Ominide 4076 punti

Le Alpi

Grazie alla loro posizione al centro del continente europeo, le Alpi rappresentano, fin dall’antichità, un luogo che divide o unisce regioni e territori diversi.
Da un punto di vista geografico, questo sistema montuoso, che si estende su un arco lungo 1300 km dal mar Tirreno all’Adriatico, costituisce una linea di separazione climatica e una spartiacque tra i fiumi che sfociano nella parte settentrionale dell’Europa (Reno, Rodano, Danubio) e nella parte meridionale (Po, Adige). Sebbene le cime più alte superino i 400 metri, l’arco alpino non è impenetrabile come altre catene montuose quali l’Himalaya, le Ande o il Caucaso: numerose sono le valli che separano i rilievi e il clima è per lo più mite, soprattutto nel versante meridionale per l’effetto dei venti temperati che soffiano dal Mediterraneo. Per questo l’uomo ha attraversato le Alpi e ha cominciato a insediarsi nelle vallate alpine dalla fine dell’ultima glaciazione (15.000 anni fa circa), attratto dalla presenza di selvaggina e dalla possibilità di condurvi attività agro-pastorali.

Dal XII secolo a.C., durante l’età del ferro, vi si stanziarono popolazioni organizzate in piccole compagini tribali, come i Liguri, i Reti, i Camuni e, in seguito, i Celti. In epoca romana nacque e si fece strada l’immagine delle Alpi come “fortezza naturale” dell’Italia.

Registrati via email