• Catania / Universita / Ateneo
  • Alziamo quelle sbarre!

francescoaegee-votailprof
francescoaegee-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Era il 10 febbraio 2007 quando mi veniva rifiutata la pubblicazione di quest'articolo, per motivi stilistici


Alzate quelle sbarre!

Alla Cittadella le regole non valgono per tutti. I verbali vengono elevati solo ad alcuni. Mentre altri sono liberi di occupare i posti riservati ai disabili senza che nessuno si preoccupi del problema.

In un articolo di un’altra testa universitaria si legge “le cattive abitudini sono dure a morire… se è vero che fino a ieri dentro la Cittadella c’era il caos più completo: macchine in doppia fila, sui marciapiedi e “mannaggia a quelle aiuole, che lì si che c’entrava la macchina”
Lo stesso giornalista riporta la soluzione il fantastico parcheggio di via Zenone, che però è a pagamento e gli studenti pare non ne vogliano sentire parlare di pagare.

Con questi presupposti siamo andati a vedere qual’è effettivamente la situazione oggi.
A prima vista tutto è davvero molto più ordinato di uno o due anni fa. Se qualche auto si vede ogni tanto ancora in doppia fila, quasi sempre si tratta di qualche genitore in attesa del figlio. O di qualche “appostone” che pazienta nella speranza qualcuno se ne vada lasciando un posto libero. Ma un occhio più attento nota subito che la situazione cambia radicalmente non appena si raggiungono i cancelli che delimitano i parcheggi riservati al personale.

Non appena si è deciso di scattare qualche foto, qualcuno si è avvicinato preoccupato. Temeva un attentato o che una situazione incredibile che si perpetra da anni emergesse? Chi ci ha avvicinato ha subito tenuto a precisare che quel parcheggio, antistante la facoltà di chimica, era “un parcheggio privato, tutto è già stato discusso”. Intendeva dunque che le regole lì non valgono e i cartelli e le zone contrassegnate sono presenti solo per arricchire l’estetica?
Ci è stato chiesto di tornare in un orario critico, in quanto a quell’ora sarebbe stato evidente che i parcheggi erano assolutamente insufficienti per il personale, e parcheggiare in modo illegale è una necessità quotidiana. Ricordandoci dell’esistenza di un parcheggio con apposito servizio di navetta creato proprio per rendere la legalità possibile, abbiamo chiesto perché non ne usufruissero anche loro. La risposta è stata molto semplice, e forse spiega anche perché quel parcheggio viene boicottato dagli studenti: “chi viene qua ogni giorno non può perdere mezz’ora per l’autobus due volte al giorno”.
Ma gli studenti? Quelli che non hanno un ufficio per riempire il tempo tra una lezione e l’altra? Possono perdere mezz’ora quattro volte al giorno per aspettare un autobus?

Tra una foto e l’altra abbiamo notato come sia tuttora la prassi lasciare la propria automobile bloccando l’uscita di quelle che stanno accanto. Centinaia sono le auto che quotidianamente si trovano fuori dagli spazi segnati. Malgrado, anche nei parcheggi riservati i cartelli siano molto chiari “Sosta consentita solo negli spazi segnati”.
Qualcuno lascia sul cruscotto un foglio con i dati per essere chiamato direttamente in ufficio a affinché possa spostare l’auto. I più attrezzati l’hanno preparato al computer.
Spostandoci al parcheggio della vecchia sede d’Ingegneria notiamo tre auto in fila con metà delle ruote sull’erba. Un’auto è totalmente sulla banchina nel parcheggio di fronte all’edificio di didattica d’ingegneria.
Di fronte al DAU, nel piccolo parcheggio riservato, qualcuno ha dovuto mettere le transenne al posto riservato agli invalidi, immaginiamo che qualcuno che ne ha diritto l’abbia dovuto così proteggere da qualche collega.
A Fisica la situazione appare ancora più grave. Malgrado i molti macchinari posizionati all’esterno della struttura e avvisi sparsi ovunque a ribadire il divieto di parcheggio e le minacce di rimozione, sono comunque molte le auto che bloccano l’accesso a questi macchinari.
Più grave ancora che alcune auto si trovino ogni giorno parcheggiate in posizioni ove ostruiscono scale e uscite di sicurezza.
Come se ciò non bastasse, sempre a Fisica, abbiamo trovato un’auto a bloccare l’accesso riservato ai disabili. Mentre chiamavamo la Polizia Municipale è arrivato il proprietario dell’auto, un operaio, la cui spiegazione chiarisce la tipica mentalità catanese: “Sono qua col signor Can*****, non so se lei lo conosce”. Alle nostre proteste ci rasserena: “se arriva un disabile la sposto”. Pochi minuti dopo torna con qualche divano in bambù adatto ad arredare qualche giardino (notiamo però la targhetta che indica la proprietà dell’università) e lo carica in macchina. A controllare che niente si graffi un responsabile che controlla soddisfatto, incurante che l’operaio che ha fatto entrare nel parcheggio riservato sta ostruendo ’ostruzione. (sarà il signor C.?).
In una sola passeggiata all’interno del campus abbiamo contato 3 auto parcheggiate in zona riservata ai disabili. Di queste solo una esponeva effettivamente un valido tagliando, un’altra ne esponeva uno scaduto nel marzo del 2006 e il terzo fuoristrada esponeva solamente un telepass, essendo giallo varrà pure per parcheggiare nelle zone riservate ai disabili?

Un’esclusiva della cittadella poi sono le “strisce rosse”, i ragazzi del Collettivo Tiromancino ci avevano riferito scherzando “Parcheggi riservati ai comunisti”, ma il cartello riporta “Riservato Manutenzione”. Ecco un’esclusiva catanese. I posti riservati alla manutenzione. Sono circa 10 sparsi per la cittadella. Spesso vuoti. Ma passeggiando abbiamo notato una punto con la targa “Servizio di stato”, sul cruscotto anteriore un foglio a penna specifica “Presidenza Facoltà di Farmacia”. Servizio di manutenzione o no, era sprovvista del permesso previsto. Ma pare avere sortito ugualmente l’effetto voluto dato che pochi metri indietro notiamo un verbale ad un auto che esce dalle strisce bianche, mentre questa Fiat Punto è passata indenne ai controlli.

Dopo aver visto questa tragica situazione siamo andati a chiedere informazioni a chi lavora nel parcheggio “Santa Sofia”.
Ad essere occupati sono tra i 120 e i 180 posti. Un parcheggio che farebbe invidia al più grande Carrefour d’Italia è sempre vuoto. L’autobus? Parte ogni 16 minuti, mattina e pomeriggio.
Il contratto però vincolava a partenze ogni 8-10 minuti. Professori e studenti non vi parcheggiano perché 16 minuti sono troppi, l’autobus disattende il contratto perché nessuno vi parcheggia. Entrambi hanno ragione. Ma una soluzione volendo c’è sempre. Forse basterebbe far rispettare le regole anche nei parcheggi oggi “riservati”.
Qualcuno addirittura ipotizza che forse sarebbe meglio alzarle quelle sbarre. In segno di civiltà e di rispetto di regole che dovrebbero essere comuni a tutti. Certo l’efficienza delle navette dell’amt sarebbe sottoposta a maggiore controllo se non fossero solo gli studenti a doverne usufruire.
Qualche rappresentante si è anche informato sulla fattibilità di questa richiesta.
La risposta è stata interessante: “Si sarei favorevole come professore a pagare i 70 centesimi, è giusto. Però.. però perché questa domanda vada avanti bisogna presentarla, per presentarla dev’essere firmata, e qualcuno potrebbe prendersela poi con chi l’ha firmata”.
Noi siamo invece sicuri che le vendette siano una cosa riservata agli scontri negli stadi, e che queste cose in un Università che dev’essere un esempio di morale e correttezza sicuramente non accadano.
Ma…
Visto che i parcheggi riservati sono utilizzati oltre che da professori e personale amministrativo anche da ricercatori, assistenti, figli di professori…
Visto che il disordine dei parcheggi riservati stride fortemente con l’ordine imposto agli studenti.
Visto che oggi esiste un parcheggio sufficientemente grande da garantire un posto a chiunque abbia l’esigenza di venire in auto.
Sarebbe auspicabile che qualcuno che non ha da temere ritorsioni, qualche uomo libero e di buoni costumi, decidesse di sacrificare un suo diritto, quello del parcheggio riservato, lottando perché scompaia o venga ampiamente ridotto.
Si tratterebbe di una vera dimostrazione della qualità morale dell’Università. Un’Università che avrebbe davvero qualcosa da dire e da insegnare, a tutti, e non solo agli studenti. Specie in una città sempre più egoista e disattenta come Catania, ove le regole sembrano valere solo per le categorie più deboli.

In precedenza avevo scritto quest'altro.
[Art. 2947] Ordine, decoro e Mafia - Step1 - Periodico telematico di informazione
francescoaegee-votailprof
francescoaegee-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Cercando parcheggio alla cittadella…..

Il Parcheggio Santa Sofia di via Zenone, al centro dell’attenzione degli studenti, un servizio o un disservizio?


La questione dei parcheggi alla cittadella non è di facile soluzione, o almeno così sembra dato che da diversi anni se ne parla sempre, e con malumori da parte di tutti.
Si è dunque cercato di fare il punto della situazione oggi, alla luce del nuovo parcheggio a pagamento, e delle nuove regole contro il parcheggio selvaggio parlandone con gli studenti e i loro rappresentanti.
Dal Collettivo Tiromancino abbiamo appreso che il parcheggio a pagamento conta 1708 posti di cui la metà sono riservati a chi frequenta l’Università per lavoro, studenti inclusi, e ad una tariffa agevolata di 0,7€ per mezza giornata. Aggiungono però che il servizio di autobus gestito dall’amt non rispetta la periodicità prevista dal contratto, facendo attendere anche 20 minuti, quando il contratto stipulato parla espressamente di 8-10 minuti di intervallo tra un autobus e il successivo. Chiedono inoltre che il parcheggio sia assolutamente gratuito per gli studenti, perché è stato costruito interamente a spese dell’Università, (voci di corridoio parlano della considerevole somma di 4 milioni di euro), e la metà di posti esclusa dalla tariffa agevolata potrebbe essere sufficiente per ripagare ampiamente i costi di gestione, se questi avvenissero in maniera più oculata.
Dal Senatore accademico La Magna abbiamo appreso che l’Amt, alla luce dello scarso utilizzo da parte degli studenti del parcheggio, stesse avanzando la richiesta di imporre le strisce blu anche nelle zone circostanti le facoltà, richiesta subito bloccata da lui e dagli altri rappresentanti coinvolti.
Il consigliere di facoltà Jurj Grillo conferma che l’incubo delle strisce blu, grazie all’interessamento suo e degli altri consiglieri di Ingegneria e del dipartimento di Matematica e Informatica, non raggiungerà gli attuali 250 posti auto rimasti a disposizione degli studenti.
Col contratto in mano ci mostra gli orari di apertura del parcheggio e ci spiega che questi sono funzionali per il policlinico, ma non per quanti all’Università debbono studiare e fare esami.
Sì, perché almeno ad Ingegneria pare sia possibile fare esami anche le nove o dieci di sera. Mentre il parcheggio, che chiude alle otto, costringe lo studente a mettersi in attesa per l’ultimo autobus già alle 19.30
Ci svela inoltre che l’unico referente dei rappresentanti è Siracusa, col quale i rappresentanti hanno avuto solo due riunioni. Nella prima fu solamente possibile visionare il contratto ormai firmato tra l’università e l’amt, e capirne il funzionamento, nella seconda avanzare le prime proposte compatibilmente con le esigenze dell’università. Un fondo inutilizzato di 32.000€ potrebbe consentire, se l’Amt darà il suo consenso, un’ulteriore agevolazione per gli studenti riducendo le tariffe a 0,5€ per mezza giornata e 0,7 per coloro che debbono stare senza sosta dalla mattina alla sera dentro i locali dell’università.
Dopo aver sentito tutti però qualche idea è nata anche a chi scrive.
Con la calcolatrice in mano si può facilmente stimare che se il parcheggio fosse abbondantemente sfruttato dagli studenti, gli introiti per la gestione mista Università – Amt derivanti dagli studenti ammonterebbero a non più di 90.000€.
Se 30.000 pare siano già stati trovati con facilità in quanto bloccati in un fondo riservato agli studenti per il rimborso dei trasporti e non sfruttato, a mancare sarebbero solo 60.000€.
Ci si chiede dunque se a fronte di una spesa di 4 Mln di Euro questi 60.000 annui siano davvero fondamentali per le casse dell’Università.
Da lettore di step1 poi pochi dubbi si avrebbero dovendo scegliere tra un paio di pagine pubblicitarie gestite dall’Uffico Stampa dell’Università su un quotidiano locale, ed un parcheggio gratuito per gli studenti.
A quanti durante l’intervista hanno affermato: “anche se mi potrebbe giovare a guadagnare voti ottenere una tale risoluzione, non è corretto nei confronti degli studenti di altre facoltà che a pagare per il parcheggio di alcuni siano tutti” viene da rispondere che fare questo tipo di paragoni tra facoltà in condizioni evidentemente diverse serve solo a giustificare tutti e a non risolvere i problemi di nessuno. Un campus, che gode di enormi spazi, lontano da qualunque centro abitato e con scadenti servizi di trasporto non può essere paragonato a singole facoltà che si trovano in pieno centro cittadino.


Francesco Mascali
beltipo-votailprof
beltipo-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Te l'ho rifiutato io??
chiara8410-votailprof
chiara8410-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
ciao beltipo....ho inserito il problema del parcheggio nel forum di farmacia...cm saprai sn nuova e please un po di pazienza...ora ke so cm sei....cmq dove la dovrò "buttare"la mia macchinina?O sapete solo bloccare le discussioni?Cercate di fare qualcosa....CIAO baci
chiara8410-votailprof
chiara8410-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
opps..ora ke so cm si fa!!!!
beltipo-votailprof
beltipo-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
mica decido io del parcheggio..io faccio funzionare un forum che agli studenti non costa una lira, funziona 365 gg l'anno e fornisce un servizio unico. ;)
Ps non è nulla di personale, basta leggere il regolamento...siamo tanti, se non si fa cosi impazziamo ;)
francescoaegee-votailprof
francescoaegee-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
"beltipo;120363":
Te l'ho bloccato io?

No, roberto. Se l'avessi fatto tu ci sarei rimasto molto, ma molto ma molto male. E non avrei pensato di postarlo nel forum.

Per motivi tecnici l'avevo scritto per la concorrenza.
beltipo-votailprof
beltipo-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
beh, almeno è on line ;)
francescoaegee-votailprof
francescoaegee-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Il prox lo posso scrivere per te? O Daria Raiti ci sta già lavorando?
ricardomundial-votailprof
ricardomundial-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
abbiamo creato un blog per raccogliere i disservizi, le disfunzioni e i piccoli grandi scandali dell'Università italiana...MalaUniversità

senza voler fare concorrenza a Unimagazine ;)
beltipo-votailprof
beltipo-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
ci mancherebe! anzi in bocca allupo e se volete collaborare noi siamo sempre disponibili ;)
studingegn-votailprof
studingegn-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Parlando di costi:
E se il parcheggio di S.Sofia fosse gratuito e con bus navetta ogni 5-8 minuti e INVECE i 250 posti attuali studenti + altri 200 (credo) posti prof in striscie blu al costo di 1 euro per chi vuol usufruire di un servizio superiore, AVREMMO sicuramente dato senso al carattere intermodale del parcheggio scambiatore risparmiando sicuramente stress e monetine tutti e con introiti di oltre 100.000 euro l'anno il gestore del servizio!
Anche se sembra apparentemente molto "fantasioso" il mio commento non credo di aver detto eresie!Giusto? Ma come ho già letto, secondo i pensieri e le volontà manifestati ,sarebbe molto difficile "incidere" le menti!!!!!
randall-votailprof
randall-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Secondo te CHI potrebbe appoggiarti questa proposta?

Una cosa simile l'ho sentita spesso proporre da diversi professori, ma ovviamente mancava la parte in cui anche loro pagano per il posteggio.

In realtà TUTTI stiamo pagando una Cittadella progettata MALE e SENZA tener conto dei posti auto necessari; gli spazi sono sfruttati MALISSIMO sia nei posteggi dei prof che in quelli per tutti.

Con un po' di criterio e con alcune ristrutturazioni i posti auto a disposizione potrebbero almeno raddoppiare. I soldi spesi sarebbero recuperati da un meccanismo come quello da te proposto, facendo pagare magari 50 cent/giorno il S.Sofia ed 1 euro /mezza giornata alla Cittadella.

Curiosità: chi/come ha contato i posti disponibili (cioè quei 250 +200 da te menzionati)?
studingegn-votailprof
studingegn-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
"randall;130958":
Secondo te CHI potrebbe appoggiarti questa proposta?
Pochi anzi pochissimi.........

Con un po' di criterio e con alcune ristrutturazioni i posti auto a disposizione potrebbero almeno raddoppiare. I soldi spesi sarebbero recuperati da un meccanismo come quello da te proposto, facendo pagare magari 50 cent/giorno il S.Sofia ed 1 euro /mezza giornata alla Cittadella.
Per carità già sarebbe difficile convincere a parcheggiare a S.Sofia gratis ......quindi toglierei i 50 cent sicuramente!

Curiosità: chi/come ha contato i posti disponibili (cioè quei 250 +200 da te menzionati)?
I 250 li ho letti in altri post mentre i 200 li ho ipotizzati grossolanamente!
randall-votailprof
randall-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
"studingegn;131139":

Per carità già sarebbe difficile convincere a parcheggiare a S.Sofia gratis ......quindi toglierei i 50 cent sicuramente!



50 cent/giorno mi sembrano una cifra irrisoria, se consideri che il posteggiatore abusivo costa di più e che è compreso il prezzo dell'autobus. Si spende di più di benzina gironzolando per cercare un posteggio gratis.

Ma torniamo alla mia obiezione iniziale. Una proposta deve essere ampiamente condivisa per poter passare e deve essere condivisa anche da "chi decide".
SE proponi di rendere gratuito per gli studenti il S.Sofia l'AMT non te la appoggia, mentre se proponi di abbassare il prezzo del S.Sofia ma mettere un prezzo alla Cittadella allora le cose cambiano. Tutto sommato -ripeto- 50 cent al giorno sono una cifra accettabilissima.
SE proponi di rendere a pagamento i posteggi dei prof, loro ovviamente non ti appoggeranno.

Pagine: 12

Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 248 Punti

Comm. Leader
Daniele

Daniele Blogger 27611 Punti

VIP
Registrati via email