Ominide 6600 punti

Minerali – Unità fondamentali delle rocce

Il termine minerale si usa nel linguaggio comune per indicare molte cose diverse, dai materiali per l’edilizia ai Sali minerali, i composti organici che introduciamo nel nostro organismo attraverso l’alimentazione.
Per i geologi i minerali sono sostanze naturali, inorganiche, allo stato solido, omogenee, con una ben definita composizione chimica e una struttura interna regolare e ripetitiva. Tra i componenti della crosta terrestre vi sono altri materiali natura, inorganici e solidi che pero non hanno disposizione ordinata e ripetitiva a livello atomico; sono detti solidi amorfi e si presentano come masse vetrose.
Vediamo, dunque, il significato di ciascuna delle caratteristiche proprie dei minerali.
• Sono sostanze naturali: si formano attraverso processi che avvengono in natura (perciò non è un minerale un diamante sintetico prodotto in laboratorio)

• Sono sostanze inorganiche: salvo poche eccezioni, vengono prodotti nel corso di processi in cui non intervengono organismi viventi.
• Sono sostanze omogenee: entro certi limiti, hanno le stesse proprietà fisico-chimiche in ogni loro parte.
• Hanno composizione chimica definita ed esprimibile con formula chimica. Alcuni minerali come l’oro, l’argento, lo zolfo sono formati da un solo tipo di elemento chimico. La maggior parte dei minerali sono invece composti chimici di due o più elementi diversi, presenti in percentuali costanti (di solito in forma di ioni positivi e negativi). Ecco perché ogni specie di minerale viene identificata da una formula chimica. Per esempio, il quarzo, che è composto dagli elementi ossigeno e silicio (2 atomi di ossigeno per ogni atomo di silicio), ha formula chimica SiO2.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email