Parte geografica dell'italia settentrionale

L'Italia settentrionale è quella sezione compresa tra le alpi al nord e al sud dalla zona settentrionale degli appennini. Comprende otto regioni: Liguria, Piemonte, Valle D’Aosta, Lombardia, Emilia-Romagna, Trentino Alto-Adige, Veneto e Friuli Venezia Giulia.
A caratterizzare quest’area sono due principali elementi geofisici: le Alpi, un sistema montuoso che separa il continente dalla Svizzera, Austria, Slovenia e Francia e la pianura padana, racchiusa tra le Alpi a nord e a ovest, gli Appennini a sud e il mar Adriatico ad est.

Alpi: Le Alpi sono la più importante catena montuosa dell’Europa e si estendono per 1200km. Risalgono a un periodo compreso tra 40 e 25 milioni di anni fa, probabilmente sommerse da una coltre di ghiaccio e, grazie al modellamento glaciale, si è dato vita a valli e valichi. Le Alpi si dividono in Alpi Occidentali, Alpi Centrali e Alpi Orientali.

• Le Alpi Occidentali comprendono le Alpi Marittime, le Cozie, le Graie e le Pennine. Tra le Alpi Marittime e le Cozie svettano l’Argentera e il Monviso, ma molto più protese in altezza sono le montagne presenti tra le Alpi Graie e Pennine: Gran Paradiso, Monte Bianco, Monte Rosa e Cervino.
• Le Alpi Centrali si estendono tra il Sempione e il Brennero e si dividono in Alpi Lepontine e Retiche. Tra i pizzi più elevati troviamo il monte Disgrazia, Cevedale.
• Nelle Alpi Orientali vi è una grande varietà di paesaggi ed esse comprendono le Alpi Atesine, Carniche e Giulie. Le montagne sono più ampie e presentano delle conche ove è frequente la manifestazione del carsismo. Troviamo la Palla Bianca e i Coglians.
Seguono alle Alpi, le Prealpi, dalla forma di altipiani ed hanno altitudini più modeste delle Alpi e godono della presenza di laghi di origine glaciale e, pertanto, di un clima più mite. Le vette delle Prealpi superano i 3000m e tra le principali troviamo: il Pizzo di Coca, il Pizzo della Presolana.

Pianura padana: La pianura padana ha un’estensione di 46000km2 e declina dolcemente da ovest ad est. Corrisponde a un golfo del mar Adriatico che è stato colmato da detriti portati a valle dai fiumi alpini e appenninici. In essa si distinguono due fasce: una alta, caratterizzata da un terreno ghiaioso, e una zona bassa, caratterizzata da materiale permeabile e più leggero. E’ frequente il fenomeno delle risorgive, ossia una sorgente di tipo carsico che ha origine da una falda freatica e che affiora in superficie dopo un percorso sotterraneo.

Fiumi: Il Po è il maggiore fiume italiano e si estende per 652km, ma anche per ampiezza del suo bacino idrografico, occupando un’area di 75000km2. La sua sorgente principale si trova nel Pian del Re, sul Monviso. Bagna diverse città tra cui: Torino, Cremona e Ferrara.

Laghi: Il Lago di Garda è il maggiore lago della penisola, di origine glaciale ed occupa un’area pari a 370km2 ed è situato tra Lombardia, Veneto e Trentino-Alto Adige.

Clima e vegetazione: Per quanto riguarda la vegetazione essa varia a seconda l’altitudine: abbiamo boschi di latifoglie, castagni, querce e faggi. Alle quote più alte: conifere e una fascia di vegetazione arbustiva. Il clima è freddo e montano con forti escursioni termiche e più continentale lungo le costa ligure e veneta.

Registrati via email