• Latino
  • Versioni Latino per le vacanze (17120)

Matchbeth
Matchbeth - Sapiens - 355 Punti
Rispondi Cita Salva
La Favola di Gige

Gyges pastor erat et in terra Lydia vivebat. Olim in illa (= quella, abl) regione procella e caelo magnos imbres effudit, qui (=che, nominativo) terram discesserunt et hiatum fecerunt. Tum Gyges in hiatum descendit et equum aeneum animadvertit, cuius (= del quale) in lateribus fores erant. Pastor fores aperuit: corpus hominis morui magnitudine inusitata vidit et anulum aureum in digito eius. Tum Gyges anulum detraxit et ipse (egli stesso) induit. Deinde ad reliquos pastores revertit. Ibi, cum palam anuli ad manus palmam convertebat, a nullo pastore videbatur, ipse (= egli, soggetto) autem omnes videbat; cum in locum pristinum anulum invertebat, rursus ab omnibus videbatur. Itaque Gyges opportunitatem anuli adhibere statuit. Ad regiam domum pervenit et cum regina amicitiam iunxit; postea eius auxilio regem interemit et necavit etiam omnes, qui (=che, nominativo) ei (= a lui) obstabant, neque in suis facinoribus ab ullo homine visus est. Sic repente anuli beneficio erex Lydiae fuit.

Simonide a pranzo da Scopa

Simonides, insignis poeta, cenabat aliquando in oppido Thessaliae apud Scopam, hominem nobilem et divitem, qui (= il quale, sogg) paulo ante in pugilum certamine magnam gloriam reportaverat. Inter epulas poeta, magno cum gaudio convivarum, praeclarum carmen in laudem victoris recitavit. Sed in carmine suo etiam castorem et pollucem, illustres Graecorum heroes et certaminum patronos, auctores Scopae victoriae, Simonides celebravit. Itaque carmen displicuit Scopae qui (= il quale, sogg) sordide poeta acclamavit: "Dimidium tibi (a te) donabo praemii promissi; reliquum pete ab heroibus tuis, quod aeque ac me (al pari di me) laudavisti." Celavit iram poeta. Paulo post simonidi servus nuntiavit: "Duo (due) iuvenes ad ianuam magnopere (avverbio) te (te, ogg) evocant". Domo excessit poeta, sed nullum hominem ante ianuam vidit. Statim territus est horribili fragore post tergum. Retro vertit oculos et ingentem ruinam conspexit: domus tectum corruerat et Scopas obrutus est cum omnibus conviviis, mire servatus est poeta.

La Prima Guerra Dei Greci Contro i Persiani

Cum Cyrus, persarum rex, magnum imperium condideratet cum Darei filius, Cambyses, Aegyptum regno paterno addiderat, Dareus quoque, qui (il quale, nom) post Cambysem regnabit, imperium suum augere cupivit. Quare primum ex Asia in Europam exercitum traiecit et in Scythas bellum gessit. Pontem construxit in Histro flumine et ultra flumen exercitum duxit. Postea Dareus cupivit Graeciam in suam potestatem redigere. Tum classem quingentarum (cinquecento, genetivo) navium comparavit et classi Datim et Artaphernem prafecit. Praefecti regii classem ad insulam Euboeam appulerunt. Celeriter urbem Eritriam ceperunt et omnes cives in Asiam ad Regem captivi missi sunt. Inde ad Atticam accesserunt ac suas copias in campum Marahona deduxerunt. Tum athenienses cum parva manu Plataeensium, pauci contra innumerabiles hostes, aciem instruxerunt et in pugna virtutem suam et civitatibus Graecis et omnibus barbaris praebuerunt. Persae omnino profligati sunt: nam non castra sed naves petierunt. Statim barbanorum classis ad Asiam se vertit (si diresse).
issima90
issima90 - Genius - 18666 Punti
Rispondi Cita Salva
ma provi a farle o è un buon motivo per nn farle e farle tradurre agli altri??sn molto semplici!!!al massimo se n riesci ti correggiamo noi la traduzione sbagliata...
mitickla
mitickla - Genius - 5127 Punti
Rispondi Cita Salva
si infatti sn molto semplici...
Naruto Uzumaki
Naruto Uzumaki - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
La favola di Gige Essendosi la terra spaccata per certe grandi piogge, Gige scese in quella voragine e scorse, come dicono le leggende, un cavallo di bronzo, che aveva ai fianchi delle porte; dopo averle aperte scorse il corpo di un uomo morto di grandezza mai vista, con un anello d'oro al dito; glielo tolse e se lo mise, poi si recò all'adunanza dei pastori (era, intatti, pastore del re); lì, ogni volta che volgeva il castone dell'anello verso la palma della mano, diveniva invisibile a tutti, mentre egli era in grado di veder tutto; ritornava nuovamente visibile quando rimetteva l'anello al suo posto. E così, servendosi dei poteri concessigli dall'anello, fece violenza alla regina e col suo aiuto uccise il re suo padrone, tolse di mezzo chi, a parer suo, gli si opponeva, e nessuno potè scorgerlo mentre compiva questi delitti; così, tutto ad un tratto, grazie all'anello divenne re della Lidia. (Cicerone, De officiis III, 9, 2-3) Morte di Amilcare Dopo aver attraversato il mare, Amilcare giunse in Spagna e fece grandi cose con ottimo successo: sottomise i più grandi e bellicosi popoli, arricchì tutta l'Africa con cavalli, armi, uomini e denaro. Egli mentre si preparava ad attaccare guerra in Italia, otto anni dopo che era giunto in Spagna, fu ucciso in battaglia combattendo contro i Vettoni. Sembra che il perpetuo odio di costui contro i Romani abbia causato la seconda guerra punica. Infatti Annibale, suo figlio, fu indotto dalle incessanti suppliche del padre a tal punto da preferire la morte piuttosto che cimentarsi con i Romani. (...Segue)



poi dopo continua
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mattbit

mattbit Geek 281 Punti

VIP
Registrati via email