SnuSniuk
SnuSniuk - Genius - 8075 Punti
Rispondi Cita Salva
Vi parlo da studentessa un anno dopo la maturità e con quasi un anno di università alle spalle.

Chissà cosa sembra lamturità quando la vivi la pensiamo tutti come una "liberazione" della scuola superiore, ma in realtà è la paura che è la madre del coraggio.

Il coraggio di ammetere che è finita, che non si sopporta quel compagno di classe che hai sopportato 5 anni, il prof che ammazzeresti volentieri, l'ex del liceo k te ne ha fatte tante in pratica ogni cavillo è una scusa per andarsene con tutta questa frenesia dell'università, di diventare "grandi", autosufficenti, non avere i genitori con il fiato sul collo ci fa sentire liberi.

Dopo si pensa all'università, alla nuova città, a prender casa e amicizie nuove e tanto divertimento (almeno è questo k si pensa)

Ma è davvero cosi? La maturità è una dolce bugia perchè ti fa credere che il dopo è meglio ma non è cosi perchè ti assumi tanta responsabilità che prima non avevi.


Esami finiti, quadri usciti, inkazzatura per l'insoddisfazione del voto basso che non meritavi.
Ok, ti iscrivi all'università, prima settimana da studente universitario fuori sede.

I tuoi inquilini non sembrano poi cosi tanto carini e simpatici, dispetti, pulizia zero, nottambuli e il giorno dopo te hai lezione all uni.

Non sai cucinare, vivi con i sughi pronti Barilla e risotti Knorr pronto all'uso, oppure sempre alla mensa.

Pulisci casa e ogni emozione diventa triplicata anche una cavolata e quando la sera ti ritrovi sul letto a piangere, per una giornata storta, chiuso in camera tua senza che nessuno capisca le tue esigenze e ti domandi: "Che ci faccio io qui?"

Tutto è troppo grande, tutto ti sembra inutile e rimpiagi la sicurezza di casa, il compagno di classe antipatico, che stranamente dopo la maturità diventa tuo amico mentre il tuo fido compagno di banco non sai che fine fa.

Si sgretolano amicizie che sembravano indistruttibili, amori chiusi da un incomprensione, esami da fare.

Cito il testo di una canzone dei Gemelli Diversi e piango ogni volta che la sento.


Il testo:

angolitesti:
Vedi, vedi, vedi...
Com'è serio quel ragazzo infondo alla classe all'ultimo banco
quante domande durante l'ultima ora dell'ultimo anno
lui sta pensando che fuori c'è un mondo che aspetta soltanto di essere cambiato
è preoccupato pensa agli amici che ha accanto "che fine faranno?"
Un po' gira la testa se pensa che questa è la fine di giri di giostra
tanti sogni però alla domanda "che farò da grande?" non ha una risposta
non vede l'ora di uscire dalla massa
che dura più di uno scritto più della maturità
in città c'è già chi sa dimostrarmi come si può fallire
tra un rimorso, un rimpianto, rischiando ogni santo giorno d'impazzire
io non voglio fuggire piuttosto soffrire
si è detto fissando se stesso allo specchio quando l'ha vista ridere in cortile
ed è stato un lampo soltanto uno sguardo un istante perfetto hai capito?
Anche quando sfugge il senso esiste un motivo per essere vivo!

No non mi rendo conto
ma so che non prendo sonno
se penso che ti perderò...
voglio gridarlo al mondo
l'amore non dura un giorno o no?
Da adesso dubbi non ne ho...

E mentre si allontana il tram
la scuola sembra piccola
per quanti pochi giorni soli io e te
ed ora dove mai sarà?
In viaggio all'università
dov'è che si può litigare e poi giocare alla libertà
Gli esami iniziano da qua
ma fuori c'è chi insegna già come si prende e non si da...no...
L'unica certezza che ora ho...dimmi...
noi proviamo insieme ci sarò

No non mi rendo conto
ma so che non prendo sonno
se penso che ti perderò...
voglio gridarlo al mondo
l'amore non dura un giorno...o no?
Da adesso dubbi non ne ho

Con un po’ di paura mentre si fa sera lui fissa la luna pensando che lascia
scritti sui banchi distanti negli anni vissuti tra sole e burrasca…
si sente fragile, instabile, piangere è facile ma
tocca rialzarsi e rimboccarsi le maniche qua…
nessuno da niente per niente, lo pensa da sempre mentre riempie
pagine, pagine rivivendo ogni immagine tra
gli amici e i professori,
le zuffe ed i primi amori,
mille e più errori e le migliori occasioni con milioni di pari
un esame da dare e una donna da amare ed un mare di strada da fare,
il giorno scompare stringe i pugni e vorrebbe urlare

No, non mi rendo conto
ma so che non prendo sonno
se penso che ti perderò…
voglio gridarlo al mondo
l’amore non dura un giorno…o no?
Ne resta sempre ancora un po’
Fuschietta
Fuschietta - Sapiens - 460 Punti
Rispondi Cita Salva
E' bellissimo qst messaggio...cioè...più ke bello...mi hai chiarito le idee!Più la maturità si avvicinava e più io entravo in crisi...nn tnt x il fatto di mettermi alla prova e dare il meglio di me ma...x la paura del dopo...mi sembra di essere entrata in una valanga ke mi porta via e nn so dove...sta arrivando tutto insieme...gli esami, la scelta dell'università...ke tnt nn sarà mai qlla giusta...e...ritrovarsi sbattuti in chissà ke mega università con gente ke nn si conosce senza nessuno ke è pronto ad aiutarti...qnt rimpiangeremo tutti i professori ke x 5 anni magari abbiamo anche odiato...!!!!Ed oggi ke è x me qlla fatidica giornata...qlla notte ke tutti avranno cantato a squarciagola tra risate nervose, ansia e voglia di liberarsi di tutto e di tutti...la notte prima degli esami...non mi terrorizza tnt il domani ma...il domani ancora!! :cry
IPPLALA
IPPLALA - Mito - 101142 Punti
Rispondi Cita Salva
Guarda non sono d'accordo perchè è vero, il duro comincia dopo, ti sembra un esame insostenibile, che non ce la farai mai, ma io so benissimo che il difficile comincia dopo. E' vero, magari mi ritroverò anche io a piangere (la vedo dura però) per una giornata andata male, quando entrerò in aula con altre 50 persone a sentire una lezione, non lo escludo che mi troverò male, ma ormai l'era di essere accompagnati per mano per ogni cosa è finita e questo lo dobbiamo dimostrare ora. Cresciamo, diventiamo Uomini e Donne e anche se la vita continuamente ci mette alla prova, perchè tiranna lo fa continuamente, dire che si vorrebbe tornare indietro è da vigliacchi. io voglio andare avanti, diventare qualcuno anche se è doloroso. e mi spaventa da morire pensare che andrò in una città di cui non conosco nessuno, in un mondo in cui sarò continuamente tartassata da responsabilità, ma se non si cresce mai che fine facciamo?!
Io in questi esami non devo dimostrare di valere, l'ho fatto in cinque anni. Devo solo rinnovare la stima che hanno i professori delle mie qualità e nulla di più. Quando entri nel mondo è difficile. la forza di una donna e di un uomo si vede da qui!!
In bocca al lupo dei maturandi e avere ansia non ha senso. Se abbiamo fatto il nostro dovere in 5 anni, non ha senso avere paura. Abbiamo dimostrato che valiamo!!
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

andrea1085

andrea1085 Blogger 387 Punti

VIP
Registrati via email