Ominide 116 punti

L'ambiente e il protocollo di Kyoto

Nella società in cui viviamo oggi tutti hanno almeno un’automobile e la produzione delle industrie cresce sempre di più. Questi fattori però, provocano anche un forte inquinamento, che piano piano sta dando effetti catastrofici sul nostro pianeta. Per fronteggiare questo problema alcuni stati del mondo hanno firmato, a Kioto, un protocollo per la riduzione entro ilo 2012 di una certa percentuale della produzione dei gas serra. Per attuare questo accordo, i paesi firmatari dovevano essere almeno cinquantacinque, così tutti attendevano la firma degli Stati Uniti, che però non arrivò mai: il presidente Bush rifiutò. Neanche la Cina firmò. Quindi questi stati, che sono i maggiori produttori industriali, continuano a inquinare senza “freni”. Tuttavia per arrivare ai cinquantacinque paesi, al posto degli Stati Uniti firmò Putin, per la Russia. Il gas serra ha prodotto dei cambiamenti per esempio sul clima, sullo scioglimento dei ghiacciai. Il nuovo presidente degli Stati Uniti, Obama, si è dimostrato molto sensibile e attento verso l’ambiente: ha voluto ricontrollare e valutare il protocollo di Kyoto, ha finanziato la ricerca per costruire automobili meno inquinanti e per la diffusione dell’uso dei pannelli solari per produrre energia ricavandola dalla natura. Secondo il mio parere molti presidenti dovrebbero prendere esempio da questo uomo. Evidentemente, però, a tanti di loro non importa molto e quindi è anche compito del cittadino non sporcare l’ambiente, per preservare più a lungo possibile quel bellissimo pianeta che cederemo ai nostri figli.

Registrati via email