• Storia
  • L'espansione romana in Italia

    closed post best answer
josh98
josh98 - Eliminato - 285 Punti
Salva
Ciao a tutti...
Potete spiegarmi in parole semplici questo paragrafo sui plebei?
Grazie! :)
tiscali
tiscali - Tutor - 22610 Punti
Salva
In antichità, a Roma, i plebei furono la classe "sottomessa", politicamente, dai patrizi. Non vi era parità politica poiché i plebei non ricoprivano cariche pubbliche (per esempio senatori, consoli ecc), differentemente dai patrizi, i quali incidevano inevitabilmente sulla vita dei plebei. Questi ultimi, appunto, non avevano alcuna capacità d'azione politica. Cosa fecero? Organizzarono i "concili della plebe", presieduti dai tribuni della plebe, al fine di dare una svolta a quel sistema politico. Ma, come dice il testo, «questa organizzazione fu in origine estranea agli ordinamenti della repubblica», perché era il concilio a eleggere i tribuni, e non la popolazione romana, sicché questo andava contro le, all'epoca, vigenti regole di Roma. La parte sulla secessione direi che è molto chiara: i plebei si rifiutavano di prender parte all'esercito, facendo sì che questo pesasse sull'intera popolazione, continuamente attaccata da popolazioni italiche.
La vera svolta si ebbe a partire dal 451 a.C, in seguito alla creazione delle due commissioni, i decemviri, col compito, appunto, di redigere delle leggi scritte. Da queste due commissioni furono create le Dodici tavole, che rappresentarono le prime leggi scritte di Roma. La parte sull'abolizione del divieto del matrimonio misto e dell'oligarichia plebea mi sembra abbastanza chiara.

Hai qualche altro dubbio?
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 208 Punti

Comm. Leader
Max

Max Geek 692 Punti

VIP
Registrati via email