• Latino
  • vi preeeeeeeeeeegooooooooo aiutatemiiiiiiiiiiiiiiiiii........

slash92
slash92 - Erectus - 60 Punti
Rispondi Cita Salva
tum fulvius flaccus, magna cura et sollicitudine adfectus, cum exercitu romam ingressus, per carinas contendit ad esquilias. deinde cum egressus esset, inter portam esquilinam et collinam castra posuit. eo aediles plebis commeatus comportaverunt qui militibus opus erant, atque cito consules quoque senatusque venerunt. tunc de rei publicae extrema salute consultatum est. inter omnes convenit consules circa portas collinam et esquiliniam castra ponere, atque caium calpurnium, praetorem urbanum, capitolio et arci praeesse. praeterea omnium consensu statuerunt ut senatores in foro manerent, si in tam subitis rebus consulto opus esset. interim hannibal, carthaginiensium dux, animi suspensus, castra posuit apud anienem, flumen quod in tiberim influit. inde ipse, cum duobus milibus equitum ad portam collinam progressus est atque, obequitans, unde proxime poterat, urbis moenia situmque trepidus contemplabatur.

mi serve la traduzione di questa versione vi scongiuro.......
silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Rispondi Cita Salva
tum fulvius flaccus, magna cura et sollicitudine adfectus, cum exercitu romam ingressus, per carinas contendit ad esquilias. deinde cum egressus esset, inter portam esquilinam et collinam castra posuit. eo aediles plebis commeatus comportaverunt qui militibus opus erant, atque cito consules quoque senatusque venerunt. tunc de rei publicae extrema salute consultatum est. inter omnes convenit consules circa portas collinam et esquiliniam castra ponere, atque caium calpurnium, praetorem urbanum, capitolio et arci praeesse. praeterea omnium consensu statuerunt ut senatores in foro manerent, si in tam subitis rebus consulto opus esset. interim hannibal, carthaginiensium dux, animi suspensus, castra posuit apud anienem, flumen quod in tiberim influit. inde ipse, cum duobus milibus equitum ad portam collinam progressus est atque, obequitans, unde proxime poterat, urbis moenia situmque trepidus contemplabatur.

allora Fulvio Flacco, disposto in uno stato di grande ansia e preoccupazione, entrato con l'esercito a Roma, si diresse all'Esquilino attraverso le Carene. Poi, dopo essere uscito, pose l'accampamento fra la porta esquilina e la porta collina. Lì gli edili della plebe traportarono i viveri, che erano necessari ai soldati, e ben presto arrivarono anche i consoli e il senato. Allora ci si consultò sull'estremo tentativo di salvezza per lo stato. Tutti si accordarono che i consoli disponessero l'accampamento attorno alle porte collina ed esquilina e che Caio Calpurnio, pretore della città, si mettesse a capo del Campidoglio e della rocca. Inoltre col consenso di tutti decisero che i senatori rimanessero nel foro, se ci fosse stato bisogno di una decisione in una situazione tanto improvvisata. Nel frattempo Annibale, comandante dei Cartaginesi, incerto, collocò l'accampamento presso l'Aniene, fiume che sbocca nel Tevere. Da lì egli in persona avanzò con duemila cavalieri verso la porta collina e, girando a cavallo, scrutavacon trepidazione, da dove più vicino poteva, le mura e la posizione della città.

ciao slash92 :hi
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 281 Punti

Comm. Leader
Registrati via email