• Latino
  • Versioni di latino (8445)

    closed post
911
911 - Genius - 3030 Punti
Rispondi Cita Salva
Avrei bisogno delle teduzioni delle seguenti versioni:

1)Ad rivum eundemlupus et agnus venerat siti compulsi; superior stabat lupus longeque inferior agnus.Tunc fauce improba latro incitatus iurgii causam intulit.<<Cur>>-inquit-<<turbulentam fecisti mihi aquam bibenti?>>.Laniger contra timens:<<Qui possum,quaeso,facere,quod quereris,lupe?A te decurrit ad meos haustus liquor>>.Repulsus ille veritatis viribus:<<Ante hos sex menses male,ait,dixisti mihi>>.Respondit agnus:<<Equidem natus non eram>>.<<Pater hercle tuus,ille inquit,male dixit mihi.Atque ita correptum lacerat iniusta nece.Haec propter illos scripta est homines fabula,qui fictis causis innocentes opprimunt.


2)Laudatis utiliora,quae contempseris,saepe inveniri haec asserit narratio.Ad fontem cervus,cum bibisset,restitit et in liquore vidit effigem suam.Ibi dum ramosa mirans laudat cornua crurumque nimiam tenuitatem vituperat,venantum subito vocibus conterritus per campum fugere coepit et cursu levi canes elusit.Silva tum excepit ferum,in qua retentis impeditus cornibus lacerari coepit morsibus saevis canum.Tunc moriens vocem hanc edidisse dicitur:<<O me infelicem,qui nunc demum intellego,utilia mihi quam fuerint,quae despexeram,et,quae laudaram,quantum luctus habuerint>>.

grazie a tutti per l'aiuto:thx
orrfeos
orrfeos - Genius - 14616 Punti
Rispondi Cita Salva
se mi dici l'autore mi fai un grosso piacere,,
italocca
italocca - Genius - 16560 Punti
Rispondi Cita Salva
http://www.scudit.net/mdfedro.htm
orrfeos
orrfeos - Genius - 14616 Punti
Rispondi Cita Salva
no gli ho già risposto italocca,,gli ho aperto un nuovo tread,,perchè s'era disconnesso
911
911 - Genius - 3030 Punti
Rispondi Cita Salva
tutte e due dovrebbero essere di fedro
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Ecco la prima:

Ad rivum eundemlupus et agnus venerat siti compulsi; superior stabat lupus longeque inferior agnus.Tunc fauce improba latro incitatus iurgii causam intulit.<<Cur>>-inquit-<<turbulentam fecisti mihi aquam bibenti?>>.Laniger contra timens:<<Qui possum,quaeso,facere,quod quereris,lupe?A te decurrit ad meos haustus liquor>>.Repulsus ille veritatis viribus:<<Ante hos sex menses male,ait,dixisti mihi>>.Respondit agnus:<<Equidem natus non eram>>.<<Pater hercle tuus,ille inquit,male dixit mihi.Atque ita correptum lacerat iniusta nece.Haec propter illos scripta est homines fabula,qui fictis causis innocentes opprimunt.

Un lupo e un agnello, erano giunti al medesimo ruscello spinti dalla sete; il lupo era superiore (in un luogo più alto) l’agnello di gran lunga in basso. Allora il brigante sollecitato dalla sua insaziabile fame suscitò un pretesto per litigare. «Perché», disse, « mi hai reso torbida l’acqua che bevevo?». L’agnello, timoroso, di rimando : «In che modo posso di grazia fare ciò che ti lamenti, lupo? L’acqua scorre da te alle mie labbra». Quello spinto dalla forza della verità: «Hai sparlato di me, sei mesi fa». L’agnello rispose: «In verità non ero nato». «Tuo padre in verità, quello aveva sparlato di me». E così afferra l’agnello e lo sbrana per un’ingiusta morte. Questa favola è stata scritta per quegli uomini, che opprimono gli innocenti con finti pretesti.
La seconda:

Laudatis utiliora,quae contempseris,saepe inveniri haec asserit narratio.Ad fontem cervus,cum bibisset,restitit et in liquore vidit effigem suam.Ibi dum ramosa mirans laudat cornua crurumque nimiam tenuitatem vituperat,venantum subito vocibus conterritus per campum fugere coepit et cursu levi canes elusit.Silva tum excepit ferum,in qua retentis impeditus cornibus lacerari coepit morsibus saevis canum.Tunc moriens vocem hanc edidisse dicitur:<<O me infelicem,qui nunc demum intellego,utilia mihi quam fuerint,quae despexeram,et,quae laudaram,quantum luctus habuerint>>.

Questo racconto afferma che spesso si scoprono più utili delle cose lodate quelle che tu hai disprezzato. Il cervo dopo aver bevuto si fermò presso la fonte e vide nell’acqua la sua immagine. Lì mentre ammirava le ramose corna e biasimava l’eccessiva sottigliezza delle gambe, all’improvviso atterrito dalle voci dei cacciatori cominciò a fuggire e ingannò i cani con un agile corsa. Allora il bosco accolse la bestia selvatica, nel quale trattenuto dalle corna impigliate cominciò a essere sbranato dai mortali morsi dei cani. Allora, morendo si dice che abbia levato questo grido: «Oh me infelice che ora finalmente capisco quanto mi furono utili quelle cose che avevo disprezzato, e quanto dispiacere mi avevano dato le cose che avevo lodato».
orrfeos
orrfeos - Genius - 14616 Punti
Rispondi Cita Salva
e allora fai come vuoi gaara,,,,gli avevo già risposto su un'altro tread,,
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Non avevo letto le vostre risposte...vabbè chiudo
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 208 Punti

Comm. Leader
Il_aria

Il_aria Blogger 2 Punti

VIP
Registrati via email