Ominide 50 punti

I Pirenei sono una catena montuosa che si estende per circa 430 km dal golfo di Biscaglia (nell'oceano Atlantico) fino Capo Creus nel mar Mediterraneo, e separano la Francia della Penisola Iberica.
Occupano una superficie di 54.503 kmq e una larghezza compresa tra i 30 km del settore occidentale e i 150 di quello orientale.
La catena si innalza bruscamente dal bacino d'Aquitania (a Nord) con un pendio ripido e compatto che oppone serie difficoltà alle comunicazioni.
A Ovest i Pirenei degradano dolcemente e linearmente verso l'Oceano con poche cime al di sopra dei 2000 m.

Il Clima

La catena dei Pirenei funge da spartiacque climatico. Il versante francese ha un clima caldo ed umido, con piogge abbondanti apportate dai venti di Nord-Est (2000 mm annui) e nevi perenni al di sopra dei 2800 m.
Assai più vario è il clima del versante iberico, dove la parte occidentale gode di piogge regolari che mitigano le estati; mentre quella centrale presenta un quadro continentale con estrema povertà di precipitazioni.

Le Caratteristiche Fisiche

I Pirenei sono divisi in tre dipartimenti: orientali, occidentali e centrali. Nel dipartimento orientale ha sede il piccolo Principato di Andorra: 5 milioni di turisti visitano annualmente questo piccolo stato, fatte per metà da pascoli e ricoperte per un quarto di foreste. La capitale di Andorra è Andorra La Vella con 20.780 abitanti.

I fiumi del versante spagnolo sono tutti affluenti dell'Ebro.

Le vette più elevate si trovano nella parte centrale dei Pirenei:
· Pico de Aneto o Pic de Nèthan (3404 m)
· Mont Posets (3375 m)
· Mont Perdu o Monte Perdido (3355 m)

Le valli principali sono:
· Conflent
· Vallespir
· Capcir

I passi più importanti sono:
· Somport
· Tourmalet
· Perche

I torrenti (chiamati dai Francesi Gaves) sono:
· Aragòn
· Cinca
· Segre
· Aude
· Save

Sul versante francese sono presenti delle foreste di latifoglie ( querce, faggi....) e, oltre i 2000 m, quelle di conifere ( pini,abeti.... ). Sul versante francese dominano querceto e macchia mediterranea.Oltre i 1500 m ci sono alberi spogli, abeti e pini uncinati.


Le Caratteristiche Antropologiche

L' economia dei Pirenei è basata principalmente sull' allevamento del bestiame ( bovini e pecore merinos ),sulla coltivazione di grano e mais e sugli impianti metallurgici, elettrochimici e metalmeccanici.
Notevoli gli stabilimenti dove si fonde l' alluminio:
· Sabinago
· Lannemezan
· Ariège,

ma anche quelli elettrochimici:
· Pierrefitte
· Marignac
· Monzon

A Ovest sono presenti numerose industrie manufatturiere ( alimentate dall' energia idrolelettrica ricavata dai fiumi montani ).
Di una certa rilevanza sono le miniere di:
· bauxite
· ferro
· piombo
· zinco
· manganese
· carbone,

Riguardo al turismo le città più frequentate sono:
· Tolosa
· Lourdes
· Jaca
· Ripoll

Da segnalare inoltre numerose sorgenti termali:
· Ax - les - Thermes
· Luchon
· Cauterets
· Bagnéres - de - Bigorre

La Popolazione Tipica

In una piccola zona che si affaccia sul Golfo di Biscaglia vivono i Baschi.
Sono una popolazione di antichissima origine, giunta in questa regione in epoca preromana.
La loro lingua non appartiene al ceppo indoeuropeo e si distacca completamente a tutte le altre del continente.
Resistono alle trasformazioni del tempo e della storia cercando di mantenere inalterato il proprio modo di vivere, infatti hanno mantenuto le loro tradizioni, basate su un'organizzazione familiare patriarcale, con musiche, danze, sport e giochi di forza e destrezza.
Dal 1876 i Baschi rivendicano la loro autonomia e lottano per ottenere la completa indipendenza anche attraverso attentati e sequestri da parte di organizzazioni estremistiche come l' ETA ( Comunità Basca e Libertà ).
I Baschi si nutrono di un'alimentazione tipicamente mediterranea, assai poco specializzata a causa dell' assenza di strutture per l' irrigazione dei campi.

La Geologia

I Pirenei sono monti più antichi delle Alpi:infatti i sedimenti che li compongono furono inizialmente depositati in bacini litoranei, durante il Paleozoico e il Mesozoico.
Nel periodo cretaceo inferiore, il fondale marino sotto il Golfo di Biscaglia si è alzato spingendo la Spagna contro la Francia e ponendo gli strati di sedimento in una sorta di stretta. La pressione e il sollevamento della crosta terrestre hanno interessato in primo luogo la parte orientale ed hanno influenzato progressivamente l' intera catena, con un culmine nell' Oceano Atlantico. La parte orientale dei Pirenei è costituita in gran parte da granito e da gneiss, mentre la parte occidentale da granito e calcare.
L' aspetto voluminoso e "nuovo" della catena viene dalla relativa abbondanza di granito, che è particolarmente resistente all' erosione.

La Storia

La storia dei Pirenei comincia nella Preistoria, come dimostrano alcuni ritrovamenti archeologici.
Nel III secolo A.C. i due versanti sono popolati dai Celtiberi e nel 219 A.C. passa Annibale nella sua marcia verso Roma dopo la presa di Sagunto.
Nel V secolo i Barbari e gli Svevi si insediano ai piedi dei Pirenei, e i Visigoti nel 412 fondano un impero vicino al bacino d' Aquitania.
I re carolingi nel secolo VIII - X impongono la loro autorità sui Pirenei. Carlo Magno, dopo una spedizione contro i Musulmani ( 778 ) crea una zona sicura nel Sud della catena. Le ostilità tra Spagna e Francia cessano il 7 Novembre del 1659, quando viene stipulato il trattato dei Pirenei.
Tuttavia le tensioni continuano fin dopo la Guerra di Spagna ( 1808 - 1814 ).Durante la guerra civile spagnola ( 1936 - 1939 ) i Pirenei diventano il rifugio delle forze repubblicane.

Il parco nazionale

Il parco nazionale dei Pirenei creato nel 1967 e si estende dalla Val d'Aspe al massiccio di Néauvielle.
Copre una superficie di 500 kmq (45.000 ettari) ed é un luogo di osservazione della fauna selvaggia (camosci, rapaci, marmotte...).
La natura selvaggia e la bellezza sono totalmente preservate. Da lì si possono ammirare le cime più alte, le famose cascate del Ponte di Spagna e la Brèche de Roland.

La Val d'Aspe

Situata nella parte Atlantica questa valle pittoresca è ancora attraversata da pellegrini.
Sovrastata da picchi rocciosi la valle deve il nome a un torrente e si estende per 40 km.In gran parte è compresa nel Parco Nazionale.


Pace dei Pirenei

Trattato stipulato il 7.11.1659 nell'isola dei Fagiani, sul fiume Bidassoa. Pose fine al conflitto iniziato nel 1635, e segnò un netto successo della politica del cardinale Mazzarrino. La Spagna cedeva alla Francia: l'Alsazia, l'Artois, le Fiandre, il Rossiglione e la Cerdagna. A sugellare la pace venne inoltre stabilito che Luigi XIV avrebbe sposato la figlia di Filippo IV di Spagna (Maria Teresa) rinunciando però ad ogni pretesa sulla corona spagnola.

Registrati via email