. Sono navigabili per lunghi tratti ma soltanto nel periodo primaverile ed estivo, quando le loro acque non sono gelate. Più a oriente si trova il fiume Lena, che segna il confine orientale dell'Altopiano Siberiano e sfocia nel Mar Glaciale Artico formando un ampio delta. La navigazione sulle sue acque è ostacolata dal ghiaccio per gran parte dell'anno.

Nella parte montuosa meridionale dell'Altopiano Siberiano Centrale si trova il Lago Bajkal, dalla forma stretta e allungata. E'uno dei più vasti e profondi bacini lacustri del mondo, con una superficie che è quasi novanta volte quella del Lago di Garda. La sua grande massa d'acqua riesce a mitigare notevolmente il clima delle regioni circostanti.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email