• Maturità
  • TESINA PER L'ULTIMO ANNO DI LICEO

    closed post
Rossellaaaaaaaa
Rossellaaaaaaaa - Eliminato - 6 Punti
Rispondi Cita Salva
STO INIZIANDO A SCEGLIERE GLI ARGOMENTI DA INCLUDERE NELLA TESINA CHE PORTERò AGLI ESAMI DI STATO... HO SCELTO COME TEMA CENTRALE "L'IRONIA", CHE NON SUSCITA ILARITA' MA FA NASCERE SUL VISO UN SORRISO AMARO CHE PORTA A RIFLETTERE... SONO IN Difficoltà X ALCUNI COLLEGAMENTI COME FISICA, SCIENZE, INGLESE E FILOSOFIA...POTRESTE AIUTARMI?? X QUANTO RIGUARDA LE ALTRE MATERIE HO MESSO GIù QUALCOSA:
ITALIANO: PIRANDELLO, VERGA
lATINO: GIOVENALE, PETRONIO
STORIA: AGGANCIANDOMI ALLA "VITA è BELLA" LA SECONA GUERRA MONDIALE
ARTE: IL DADAISMO

SE AVETE IDEE DA SUGGERIRMI VI PREGO ANCHE DI MOTIVARLE COSì COMPRENDO MEGLIO :)
GRAZIE IN ANTICIPO.....
ohi
ohi - Ominide - 12 Punti
Rispondi Cita Salva
e perfetta :)

Aggiunto più tardi:

anche se non si collega tutto non fa nulla, credimi

Aggiunto 44 secondi più tardi:

ti posso chidere una cosetta?
Rossellaaaaaaaa
Rossellaaaaaaaa - Eliminato - 6 Punti
Rispondi Cita Salva
vorrei fare qualcosa di davvero diverso ecco xke chiedevo.. filosofia nn mi sai dire nulla?? o scienze? l'unica materia dove in casi estremi voglio nn collegare è fisica.. ma le altre si!! HEEELP!!
ohi
ohi - Ominide - 12 Punti
Rispondi Cita Salva
no mi dispiace davvero non so :(
Rossellaaaaaaaa
Rossellaaaaaaaa - Eliminato - 6 Punti
Rispondi Cita Salva
SPERIAMO CHE QUALCUNO RISPONDA =(

CMQ DIMMI PURE...
ohi
ohi - Ominide - 12 Punti
Rispondi Cita Salva
attraverso il breve episodio di cavalcante, viene evocata la figura di guido poeta e primo amico di dante.. qualiaspetti emergono dalle parole dei due interlocutori, del rapporto affettivo e intelletuale tra dante e guido? è urgentissimo...

Aggiunto più tardi:

canto 10 inferno
Rossellaaaaaaaa
Rossellaaaaaaaa - Eliminato - 6 Punti
Rispondi Cita Salva
prova qui... [url=http://----------------------------------------------------------------- CONFLITTI Prima amici, poi divisi dalle opposte concezioni dell'amore e della poesia. Uno studio sulla rivalita' tra l'Alighieri e Cavalcanti Dante e Guido, nemici per le rime Il "primo amico" di Dante? Guido Cavalcanti, naturalmente: suo maestro e guida nell'arte del "dire per rime", figlio di quel Cavalcante Cavalcanti che lo stesso Alighieri nella Commedia collochera' fra gli eretici. Eccolo, Guido, dedicatario della Vita nuova, l'opera giovanile di Dante (composta attorno al 1292), a coronamento di un sodalizio che durava da un decennio quasi e in nome di una comune militanza poetica: sara' Guido, per il giovane Dante, il "primo de li miei amici", oggetto di stima incondizionata e di grande affetto. Si sapeva che in seguito qualcosa, tra Dante e Guido (piu' anziano di una quindicina d'anni), sarebbe intervenuto a compromettere quella primitiva amicizia. Qualcosa di grave e di traumatico. Che cosa? Nella ricostruzione dei tormentati rapporti tra i due maggiori poeti del tredicesimo secolo, si cimenta Enrico Malato, docente di Storia della letteratura italiana all'universita' della Tuscia, che pubblica presso la Salerno Editrice un saggio dal titolo Dante e Cavalcanti. In cui si riprende, in realta', una antica questione che angustia da sempre la critica dantesca, arrovellata sull'enigma di un verso celebre quanto oscuro: "forse cui Guido vostro ebbe a disdegno", rivolto al padre del Cavalcanti, nel X canto dell'Inferno, dal pellegrino Dante. Ma andiamo con calma. Si diceva dell'amicizia. Si diceva della frattura. Guido, citato due volte nella Divina Commedia, clamorosamente non comparira' mai nel viaggio dantesco attraverso l'oltretomba. Tuttavia, secondo Gianfranco Contini la sua presenza aleggia "in modo tanto piu' inquietante quanto piu' indiretto". Dunque? C'e' sotto qualcosa. Enrico Malato torna a quella dedica giovanile, mirata a cementare la solidarieta' tra i due. E dimostra che l'effetto ottenuto fu pero' l'opposto rispetto a quello auspicato. Guido non gradi' affatto quello slancio del suo giovane compagno. Perche'? Perche' dopo l'uscita della Vita nuova non c'e' piu' traccia di quel dialogo amicale che aveva caratterizzato gli anni precedenti. Anzi. Malato riprende in mano Donna me prega, una famosa canzone di Cavalcanti, la piu' famosa canzone filosofica, un arduo componimento su cui si sono concentrate per secoli le attenzioni della critica, dimostrando come si tratti di "una contestazione radicale e senza appello della Vita nuova". Viene cosi' riconsiderata la collocazione cronologica della canzone, la cui composizione non solo (a differenza di quel che si e' creduto finora) sarebbe posteriore alla Vita nuova, ma ne sarebbe addirittura una risposta sistematica se non immediata. Qual e' dunque l'argomento del contendere? Perche' Guido Cavalcanti ruppe con il suo amato discepolo? E' presto detto: Guido non condivide per niente le teorie dantesche sull'amore, non sopporta l'ideologia che pervade l'operetta di Dante e tantomeno puo' tollerare di esserne il dedicatario. Si sente lontanissimo dalla visione stilnovista dell'amore, da una dottrina che affida alla "donna gentile" (Beatrice) un ruolo di salvazione cristiana. No, per Cavalcanti l'amore e' passione travolgente, stimolo sensuale, e nella passione si esaurisce ("Di sua potenza segue spesso morte";). Come procede la dimostrazione di Malato? Lo studioso procede per indizi, individuando tutta una serie di segnali, di allusioni e di spie lessicali e filosofiche, di piu' o meno occulti richiami danteschi in Cavalcanti, a cominciare dalla presenza di una donna interlocutrice, che "prega" il poeta di illustrare le sue teorie d'amore. Il bersaglio polemico non viene pero' mai nominato esplicitamente, ma la "connotazione sostanzialmente negativa dell'amore" capovolge di fatto i principi danteschi. Si dira' di piu'. Secondo Malato, gia' prima di Donna me prega ci sono avvisaglie della crisi e dell'irritazione cavalcantiana. Il dibattito ideologico sull'amore animava il "giro" di amici poeti del secondo Duecento. Ma un dissidio cosi' duro, per di piu' tra i due maggiori poeti del tempo, avrebbe contribuito a infiammare gli animi. Esiste un sonetto di Guido a Dante, di datazione finora incerta (ma collocato da Malato a ridosso della Vita nuova), chiamato la "rimenata" (I' vegno 'l giorno a te 'nfinite volte), cioe' aspro rimprovero o meglio "paternale". E' il primo segnale della crisi, cui fara' seguito, appunto, la celebre canzone filosofica. Una provocazione, precisa Malato, dai toni inequivocabili: "trovoti pensar troppo vilmente", "la vil tua vita", "l'anima invilita", eccetera. Dove Guido, preoccupato per lo smarrimento dell'amico (dell'ex - amico), si rivolge a Dante "in persona d'Amore" (immagina cioe' che sia Amore a parlare: Amore - passione): elaborando cosi' un escamotage per camuffare la durezza di un rimprovero troppo diretto. Ma altri documenti intervengono, secondo Malato, a confermare l'ipotesi di una crisi dovuta al fastidio di Cavalcanti (o al risentimento o persino al rifiuto) per la dedica. Ecco un altro sonetto leggibile come sorta di parodia, Pegli occhi fere un spirito sottile, in cui Guido si diverte a capovolgere il sistema di valori dantesco. E Dante? Come reagisce Dante a tanta provocazione? Dante non e' certo tipo che dia in escandescenze. Ma certo, rimane colpito dalle risposte del "maestro": "Il dissidio - scrive Malato - dovette essere vissuto in modo traumatico da entrambi i protagonisti di questa vicenda, in ragione, da un lato, dell'intensita' del vincolo intellettuale e forse affettivo che tutto lascia credere li unisse nella fase della spensierata pratica poetica allineata ai modi della tradizione; dall'altro, dell'impegno ideologico, se non anche emotivo, della partecipazione personale che entrambi hanno posto nella definizione delle rispettive posizioni, contrapposte con una radicalita' e una determinazione che non lasciava margini di compromesso". Dante sembra scegliere il silenzio. Ma la sua condanna arrivera' senza remissione nella Divina Commedia. Dove pure si riconosce a Guido un'"altezza d'ingegno" impareggiabile (anzi, pari alla sua, di Dante). In un passaggio del colloquio con Cavalcante, l'Alighieri mette in bocca al padre di Guido un dubbio sul ravvedimento del figlio prima della morte: sicche' viene adombrata la definitiva perdizione di Guido. Ma nella Commedia e' ancor piu' micidiale l'assenza fisica del "primo amico": vendetta postuma, per quanto il suo spirito aleggi su tutto il poema, come osserva Contini. Nel capolavoro di Dante c'e' un continuo (e sottilissimo, per non dire geniale) concedere e sottrarre gloria a Guido. Cosi', se "ha tolto l'uno Cavalcanti a l'altro Guinizelli Guido / la gloria de la lingua", "forse e' nato / chi l'uno e l'altro caccera' dal nido". Autoriconoscimento grandioso, se e' vero che colui che caccera' tutti dal nido e' proprio Dante. Ma la risposta per antonomasia, secondo Malato, si trova in tre passi cruciali del poema: nel V dell'Inferno, dove l'osservanza dell'amore cortese conduce alla perdizione Paolo e Francesca; nei canti XVII e XVIII del Purgatorio, dove la dottrina dell'amore cristiano viene enunciata senza equivoci; cosi' come nel XXI e nel XXII del Purgatorio: "radicale confutazione della costruzione teorica proposta da Donna me prega, con inconfondibili riprese concettuali e lessicali". Malato arriva addirittura a insinuare che l'intera Commedia sia stata concepita in risposta al "disdegno" del "primo amico". La sua partita contro il "maestro" di un tempo, Dante se l'e' giocata alla grande. E conoscendolo non poteva essere altrimenti. ]Inserire qui il testo del link...[/url]
ohi
ohi - Ominide - 12 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie <3
Rossellaaaaaaaa
Rossellaaaaaaaa - Eliminato - 6 Punti
Rispondi Cita Salva
prego...
{Zahra}
{Zahra} - Eliminato - 11670 Punti
Rispondi Cita Salva
Utentessa eliminata, chiudo.
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Corra96

Corra96 Moderatore 3214 Punti

VIP
Registrati via email