Ominide 2324 punti

Fonti energetiche e rinnovabili

Le principali fonti energetiche
Le fonti d’energia provengono maggiormente dal carbone, dal petrolio, dal gas naturale e dall’uranio.
Sono fonti non rinnovabili e coprono circa l’80% del fabbisogno energetico mondiale.

Carbone
L’impiego di carbone fossile (antracite, litantrace e lignite) copre un quarto del fabbisogno globale di energia, ma attualmente si è ridotto per i seguenti motivi:
• L’esaurimento di molti giacimenti;
• Aumento dei costi di estrazione e di trasporto;
• Alto tasso di inquinamento;
• Concorrenza di altre fonti.

Petrolio
Il petrolio ha bassi costi di estrazione, è facilmente trasportabile, è meno inquinante del carbone e ha un alto potere calorifico.
Il carbone copre un terzo del fabbisogno energetico.

Il petrolio si è andando formando nelle viscere della Terra attraverso il decadimento di residui organici che aveva sottratto all’atmosfera l’eccesso di anidrite carbonica.

Gas naturale
Il gas naturale, 24% del fabbisogno energetico, è utilizzato molto perché:
• Ha un basso costo di estrazione;
• È facilmente trasportabile utilizzando i gasdotti;
• Ha un alto potere calorifico;
• È il combustibile meno inquinante.
Le riserve mondiali di gas sono concentrate:
• Nella Siberia occidentale;
• Nel Medio Oriente e nel Nord Africa;
• Nell’Europa settentrionale, nel Mare del Nord;
• Nella parte settentrionale dell’Alaska (Stati Uniti).

Energia nucleare
L’energia nucleare deriva dall’uso di uranio, un minerale raro.
Tuttavia non esiste il problema dell’esaurimento di questa materia e la produzione non supera il 7% del fabbisogno mondiale.
Ha il vantaggio di produrre un enorme quantità di energia a costi bassi, ma ha u svantaggi costituiti dalla difficoltà di smaltimento di scorie radioattive, dalla sicurezza degli impianti e dal costo elevato di costruzione della centrale.

Le fonti energetiche rinnovabili
Le energie rinnovabili sono tutte quelle che si rinnovano da fonti che possono essere considerate inesauribili (Sole, acqua, vento ecc.). Attualmente le energie rinnovabili contribuiscono in minima parte al fabbisogno energetico mondiale.

Energia idroelettrica
È in uso da molti decenni ed è capace di coprire il 20% del fabbisogno energetico. È una forma energetica “pulita”, non emette cioè sostanze inquinanti ai danni dell’ambiente ed è efficace.

Negli ultimi anni si sono anche realizzati numerosi impianti per lo sfruttamento delle maree e delle correnti.

Energia solare
Anche i sole è una fonte inesauribile di energia pulita. La produzione di energia mediante pannelli fotovoltaici è ancora molto modesta, a causa del costo degli impianti e dei vasti spazi necessari per raccogliere questa energia.

Energia eolica
È il vento, che è abbondante, economico, inesauribile, ampiamente distribuito, non danneggia il clima ed è pulito.

Energia geotermica
Si ottiene dai vapori prodotti grazie all’elevatissima temperatura di masse rocciose profonde, che riscaldano l’acqua o gas del sottosuolo. I costi d’impianto e di produzione sono molto bassi, e l’inquinamento è quasi assente, però le sedi idonee sono rare.

Biomasse
Le biomasse sono materiali organici che possono essere utilizzati direttamente come combustibili o trasformati in altre sostanze (solide, liquide o gassose).

Registrati via email