Ominide 8039 punti

Risorse ed economia del Kenya

L'economia del Kenya,dopo un periodo di benessere successivamente all'indipendenza, oggi si trova in una fase di crisi. La crisi e le gravi condizioni di vita della popolazione è stata accelerata a causa dell'instabilità politica, dalla corruzione e dalle continue violazioni dei diritti umani.
La maggioranza dei contadini pratica un'agricoltura di sussistenza, poco redditizia. I prodotti principali sono sono il mais, miglio, sorgo e riso. L'agricoltura di piantagione risulta molto produttiva e le principali piantagioni sono quelle del caffè, del tè, del tabacco, della canna da zucchero e del piretro. Si allevano ovini, bovini e caprini.
Le principali industrie sono quelle petrolchimiche e dei fertilizzanti; altre industrie molto importanti sono quelle tessili e alimentari.
La rete stradale è molto estesa , ma non è tutta asfaltata. L'asse principale è la direttrice Nairobi-Mombasa, che sono città collegate da una linea ferroviaria e dotate di aeroporti internazionali; Mombasa ha il porto principale del Paese.

Sono molto intensi i commerci sia in entrata che in uscita, soprattutto con Germania, Giappone e Regno Unito.
Il turismo è molto attivo; i turisti vengono attirati dalle spiagge sull'oceano e dai parchi naturali anche se solo meno della metà dei soldi rimane in Kenya.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email