Ominide 8039 punti

Il fragile equilibrio dei parchi

Nel nord-ovest della Tanzania vi è una regione chiamata Pianura del Serengeti: si tratta di una sconfinata savana dalla tinte rosso- brune con erbe alte e con le tipiche acacie a ombrello, una pianura con estese praterie intervallate da zone collinari e boschive. Questi territori formano il Serengeti National Paek, uno dei parchi più vasti ( circa 14700 chilometri quadrati) e più famosi del mondo.
Immense mandrie di animali migrano da sud a nord e viceversa, secondo il corso delle stagioni, alla ricerca di pascoli verdi e di pozze di acqua. Tra gennaio e Febbraio lo spettacolo è ancora più suggestivo. Gli animali si ammassano sull'altopiano a perdita d' occhio: milioni di gnu, gazzelle e zebre si riuniscono in branchi,che a volte raggiungono la lunghezza di 40 chilometri.

Il problema del carbonchio

Il turismo altera gli equilibri naturali. Vengono aperte strade, sul cui fondo si formano pozze d'acqua piovana a forte salinità. Lì vive e si moltiplica il carbonchio, un batterio che infetta e uccide gli erbivori che si abbeverano: gazzelle, antilopi, giraffe. Aumentano cosi le carcasse sparse, che vengono trovate e mangiate senza difficoltà dai carnivori come i leoni che, grazie all'eccesso di cibo, si riproducono in modo esagerato, alterando il rapporto tra preda e predatore, già reso anomalo da altri fattori, come la diminuzione delle migrazioni.
Questo sbilanciamento nella catena alimentare può provocare l'eccessiva riduzione degli erbivori e, alla fine, dei leoni stessi.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email