• Latino
  • x favore vi supplico traducetemi questa versione

cocolito
cocolito - Habilis - 212 Punti
Rispondi Cita Salva
ciao a tutti traducetemi questa piccola versione x favore ormai èl'ultima interrogazione x favore vi spupplico traducetemi questa versione ve lo kiedo in ginokkio mi aiutate tntissimo

primusque id Hasdrubal instituerat, dux cum saepe alias memorabilis tum illa praecipue pugna, pugnantes hortando pariterque obeundo pericula sustinuit; ille fessos abnuentesque taedio et labore nunc precando, nunc castigando accendit; ille fugientes revocavit omissamque pugnam aliquot locis restituit; postremo cum haud dubie fortuna hostium esset, ne superstes tanto exercitui suum nomen secuto esset concitato equo se in cohortem Romanam immisit; ibi, ut patre Hamilcare et Hannibale fratre dignum erat, pugnans cecidit.
Nunquam eo bello una acie tantum hostium interfectum est, redditaque aequa Cannensi clades vel ducis vel exercitus interitu videbatur. quinquaginta septem milia hostium occisa, capta quinque milia et quadringenti; magna praeda alia cum omnis generis tum auri etiam argentique; civium etiam Romanorum qui capti apud hostes erant supra quattuor milia capitum recepta. id solatii fuit pro amissis eo proelio militibus
vi ringrazio gia in anticipo x favore grazie ciao
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Ho trovato questa:

primusque id Hasdrubal instituerat, dux cum saepe alias memorabilis tum illa praecipue pugna. ille pugnantes hortando pariterque obeundo pericula sustinuit; ille fessos abnuentesque taedio et labore nunc precando, nunc castigando accendit; ille fugientes revocavit omissamque pugnam aliquot locis restituit; postremo cum haud dubie fortuna hostium esset, ne superstes tanto exercitui suum nomen secuto esset concitato equo se in cohortem Romanam immisit; ibi, ut patre Hamilcare et Hannibale fratre dignum erat, pugnans cecidit.
Nunquam eo bello una acie tantum hostium interfectum est, redditaque aequa Cannensi clades vel ducis vel exercitus interitu videbatur.

per primo l'aveva adottato Asdrubale, capo degno di memoria per altre battaglie, ma soprattutto per quest'ultima Egli incoraggiò i soldati spingendoli ed affrontando con loro i pericoli; egli ora con le preghiere, ora con gli avvisi, rinvigorì i soldati esausti e quelli che per la stanchezza si rifiutavano di lottare; egli richiamò coloro che si davano alla fuga ed in alcuni luoghi riaccese la battaglia che si andava spegnendo Alla fine, quando fu certo che il successo favoriva al nemico, per non sopravvivere ad un esercito così grande che l'aveva seguito fidando nel suo nome, spronato il cavallo, si scagliò contro la coorte romana; qui crollò lottando Asdrubale, come colui che era degno del padre Amilcare e del fratello Annibale. Mai in una battaglia vennero uccisi così tanti nemici come in quella guerra, sembrava che con la morte del comandante e con l’annientamento dell’esercito, fosse stata contraccambiata una disfatta pari a quella di canne.
Manca questo pezzo:

quinquaginta septem milia hostium occisa, capta quinque milia et quadringenti; magna praeda alia cum omnis generis tum auri etiam argentique; civium etiam Romanorum qui capti apud hostes erant supra quattuor milia capitum recepta. id solatii fuit pro amissis eo proelio militibus.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 208 Punti

Comm. Leader
Registrati via email