L'Europa è il continente più trasformato e ciò ha provocato molti problemi:
-i mutamenti climatici dovuti allo scioglinento dei ghiacciai, all'inversione dei poli, alla trasformazione umana del territorio, all'aumento della temperatura,
ecc...;
-le piogge acide, ossia le precipitazioni atmosferiche ricche di sostanze inquinanti come l'acido solforico e l'acido nitrico che hanno origini naturali come le eruzioni vulcaniche, gli incendi boschivi, ecc... o umane, come le centrali termoelettriche, il riscaldamento domestico, ecc... Tutto ciò provoca danni alla salute dell'uomo, ai monumenti, alla vegetazione e agli ecosistemi acquatici;
-la qualità delle acque dereriorate dall'inquinamento dei mari, dei fiumi e dei laghi che causa l'eutrofizzazione (l'eccesso di sostanze nutritive, i danni alla flora e alla fauna e la regolamentazione del corso dei fiumi (ossia la costruzione di dighe che impedisce il libero trasporto dei detriti alluvionali e il deposito degli stessi presso le foci);

-lo smaltimento dei rifiuti-sia urbani che industriali-che vengono scaricati nelle acque per mancanza di inceneritori o discariche;
-l'esaurimento delle risorse dovute all'aumento demografico e alla concentrazione sempre più crescente della popolazione dalle campagne alle città;
-il disboscamento che ha causato la scomparsa delle foreste a favore di distese coltivate;
-le tecniche di pesca che stanno devastando i fondali marini.
Per valutare la qualità dell'ambiente si è ricorso a degli indicatori relativi all'emissione di sostanze inquinanti nell'atmosfera, all'inquinamento delle acque, all'uso di pesticidi e fertilizzanti, allo smaltimento dei rifiuti e ai consumi energetici.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email