VIP 2446 punti

LA FORMAZIONE DEGLI STATI EUROPEI

[

center]Dal predominio del Mediterranei a quello dell'Atlantico

Il Mediterraneo è stato a lungo il ''cuore'' dell'Europa. Le civiltà mediterranee più importanti sono state quelle dei Greci e dei Romani. In seguito,anche il cristianesimo contribuì all'unificazione religiosa e culturale di gran parte dell'Europa. L'Europa fu protagonista di un'espansione sempre più intensa che spostò il centro del continente sull'area atlantica,dove si sono formati i primi grandi Stati nazionli (Portogallo,Spagna,Francia,Paesi Bassi,Inghilterra) che avviarono il colonialismo . Il predominio europeo si rafforzò grazie alla supremazia tecnologica procurata dalla Rivoluzione industriale.

La grande frammentazione nel XX secolo

Negli ultimi decenni del 19° secolo l'Europa era divisa dalle lotte sociali e dalla competizione fra le potenze industriali e coloniali che alimentava il nazionalismo . I contrasti sfociarono nelle due guerre mondiali. Al termine della Prima erano scomparsi l'Impero austro-ungarico e quello ottomano,mentre quello e russo era stato abbattuto dalla rivoluzione guidata da Lenin,che creò l'URSS e instaurò un regime totalitario ''comunista''. Anche in Italia,Germania,Portogallo e Spagna i conflitti sociali portarono alla costituzione di Stati totalitari (fascismo e nazismo).

Dopo la Seconda guerra mondiale, scatenata dal regime nazista della Germania e costata milioni di vittime e immani distruzioni, l'Europa occidentale aveva perso la sua posizione di predominio a favore di USA e URSS. Scoppiarono rivolte anticolonialiste e Regno Unito,Francia,Belgio e Portogallo dovettero rinunciare ai loro domini in Africa e Asia.
Fra Paesi comunisti e Paesi democratici scoppiò la guerra fredda mentre nell'Europa occidentale stava nascendo la Comunità Economica Europea.
All'inizio degli anni Novanta del Novecento i regimi comunisti sono caduti a causa di una gravissima crisi economica e politica. La Germania si è riunificata e sono nati nuovi Stati indipendenti (Estonia,Lituania,Lettonia,Ucraina,Bielorussia,Moldova,Georgia,Armenia e Azerbaigian); la Cecoslovacchia si è divisa in due Stati e la Iugoslavia in sei (Slovenia, Croazia, Serbia, Montenegro, Bosnia-Erzegovina, Macedonia), fra i quali sono scoppiati violenti conflitti.

Un nuovo tentativo di unificare l'Europa

Nel 1957, con la firma del Trattato di Roma, Italia, Francia, Germania e Benelux fondano la Comunità Economica Europea (CEE) che promuove la costituzione di un grande mercato unico e la libera circolazione di persone, merci e capitali. In seguito, il numero dei Paesi aderenti è via via aumentato. Nel 1993 è stato deciso di trasformare la CEE in Unione Europea, istituendo l'euro come moneta unica (non adottata da tutti i Paesi però) e ampliando gli obiettivi in campo politico e sociale.

Le principali istituzioni dell'UE sono: la Commissione ,che ha funzione esecutive; il Parlamento, che rappresenta i cittadini che lo eleggono ogni cinque anni; il Consiglio ,che rappresenta i governi nazionali ed è il principale organo politico; la Corte dei Conti ,che controlla le finanze dell'UE ; la Corte di Giustizia ,che applica il diritto comunitario.

Registrati via email