Ominide 64 punti

L'Egitto

Capitale: Il Cairo
Forma di governo: Repubblica
Lingua: Arabo
Moneta: Lira egiziana
Religione: Musulmana
ISU: 111° posto

Il territorio

L’Egitto occupa la parte nord- orientale del continente africano e in Asia la montuosa Penisola del Sinai. A nord il territorio è segnato dalle coste del Mediterraneo mentre a est dal Mar Rosso nel suo complesso l’Egitto è un immenso deserto interrotto dal fiume Nilo, che lo attraversa da nord a sud formando una valle verdeggiante e sfociando nel Mediterraneo con un grande delta. La valle del Nilo divide il tavolato desertico in due sezioni: il Deserto Occidentale e il Deserto Orientale. Il primo, estremamente arido, è formato da distese sabbiose e da profonde depressioni, al di sotto del mare, che accolgono diverse oasi, fittamente coltivate. Nel Deserto Orientale non vi sono oasi né insediamenti stabili, ma vi si trovano forme di pastorizia nomade. L’Egitto si trova interamente nella zona arida e il clima mediterraneo interessa soltanto la fascia costiera.

Le città egiziane

• La capitale, Il Cairo, è il principale polo industriale del Paese e anche il più grande centro di produzione culturale del mondo islamico; ospita l’università di al-Ahzar, la più importante università islamica al mondo.
• La seconda città del Paese è Alessandria. Fondata da Alessandro Magno nel 332 a. C., nel Novecento ha acquisito importanza come porto e maggiore centro finanziario dell’Egitto. Con l’apertura del 2002 della nuova biblioteca alessandrina, la città mira a diventare un polo di attrazione culturale di livello internazionale.
Porto Said e Suez, porti commerciali alle opposte estremità del Canale di Suez.

L’economia

Per l’economia egiziana sono di fondamentale importanza i finanziamenti internazionali, le rimesse degli emigrati e il turismo, che però risente negativamente degli attentati terroristici di matrice islamica che negli ultimi anni hanno colpito alcune località turistiche sul Mar Rosso. I terreni coltivati sono limitati alle zone del delta e alla valle del Nilo, zone molto fertili in ci si possono ottenere fino a tre raccolti l’anno. Il petrolio e il gas naturale presenti nel sottosuolo vengono prevalentemente esportati. L’energia è prodotta in centrali termoelettriche situate nei pressi delle grandi città e dalla centrale idroelettrica di Assuan. Il maggiore comparto dell’industria è il settore tessile, seguito dai comparti chimico, meccanico e alimentare. Il sistema viario e ferroviario è sviluppato quasi esclusivamente nella zona del delta e lungo le rive del Nilo. Nel sistema di comunicazioni marittime è centrale la funzione del Canale di Suez.

Registrati via email