• Catania / Giurisprudenza / Giurisprudenza
  • Corte Costituzionale e Legge Pecorella

maruti77-votailprof
maruti77-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
Posted - 25 Jan 2007 : 12:59:51
--------------------------------------------------------------------------------

cambiano cose importanti:

"Illegittimo l'articolo uno della legge nella parte in cui esclude che il Pm possa proporre appello contro le sentenze di proscioglimento.Illegittimo anche l'articolo 10 della legge nella parte in cui prevede che sia dichiarato inammissibile l'appello proposto dal Pm contro una sentenza di proscioglimento prima del 9 marzo 2006, quando entra in vigore la legge"

Il problema è ora, in attesa della pubblicazione della sentenza, capire come viene modificato l'art.593: a me pare di capire che il comma 1 rimanga come tale e che il comma 2 preveda la soppressione delle parole "nelle ipotesi di cui al secondo comma art.603, se la nuova prova è decisiva"....ma ne non sono affatto sicuro.

Allora ho chiamato in Istituto ed ho parlato con al Dott.sa DI Martino, la quale è stata gentilissima (davvero, cortese e disponibilissima) nel spiegare che "in base alle sole indicazioni di stampa" (cioè dire...in attesa della pubblicazione della sentenza, che come Lei ha detto non è sicuro che sia così immediata..) PARE che sia stato rivisto totalmente il comma 2 dell'art.593...ma mi pare di capire che, ovviamente, al momento non è possibile saperne molto (e che quindi neanche loro possono dare un riferimento esatto)...consigliava di cercare su siti internet specializzati in materia di diritto.

Diciamo che il problema si pone solo per chi come me deve fare esami a breve (13 febbraio) ed ironia della sorte oggi pomeriggio avrei dovuto ripetere per la prima volta proprio l'art.593...

In tal senso allora si dovrebbe tornare alla vecchia disciplina...circa la impugnabilità del PM?.....avendo il testo del 2004 vi riporto il vecchio comma 2 art.593(così come lo riporta il testo 2004, non so se sia tutto il comma II o meno): "L'imputato non può appellare contro la sentenza di prosciglimento perchè il fatto non sussiste o per non aver commesso il fatto".

Dovrebbe essere abolito anche, nello stesso articolo,il comma 3: "Sono inappellabili le sentenze di condanna per le quali è stata applicata la sola pena dell’ammenda".


Sono mie semplici deduzioni che lasciano il tempo che trovano...se qualcuno dovesse trovare un riscontro oggettivo lo faccia presente, in attesa della pubblicazione della sentenza.
maruti77-votailprof
maruti77-votailprof - Ominide - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
La Corte costituzionale ha dichiarato parzialmente illegittima la legge 46 del 2006 - più nota come legge Pecorella - sull'inappellabilità delle sentenze. I giudici hanno dichiarato illegittimo l'articolo 1 nella parte in cui esclude che il pm possa proporre appello contro le sentenze di proscioglimento e l'articolo 10, nella parte in cui viene stabilito che sia dichiarato inammissibile l'appello proposto dal pm contro una sentenza di proscioglimento prima del 9 marzo, quando la legge è entrata in vigore. La Consulta ha invece dichiarato manifestamente inammissibile la questione di legittimità dell'articolo 576 del Codice di procedura penale e dell'articolo 10 (commi 2 e 3) per quanto riguarda l'appello della parte civile contro le sentenze di proscioglimento. La decisione è stata resa nota con una nota della Corte costituzionale il 24 gennaio 2007, mentre la sentenza verrà depositata al più presto.
La legge, come abbiamo visto, era in vigore dal 9 marzo 2006. Il provvedimento era stato rinviato dal Presidente della Repubblica alle Camere dopo la prima approvazione del Parlamento, quindi modificato e approvato di nuovo – è stato infatti pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n.44 del 22 febbraio.




ECCO GLI ART.1 ED ART.10 LEGGE PECORELLA:


Articolo 1.


1. L'articolo 593 del codice di procedura penale è sostituito dal seguente: "Articolo 593 (Casi di appello). - 1. Salvo quanto previsto dagli articoli 443, comma 3, 448, comma 2, 579 e 680, il pubblico ministero e l'imputato possono appellare contro le sentenze di condanna. 2. L'imputato e il pubblico ministero possono appellare contro le sentenze di proscioglimento nelle ipotesi di cui all'articolo 603, comma 2, se la nuova prova è decisiva. Qualora il giudice, in via preliminare, non disponga la rinnovazione dell'istruttoria dibattimentale dichiara con ordinanza l'inammissibilità dell'appello. Entro quarantacinque giorni dalla notifica del provvedimento le parti possono proporre ricorso per cassazione anche contro la sentenza di primo grado. 3. Sono inappellabili le sentenze di condanna per le quali è stata applicata la sola pena dell'ammenda".


Articolo 10.

1. La presente legge si applica ai procedimenti in corso alla data di entrata in vigore della medesima.

2. L'appello proposto contro una sentenza di proscioglimento dall'imputato o dal pubblico ministero prima della data di entrata in vigore della presente legge viene dichiarato inammissibile con ordinanza non impugnabile.

3. Entro quarantacinque giorni dalla notifica del provvedimento di inammissibilità di cui al comma 2 può essere proposto ricorso per cassazione contro le sentenze di primo grado.

4. La disposizione di cui al comma 2 si applica anche nel caso in cui sia annullata, su punti diversi dalla pena o dalla misura di sicurezza, una sentenza di condanna di una corte di assise di appello o di una corte di appello che abbia riformato una sentenza di assoluzione.

5. Nei limiti delle modificazioni apportate dall'articolo 8 della presente legge possono essere presentati i motivi di cui all'articolo 585, comma 4, del codice di procedura penale entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge."
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

andrea1085

andrea1085 Blogger 376 Punti

VIP
Registrati via email