Sapiens 2037 punti

Le isole Galàpagos

Le isole Galàpagos devono il loro nome alle grandi tartarughe che vi abitano (in spagnolo galàpagos = tartarughe giganti).L'arcipelago è formto da tredici isole maggiori, tra cui Isabela, Fernandina, Santa Cruz, San Salvador, San Cristobàl, da quarantadue isolotti e numerosi scogli.La isole, di origine vulcanica, si formarono in corrispondenza di un punto caldo sul fondale del Pacifico, ma, per lo spostamento verso est della placca di Nazca che scorre sotto la placca di Cocos, le isole più antiche, sarebbero sprofondate.Le isole attuali, si sono formate probabilmente, intorno ai 2-3 milioni di anni fa.La scoperta delle isole più antiche, sommerse, ha permesso di scoprire un mistero al quale molti biologi lavoravano e cioè come la vita si è potuta produrre in poco tempo e con tanta varietà mentre per formarsi le isole ci misero tanto.La spiegazione data oggi può essere che, le prime specie animali e vegetali, arrivarono dal continente sudamericano trasportate dalla corrente su zattere naturali, come tronchi o agglomerati di vegetali, e sbarcarono sulle isole più antiche.Da qui poi quando sprofondarono,si trasferirono su quelle più recenti.Le Galàpagos, situate sulla linea dell'equatore, hanno un clima molto particolare.Qui infatti, arriva la corente di Humboldt, o del Perù, corrente fredda proveniente dall'Antartico, che rende le acque marine più fredde e consente la vita di animali, come pinguini e otarie, che, altrimenti, non potrebbero vivere a questa latitudine.La vegetazione è costituita prevalentemente da piante spinose, come cactus, di cui si cibano le iguane terrestri e le tartarughe.Gli altopiani interni sono umidi e hanno fitte foreste.Queste isole sono popolate da molte specie di animali, alcune delle quali vivono solo qui.Infatti, nel 1934, fu istituito il Parco Nazionale delle Galàpagos e dal 1967 è presente un Istituto di Ricerca sulla flora e sulla fauna dedicato a Darwin.

Registrati via email