Ominide 44 punti

Sistema delle Caste

In India, le caste erano (e sono tuttora nella mentalità delle persone) dei gruppi sociali basati sull’endogamia, la chiusura, la specializzazione professionale, la gerarchizzazione.

Le caste erano quattro:
1) i bramini (sacerdoti)
2) i guerrieri
3) gli artigiani e i mercanti
4) i sudra contadini

Ci sono poi i “senza casta” / i paria (“gli intoccabili”). Tra gli studiosi si tende a ritenere che le caste siano nate dalla suddivisione degli Arya (una popolazione indoeuropea di pelle chiara insediatosi nel Nord dell’attuale India attorno al 1600 a.C.) in guerrieri, sacerdoti e mercanti (prime tre caste) e poi dall’accettazione degli agricoltori Dravidi (probabilmente primi abitanti dell’India, di pelle scura, sottomessi e respinti verso il Sud dagli Arya) come quarta casta, quella dei sudra. Ognuna delle quattro caste è suddivisa in “jati”, gruppi minori differenti tra loro per mestieri, stirpi, tribù, sette, luoghi geografici. Ogni casta è caratterizzata da un proprio gruppo di “purezza”.

L'evoluzione recente delle caste

Negli ultimi anni il sistema delle caste ha cominciato a essere modificato dall’ urbanizzazione, dalla modernizzazione e dall’introduzione di un regime politico parlamentare. L’ “intoccabilità” è stata abolita ufficialmente nel 1950. Oggi ci possono essere ricchi agricoltori sudra e bramini poveri, tuttavia l’appartenenza di casta continua a influenzare le scelte professionali; inoltre né il denaro né la fama culturale e politica possono cancellare la nascita. Nonostante il sistema delle caste si basi sull’induismo, esso vige, in India, perfino tra i musulmani e i cristiani.

Registrati via email