AleLili
AleLili - Sapiens - 401 Punti
Rispondi Cita Salva
Che cosa sostiene il principio dell'esclusione competitiva?
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
Mi pare che si tratti di una competizione interspecifica fra popolazioni appartenenti a specie diverse.
Per competizione interspecifica s’intende la riduzione della fecondità, della sopravvivenza oppure dell’accrescimento d'una popolazione a causa della presenza d’altre specie.
Rispetto a come si verifica la competizione intraspecifica le modalità sono le stesse, ma si tratta comunque di individui appartenenti a specie differenti e che, pertanto, presentano caratteristche riproduttive e di sfruttamento delle risorse tra loro diverse. Ciò fa sì che le conseguenze della competizione intraspecifica siano differenti da quella provocate dalla quella interspecifica. In effetti, gli effetti provocati dalla competizione interspecifica possono influenzare le dinamiche delle popolazioni coinvolte dalla competizione il che, alla fine, può determinare conseguenze anche a livello evolutivo. Gause nel 1934 illustrò alcuni classici esperimenti con due specie di protozoi: Paramecium aurelia e Paramecium caudatum.
Questi organismi unicellulari vennero posti in terreni di coltura costituiti da 5 cc di soluzione salina (soluzione salina di Osterhout) cui era stata aggiunta una quantità nota di Bacillus pyocyaneus come fonte di nutrimento.
Ponendo in colture separate le due specie, e rinnovando periodicamente il terreno, si ottennero curve di accrescimento approssimativamente sigmoidali con il conseguimento d’uno stato stazionario. Ponendo le due specie insieme in uno stesso terreno di coltura si vide che mentre Paramecium aurelia manteneva ancora un accrescimento logistico, la popolazione di Paramecium caudatum, dopo un certo numero di giorni (circa 8), cominciò a diminuire fino a scomparire del tutto.
Da ciò si può dedurre che una delle due specie è riuscita a competere meglio per le risorse causando l’estinzione di quella concorrente.
Dall’esempio riportato e da altri che sono stati descritti, si è formulato il principio d’escluzione competitiva (o principio di Gause). Tale principio afferma che se due specie coesistono in un medisimo ambiente ciò avviene in ragione del fatto che esse presentano nicchie ecologiche separate. Qualora, però, le due specie presentino nicchie sovrapposte, allorà una delle due specie prenderà il sopravvento sull’altra fino ad eliminarla.
Tale principio, comunque, può risultare difficilmente applicativo in quanto in natura si possono trovare specie simili che coesistono. Spesso la coesistenza è garantita dalla presenza di nicchie ecologiche non completamente sovrapposte (le specie in questioni possono presentare, infatti, differenze lievi a livello di dieta o di habitat). In conseguenza di ciò nasce il quesito su quanto due nicchie debbano essere separate affinché la coesistenza sia permessa.
Le prime risposte a tale quesito derivarono dall'applicazione del modello della competizione interspecifica di Lotka-Volterra, così chiamato dal nome dei due ideatori che lo svilupparono in parallelo.

All'interno di una comunità, la competizione tra due specie differenti porta generalmente al successo di una delle due e alla scomparsa dell’altra. Si tratta del cosiddetto principio di esclusione competitiva, secondo cui due specie di una stessa comunità ecologica non possono occupare la stessa nicchia. In genere, la competizione porta a una distribuzione ottimale delle risorse disponibili: le diverse piante che compongono una comunità, ad esempio, possono avere radici che scendono nel sottosuolo a profondità differenti: quelle appartenenti a specie caratterizzate da radici più superficiali sfruttano le risorse idriche e minerali presenti nello strato più superficiale del terreno, mentre quelle appartenenti a specie caratterizzate da radici più profonde sfruttano le risorse che le piante del primo tipo non potrebbero comunque raggiungere.


Questo è tutto quello che ho trovato.....
AleLili
AleLili - Sapiens - 401 Punti
Rispondi Cita Salva
GRAZIE 1000!!! in poche parole: due specie che occupano la stessa nicchia non possono convivere in equilibrio giusto?
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
Non la stessa nicchia, ma nicche separate: le due specie coesistono, anche se la siuazione cambia se una specie ha una nicchia sovrapposta alla nicchia delle specie in competizione, a questo punto quindi, una specie tende ad eliminare l'altra....
AleLili
AleLili - Sapiens - 401 Punti
Rispondi Cita Salva
io ora ho trovato questo:
Principio di Gause o Principio di esclusione competitiva:

Due popolazioni con corrispondente nicchia ecologica
non possono coesistere nel tempo senza una progressiva
differenziazione della nicchia.
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
Appunto una specie tende ad eliminare l'altra se le nicchie delle due specie in competizione sono sovrapposte....
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Daniele

Daniele Blogger 27555 Punti

VIP
Registrati via email