sasy101
sasy101 - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
Vi prego, ho qui due frasi di latino da dover tradurre..ve le posto,chiedendovi cortesemente di darmi una mano..

1. Quid ergo possum facere tibi, si nec fabellae te iuvant nec fabulae? Noli molestus ese omnino litteris, ne maiorem exhiberant tibi molestiam. Hoc hillis dictum est, qui stultutia nauseant, et ut putentur sapere caelum vituperant.(Fedro)

2. Videns autem Deus multam malitiam hominum esse in terra, et cunctas cogitationes cordis interas esse ad malum omni tempore, paenituit eum, quod hominem fecisset in terra. Et tactus dolore: "Delebo -inquit- homines, quos creavi, a facie terrae: paenitet enim me fecisse eos." (Bibbia)

Delle cose in grassetto mi servirebbe sapere l'uso sintattico.. Per favore, sarebbe urgente. Grazie.
silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Rispondi Cita Salva
1. Quid ergo possum facere tibi, si nec fabellae te iuvant nec fabulae? Noli molestus ese omnino litteris, ne maiorem exhiberant tibi molestiam. Hoc hillis dictum est, qui stultutia nauseant, et ut putentur sapere caelum vituperant.(Fedro)
verbo relativamente impersonale ( + accusativo )
verbo di sensazione
verbo "putandi --> costr. personale

Che cosa ti posso fare se nè i raccontini nè le favole ti vanno a genio ( ti piacciono ) ? Non essere completamente infastidito dalle lettere, affinchè non ti producano maggiore fasstidio. Questo fu detto a coloro che sono nauseati per stoltezza, e per essere creduti di avere buon gusto, biasimano il cielo ( gli dèi )

caio sasy101 :hi...a dopo per il resto
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 341 Punti

Comm. Leader
Registrati via email