Ominide 4399 punti

L’istruzione nel mondo

Negli ultimi cinquant'anni la domanda di istruzione è cresciuta in tutti i Paesi. Istruzione e formazione sono considerate indispensabili sia per stimolare la crescita economica, in quanto elementi essenziali per competere nel mercato mondiale grazie all'incremento del cosiddetto capitale umano, sia per far crescere il livello di sviluppo umano. Il percorso scolastico comincia in genere verso i quattro o cinque anni di età e si conclude al termine dell’adolescenza o poco dopo i 20 anni: istruzione primaria, secondaria e universitaria sono i tre “gradi” di questo percorso e i diversi livelli raggiunti determinano le principali differenze tra i Paesi. Oggi l’istruzione primaria è un elemento consolidato non solo nei Paesi industrializzati dove l’analfabetismo riguarda al massimo il 2-3% della popolazione, ma anche in America latina e in Asia e in misura minore in Africa. Lo studio e la conoscenza sono alla base della crescita economica, sociale e umana degli Stati e dei singoli individui. Negli ultimi anni, quasi ovunque, il diritto all'istruzione è stato esteso al maggior numero possibile di persone. In alcuni tra i Paesi più poveri, però, i bambini che non concludono le scuole primarie sono molti e le differenze fra Stati poveri e ricchi si fanno più marcate a mano a mano che si avanza nel percorso scolastico: in tutto il mondo, solo un giovane su 20 riesce a frequentare l’università.

Registrati via email