La foresta equatoriale è il bioma con la maggior biodiversità, e proprio per questo necessita di essere protetta e non sfruttata in maniera esagerata. Qui la flora e la fauna regnano da millenni, offrendo all'uomo scenari incontaminati di natura incantata. Tra le tante foreste, ha sicuramente una grande importanza quella Amazzonica, definita il polmone verde del mondo per l'abbondanza di vegetazione. La foresta equatoriale ha un ruolo importantissimo sulla Terra poichè assorbe quantità di CO2 maggiori rispetto agli altri biomi, influenza il sistema idro-geologico e frena la desertificazione. Il clima è caldo e umido, condizioni ideali che permettono lo svilupparsi di numerose piante, la cui altezza è compresa tra i 60 e gli 80 metri. In questo bioma vivono popolazioni indigene profondamente legate alla foresta, dalla quale dipende la loro stessa vita, che grazie all'azione continua dell'uomo corrono il rischio di scomparire per sempre. Lo sfruttamento intensivo delle foreste equatoriali di tutto il mondo le sta distruggendo progressivamente: le loro risorse vengono utilizzate soprattutto per l'agricoltura e l'allevamento, le rare specie di alberi alimentano il commercio, il sottosuolo offre grandi quantità di minerali, i fiumi rappresentano un potenziale per l'energia idroelettrica... Ma bisogna fare attenzione a tutto questo, perchè questo bioma potrebbe scomparire nel giro di pochi decenni.

Hai bisogno di aiuto in Geografia?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email