• Latino
  • versioni x le vacanze (urgenti)

    closed post
Marty992
Marty992 - Sapiens - 436 Punti
Rispondi Cita Salva
i re stranieri

Ex Macedonum gente ceteros reges antecesserunt militari gloria Philippus,Amyntae filius, et Alexander Magnus. Alexander Babylone morbo consumptus est: Philippus Aegeis a Pausania, cum ad ludos veniebant, iuxta theatrum occisus est. Epirotes Pyrrhus cum popoulo Romano bellavit; cum Argos oppidum oppugnabat in peloponnesso, lapide ictus et occisus est. Siculus Dionysius et viribus fortis et belli peritus fuit et minime libidinosus, non luxuriosus, non avarus,cupidus tantum singularis perpetuique imperii, sed crudelis. Nam dum imperium muniebat,omnes cives insidiatores putabat. Postquam virtute tyrannidem sibi peperit, magna retinuit felicitate. Decessit, dum regnum florebat, neque in multis annis ex sua stirpe funus vidit.

Avidità di Giulio Cesare

Abstinentiam neque in imperiis neque in magistratibus praestitit. in Hispania pro consule et a socii pecunias emendicavit accepitque in auxilium aeris alieni et Lusitanorum oppida diripuit hostiliter. in Gallia fana templaque deum donis referta expilavit, urbes diruit saepius ob praedam quam ob delictum;taque auro abundabat ternisque milibus nummum in libras promercale per Italiam provinciasque dividit. In primo consulatu tria milia pondo auri eripuit e capitolio et tantundem inaurati aeris reposuit. Societates ac regna pretio dedit; uni Ptolemaeo prope sex milia talentorum suo Pompeique nomine sumpsit. Postea vero evidentibus rapinis ac sacrilegis et onera bellorum civilium et triumphorum ac munerum sustinuit impendia.


GRAZIE!!!
dj142
dj142 - Genius - 12048 Punti
Rispondi Cita Salva
i re stranieri(è un po' diversa ma prova a aiutarti con questa):

2] Ex macedonum autem gente duo multo ceteros antecesserunt rerum gestarum gloria: Philippus, Amyntae filius, et Alexander Magnus. Horum alter Babylone morbo consumptus est: Philippus Aegiis a Pausania, cum spectatum ludos iret, iuxta theatrum occisus est. 2 Unus Epirotes, Pyrrhus, qui cum populo Romano bellavit. Is cum Argos oppidum oppugnaret in Peloponneso, lapide ictus interiit. Unus item Siculus, Dionysius prior. Nam et manu fortis et belli peritus fuit et, id quod in tyranno non facile reperitur, minime libidinosus, non luxuriosus, non avarus, nullius denique rei cupidus nisi singularis perpetuique imperii ob eamque rem crudelis. Nam dum id studuit munire, nullius pepercit vitae, quem eius insidiatorem putaret. 3 Hic cum virtute tyrannidem sibi peperisset, magna retinuit felicitate. Maior enim annos LX natus decessit florente regno neque in tam multis annis cuiusquam ex sua stirpe funus vidit, cum ex tribus uxoribus liberos procreasset multique ei nati essent nepotes.
----------------------------------------------------------------------------------------------------
Del popolo macedone due re superarono di molto gli altri nella gloria delle imprese: Filippo figlio di Aminta e Alessandro Magno. Il secondo di questi fu divorato dalla malattia a Babilonia; Filippo fu ucciso da Pausania ad Egia, nei pressi del teatro, mentre si recava a vedere gli spettacoli. 2 Degli Epiroti uno solo, Pirro, che guerreggiò col popolo Romano. Costui mentre dava l'assalto alla città di Argo nel Peloponneso, fu colpito da una pietra e mori. Parimenti uno solo fra i Siculi, Dionigi il Vecchio. Infatti fu valoroso ed esperto di arte militare e, dote che è difficile trovare in un tiranno, per nulla affatto libidinoso, non amante del lusso, non avido, di nessuna cosa smanioso se non di un potere personale e perpetuo e perciò crudele: infatti mentre cercò di consolidare questo potere, non risparmiò la vita di nessuno che a suo parere glielo insidiasse. 3 Si era procacciato la tirannide col valore e seppe conservarla con grande fortuna: mori infatti oltre i sessant'anni di età lasciando il regno in uno stato florido, ed in tanti anni non vide il funerale di alcuno della sua stirpe, pur avendo generato figli da tre mogli e gli fossero nati molti nipoti


e della seconda ho questa solo ke la traduzion enn è completa, mancano alcuni pezzi, prova sempre ad aiutarti ;) :

Caesar adstinentiam neque in imperiis neque in magistralibus praestitit.In Hispania pro console a sociis pecunias emendicavit et accepit in auxilium aeris alieni;Lusitanorum oppida nec imperata detrectabant et ei portas patefaciebant,sed Caesar ea diripuit hostilier.In Gallia fana templaque deum omnibus rebus expilavit, urbes diruit non tantum ob praedam sed etiam ob delictum;itaque auro abundabat.In primo consulatu magum pondus auri surripuit e Capitolo.Societates ac regna pretio dedit.Postea vero evidentibus rapinis ac sacrilegis et onera bellorum civilium et triumphorum ac munerum sustinuit impendia.
----------------------------------------------------------------------------------------------------
Cesare non mostrò moderazione nè nei poteri nè nelle magistrature. in spagna chiese come pro-console denaro ai soci e accettò un aiuto di denaro preso in prestito; le cittadine dei lusitani non rifiutavano i comandi e gli aprivano le porte, ma con violenza cesare le distrusse. derubò di ogni cosa i santuari e i templi degli dei nella Gallia; abbattè le città non solo per il guadagno ma anche per il misfatto; perciò abbondava l'oro. rubò la grande somma d'oro dal primo consolato e dal campidoglio. offrì il denaro alle società e ai regni.
Marty992
Marty992 - Sapiens - 436 Punti
Rispondi Cita Salva
ok grz 1000!!
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Bene, chiudo il thread
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 248 Punti

Comm. Leader
Corra96

Corra96 Moderatore 3218 Punti

VIP
Registrati via email