La Germania

Dati generali:
Capitale: Berlino
Ordinamento: Repubblica federale
Superficie: 357114 kmq
Popolazione: 82315000 ab.
Densità: 231 ab./kmq
Moneta: euro
Lingue: tedesco
PIL pro capite: 29461
ISU: 22°

Germania-Deutschland
Il nome deriva dall’antico germanico e significa “terra del popolo”.

LA BANDIERA: I colori della bandiera riprendono lo stemma del sacro romano impero.
Posizioni e confini:
La Germania è lo stato più esteso dell’Europa centrale e confina con: Polonia e Repubblica Ceca ad est; Svizzera e Austria a sud; Francia, Lussemburgo, Paesi bassi e Belgio a ovest. A nord confina con la Danimarca e si affaccia sul mar baltico e mare del nord.

Monti, pianure e paesaggi:
Il territorio si distingue in tre regioni:
-la zona meridionale, prevalentemente montuosa: qui si estendono le Alpi Bavaresi, la catena del Giura Svevo-Francese e l’Altopiano Bavarese. La montagna più alta è lo Zugspite; al confine con la Francia si estende la Foresta Nera.

-la zona centrale dove si trovano i massicci del Mittelgebirge, tra cui lo sperone del Brocken, il massiccio Renano, la Selva di Turigina e i Monti Metalliferi
-la zona settentrionale è costituita dal Bassopiano Germanico, con pianure e colline

Le coste e le isole:
Le coste sono, piatte e sabbiose; mentre in corrispondenza degli estuari sono frastagliate e caratterizzate da profonde insenature. Le isole frisone orientali e settentrionali fronteggiano le coste del mare del nord; nel mar baltico si trova l’isola di Rugen (la più grande).

Fiumi e laghi:
La Germania possiede una rete di vie d’acqua sviluppata e ramificata.
Il Reno è il fiume principale della Germania: è lungo 1326 km. Il tratto finale del fiume, collega il Mare del Nord con la zona industriale di Vestfalia. Lungo il suo corso, canali artificiali collegano il Reno ai maggiori fiumi dell’Europa centrale. Altri fiumi sono il Weser, l’Elba, l’Ems e l’Oder-Neisse. Il Danubio nasce nella Foresta Nera e percorre la zona per oltre 600 km. Numerosi sono i laghi presenti nel bassopiano settentrionale e nella regione alpina; nella sponda al confine con la Svizzera si trova il Lago di Costanza.

Clima e ambienti naturali:
Nella Germania è “suddivisa” in tre regioni climatiche:
-nella regione settentrionale il clima è atlantico: inverni miti ed estati tiepide, con precipitazioni regolari
-nella fascia centrale il clima è continentale, con temperature più basse, forti cambiamenti di temperatura e precipitazioni più scarse

-la regione meridionale è di tipo alpino, con inverni rigidi e nevosi ed estati fresche, caratterizzate da una piovosità abbondante

Folti boschi ricoprono circa un terzo del Paese, con foreste di latifoglie e conifere. Aree protette, parchi nazionali e riserve naturali permettono la presenza di specie di uccelli, come la cicogna bianca e quella nera.

La popolazione:
La Germania è il Paese più popolato dell’Unione Europea, dopo la Russia. La Germania è lo stato con il più alto numero di immigrati. Le comunità straniere si sono sviluppate e organizzate nelle città tedesche in quartieri. Dopo la caduta del Muro di Berlino si è verificata una intensa migrazione interna che ha comportato numerosi problemi a livello sociale. L’arrivo di immigrati compensa una crescita demografica nulla. Oltre il 40% dei tedeschi è di religione cristiana protestante, seguita da quella cattolica e mussulmana.

La capitale.:
Berlino (4200000ab.) è la capitale e il centro amministrativo del paese. La città si estende sulle rive dello Sprea. Berlino è una città in perenne trasformazione: ancora oggi la città è interessata da una ristrutturazione. Alle moderne architteture di Potsdamer Platz, di alternano monumenti come il Castello di Charlottenburg, il Palzzo del Reichstag……
Berlino è stata una delle prime capitali europee a utilizzare urbanisti e architetti del mondo, fra cui Renzo Piano. La città ancora conserva le tracce del recente passato, legato al Nazismo e al Comunismo. Berlino è un centro culturale di livello internazionale, ed ospita numerosi musei e centri di interesse artistico. La capitale è attiva nel settore dei servizi e sede di numerose industrie.

L’Isola dei Musei è un complesso museale situato nella parte settentrionale di Colln. Viene chiamato così perché sorgono antichi e prestigiosi musei della città, costruiti dal 1822 al 1930:
-Altes Museum: è quello più antico (1822)
-Neues Museum: è attualmente in fase di ristrutturazione
-Alte Nationalgalarie
-Bode Museum: costurito nel 1907
-Pergamonmuseum: costruito nel 1830.
L’Isola dei Musei è stata dichiarata dall’UNESCO patrimonio dell’umanità

Le città:
Francoforte (1915000 ab.) sorge sulle rive del Meno. E’ la capitale finanziaria della Germania, una delle più importanti del mondo: qui hanno sede numerosi istituti bancari internazionali,una borsa valori e la prestigiosa fiera. E’ un importante centro industriale. La attrazioni turistiche principali sono il Duomo e la casa dello scrittore Johann Wolfgang Goethe.

Colonia-Koln (1846000 ab.) sorge sul Reno ed è il principale centro commerciale della Renaina. Vanta di un importante porto fluviale e di una posizione strategica. Ha sede a Colonia la Bayer (industria chimica). La cattedrale gotica è l’attrazione più importante.

Amburgo (2549000 ab.) è il maggior centro portuale. E’ situata vicino all’estuario dell’Elba. Amburgo è uno dei principali centri industriali del Paese, inoltre, è un polo delle principali aziende del settore dei mezzi di comunicazione.

Monaco- Munchen (1940000 ab.) la sua posizione ha consentito il suo sviluppo economico: oggi è uno dei principali centri commercialo del Paese. Numerose le industrie, specializzate nei comparti automobilistico, chimico e della meccanica di precisione. Qui si celebra l’Oktoberfest (festa della birra).

Storia:
Le popolazioni germaniche erano insediate lungo la sponda del Reno. Respinsero i tentativi di invasione dei Romani. Dal 260, Franche, Alemanni, Goti e Unni invasero i territori dell’impero romano, decretandone la fine nel 476. Con Carlo Magno l’Impero dei Franchi conobbe il suo periodo di massimo splendore; la religione cattolica era l’elemento in comune tra le popolazioni dell’Impero. Alla morte di Crlo Magno, l’autorità imperiale cominciò a vacillare. La frantumazione dell’Impero raggiunse l’apice sotto il regno di Federico Barbarossa. Nel 1438, il territorio passò nelle mani della dinastia degli Asburgo.
Nel 1517 Martin Lutero affisse le sue 95 Tesi sul portone del Duomo di Wittenberg: ebbe così origine la Riforma protestante, che divise il Pese in Protestanti e Cattolici. La Pace di Westfalia pose fine alla Guerra dei Trent’anni. Al termine del congresso di Vienna, nel 1815, la Prussia venne riconosciuta come Stato guida. Bismarck riuscì a rendere la Germania uno sto unitario; nel 1871 nacque l’Impero Tedesco (Secondo Reich).
La Germania uscì sconfitta dalla Prima Guerra Mondiale. Nel 1919 si costituì la Repubblica di Weimer. Adolf Hitler anticipò di qualche anno il declino della Repubblica. Nel1993 ebbe inizio la dittatura di Hitler, che portò alla Seconda Guerra Mondiale e alla persecuzione degli ebrei. Dopo la sconfitta, nel 1949 la Germania si divise in RFT, Repubblica Federale Tedesca, e RDT, Repubblica democratica Tedesca. Nel 1961 la cpitale fu divisa da un muro, che fu abbattuto nel 1989. Nel 1990 la Germania Tornò ad essere una nazione unita.

Le attività economiche:
La Germania è la maggior potenza economica europea. Insieme a Stati Uniti, Giappone e Cina, la Germania è una delle maggiori potenze economiche mondiali; è il Paese che esporta di più al mondo.

Agricoltura e allevamento:
Il settore primario ha un’importanza ridotta nell’economia tedesca. Tuttavia è un settore tecnologicamente avanzato e basato su colture specializzate. Le principali sono le coltivazioni di cerealicole, patata, vino e luppolo. Importante è l’allevamento di suino e bovino, ma anche il pescato ricavato dai mari. Le foreste consentono un ampio sfruttamento da parte dell’industria del legno e della carta.

Industria e risorse del sottosuolo:
La Germania vanta una solida tradizione industriale, basata sulla ricchezza delle sue risorse naturali. I comparti principali del settore sono quelli meccanico, ottico, elettronico, sportivo, alimentare….
Tra i marchi tedeschi i più importanti vi sono Adidas, Ritter Sport, Nivea,Puma, Audi, BMW….
Le nuove richieste del mercato hanno portato a una graduale riconversione produttiva; i vecchi impianti vengono smantellati. L’imponente fabbisogno energetico necessario nell’industria viene coperto solo parzialmente dal Pese: per questo è obbligata ad importare energia. In Germania non saranno più costruite centrali nucleari, mentre la chiusura delle 19 esistenti, è stata prorogata su tempi lunghi.

Il settore dei servizi:
Il settore dei servizi occupa il 73% degli occupati. La forte vocazione finanziaria del Paese trova il suo centro in Francoforte, sede della Banca Centrale dal ‘98. Il turismo ottiene milioni di visitatori l’anno. Il sistema dei trasporti è sviluppato e capillare una fitta rete autostradale e il terzo aeroporto in Europa. I grandi fiumi sono sfruttati per il loro movimento di merci.

Curiosità:
Tedeschi al volante: ecco i principali limiti di velocità: in città: 50 km/h (come in Italia), ma in molte zone residenziali anche 30 km/h. Su strada statale: 100 km/h (salvo altre indicazioni). In autostrada: nessun limite di velocità (salvo diverse indicazioni).
I cartelli che si riferiscono alle strade statali sono di colore giallo, mentre quelli che si riferiscono alle autostrade sono di color blu.

A tutta birra: che la birra sia la bevanda preferita dai tedeschi e che la birra tedesca sia di ottima qualità è risaputo. I birrifici sono tantissimi ed i tipi di birra sono più di 5000: praticamente ogni città ha la sua birra.
Nel testo originale, sono indicati come soli ingredienti utilizzabili l'acqua, l'orzo, e il luppolo. La legge fissa inoltre il prezzo della birra a 1-2 Pfennig per Maß (un'unità di volume bavarese pari ad 1 litro circa).
L'Oktoberfest di Monaco di Baviera (arrivata quest’anno alla sua 178º edizione) è il più grande festival pubblico del mondo dedicato alla birra.

Curiosità che forse non sai...
-i figli vogliono abitare fuori casa il più presto possibile...
-se uno a 27-28 anni abita ancora in famiglia è considerato strano...
-le ragazze ventenni si offendono quando non sono chiamate "Signora"
-bevono birra in quantità industriali
-aspettano al semaforo rosso anche quando sono a piedi e non c'è traffico
-non gesticolano mentre parlano
-al ristorante e in treno parlano sempre a voce bassa
-dividono il tavolo del ristorante anche con degli sconosciuti
-si arrabbiano veramente quando arrivi tardi a un appuntamento

Registrati via email