antowen
antowen - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
Poco fa ho visto uno scritto qui sui lecchini...ci sono anche i lecchini sul lavoro,decisamente peggiori mi sono permesso di copiare e modificare...:lol

Cocco del datore di lavoro.
Chi è costui? Sicuramente una persona che risulta simpatico al datore di lavoro e per questo motivo riceve un trattamento di favore sia in termine lavorativo che economico:
si va dalla maggiore disponibilità nei suoi confronti fino ad ingiustificati aumenti di stipendio guadagnati sulle spalle del lavoro degli altri.


Teoria sui LECCHINI

A volte la simpatia dei datori di lavoro non è naturale, ma è indotta da alcuni comportamenti che il pezzo di merda mette in pratica proprio al fine di farsi notare.
Siamo di fronte ai cosiddetti "lecchini", termine che deriva dall'abbreviazione della più volgare denominazione "lecca c**o" o "lecca piedi".
Già questo è sufficiente a comprendere il disprezzo che si nutre per i lecchini persone considerate capaci di umiliarsi e sottomettersi pur di conseguire l'approvazione altrui.
Se il vantaggio è quello di migliorare il proprio trattamento economico, il rischio è di risultare poi antipatici ai colleghi e... agli stessi titolari.
Sì perché se certi comportamenti sono troppo palesi, anche i datori di lavoro si accorgono che sono finti e quindi si rischia l'effetto contrario.

Dove lavoro io capita che il lecchino inf*** di turno per avere le simpatie del datore di lavoro crea situazioni di disagio agli altri dipendenti di tipo lavorativo e in particolare di tipo economico (minacce di diminuire lo stipendio qualora l'operaio non gli stia simpatico o abbia comportamenti palesi come me,per comportamenti palesi non intendo dire che io sia cosi rompi....co***oni solo che dico le cose in faccia...senza timore...cioè avere diritti e doveri giusti sia da parte mia che da parte dell'azienda senza dover subire pressioni solo perchè attualmente ci sia crisi economica o poche possibilità di lavoro.
L'infamia di queste persone purtroppo costringe molte persone a lasciare il posto di lavoro o nel peggiore dei casi immaginate voi...

Tra le tante ingiustizie ve ne dico una,

io da studente/lavoratore ho diritto a 150 ore di studio giusto (vedi legge)?
ok...la condizione che mi impongono e che se prendo queste 150 ore rischio il licenziamento o che comunque mi metteranno in condizione di andare via...perche io NON DEVO PERMETTERMI di prendere le 150 ore più le ferie che mi toccano per legge...motivo? Perchè solo in ITALIA succedono queste situazioni? È ingiusto...
cosa ne pensate?
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email