Habilis 627 punti
Questo appunto contiene un allegato
Serbia scaricato 53 volte

Serbia

Serbia-Srbija
Il nome deriva da quello dei Serbi,popolazione slava che tra il VI e il VII secolo ad ovest della Morava.

Posizione e confini
La Serbia confina a nord con l'Ungheria;a est con la Romania e la Bulgaria;ad ovest con la Croazia,la Bosnia ed Erzegovina e il Montenegro;a sud con l'Albania e la Macedonia.

La bandiera
La bandiera presenta tre fasce orizzontali con i colori simbolo del mondo slavo:blu,bianco e rosso.L'origine della bandiera risale ai primi dell'Ottocento,quando la Serbia,per mostrare riconoscenza verso gli aiuti militri garantiti dalla Russia,scelse di adottare i colori della bandiera russa,solo invertiti nell'ordine.

La Serbia
La Serbia non presenta sbocchi sul mare.Nella parte settentrionale del Paese si estende una vasta pianura,solcata dal Danubio;qui si trovano ampie praterie e paesaggi steppici.Nell'area centrale,il paesaggio diventa collinare,per poi diventare montuoso nella regione meridionale.I rilievi sono coperti da fitti boschi di latifoglie e conifere.I fiumi principali sono il Danubio e i suoi affluenti Sava,Tibisco e Morava.Il clima è di tipo continentale,caratterizzato da inverni rigidi e nevosi ed estati calde.La popolazione serba è composta da diverse etnie:oltre alla maggioranza dei Serbi,vi sono minoranze di Albanesi,Montenegrini e Magiari.Le religioni principali sono quella ortodossa,quella mussulmana e cattolica.Oltre alla capitale,i centri urbani più importanti sono Novi Sad,Nis,Kragujevac.Oggi,dopo i disastri della guerra,l'economia serba sta conoscendo una discreta ripresa,anche frazie alla graduale integrazione all'Unione Europea e ai suoi Paesi membri.Punta sulle privatizzazioni,ma rimane dipendente dagli investimenti di gruppi bancari esteri.

La capitale
Belgrado è la capitale della Serbia e il suo maggior centro amministrativo e culturale.é situata alla confluenza della Sava nel Danubio,in una posizione strategica delle comunicazioni e dei traffici commerciali.Belgrado è un importante mercato di prodotti agricoli e un polo induastriale;in particolare,nella parte nuova della città,si sviluppano le maggiori strutture produttive e industiali.Bombardata sia durante la Seconda Guerra Mondiale che nel 1999 dalle forze NATO,oggi Belgrado conserva ancora monumenti come la Cattedrale,la Fortezza di Kalemegdan,il Parco Ada e il nuovo e il vecchio Palazzo Reale.

Registrati via email