• Latino
  • Versione URGENTE!!!!!! AIUTO!!!!!!!!!

    closed post
lorynzo2
lorynzo2 - Sapiens Sapiens - 1524 Punti
Rispondi Cita Salva
Titolo: Racconto sintetico della guerra civile.

Autore: Da Eutropio

Versione: Caesar vacuam urbem ingressus, dictatorem se fecit. Inde Hispanias petiit. Ibi Pompeii exercitus validissimos cum tribus ducibus, L. Afranio, M. Petreio, M. Varrone, superavit. Inde regressus, in Graeciam transiit, adversum Pompeium dimicavit. Primo proelio victus est et, fugatus, evasit tamen, quia, nocte interveniente, Pompeius sequi noluit; dixitque Caesar, nec Pompeium scire vincere, et illo tantum die se potuisse superari. Deinde in Thessalia apud Palaeopharsalum productis utrimque ingentibus copiis dimicaverunt. Pugnatum est ingenti contentione, victusque ad postremum Pompeius et castra eius direpta sunt. Ipse fugatus Alexandriam petiit, ut a rege Aegypti, cui tutor a senatu datus fuerat propter iuvenilem eius aetatem, acciperet auxilia. Qui, fortunam magis quam amicitiam secutus, occidit Pompeium, caput eius et anulum Caesari misit. Quo conspecto Caesar etiam lacrimas fudisse dicitur, tanti viri intuens caput et generi quondam sui.

GRAZIE ANTICIPATAMENTE!!!!!
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Ho appena finito di tradurla, eccola:

Eutropio - Racconto sintetico della guerra civile

Caesar vacuam urbem ingressus, dictatorem se fecit. Inde Hispanias petiit. Ibi Pompeii exercitus validissimos cum tribus ducibus, L. Afranio, M. Petreio, M. Varrone, superavit. Inde regressus, in Graeciam transiit, adversum Pompeium dimicavit. Primo proelio victus est et, fugatus, evasit tamen, quia, nocte interveniente, Pompeius sequi noluit; dixitque Caesar, nec Pompeium scire vincere, et illo tantum die se potuisse superari. Deinde in Thessalia apud Palaeopharsalum productis utrimque ingentibus copiis dimicaverunt. Pugnatum est ingenti contentione, victusque ad postremum Pompeius et castra eius direpta sunt. Ipse fugatus Alexandriam petiit, ut a rege Aegypti, cui tutor a senatu datus fuerat propter iuvenilem eius aetatem, acciperet auxilia. Qui, fortunam magis quam amicitiam secutus, occidit Pompeium, caput eius et anulum Caesari misit. Quo conspecto Caesar etiam lacrimas fudisse dicitur, tanti viri intuens caput et generi quondam sui.

Cesare, entrato nella città vuota, si fece dittatore. Quindi si diresse nelle Spagne (=Spagna e Portogallo). Là vinse i validissimi eserciti di Pompeo con tre capitani, L. Afranio, M. Petreio e M. Varrone. Tornato da quel luogo, passò in Grecia e combatté contro Pompeo. Nella prima battaglia fu vinto e, messo in fuga, tuttavia si salvò, poiché, dal momento che stava arrivando la notte, Pompeo non volle inseguirlo; e Cesare disse che Pompeo non sapeva vincere e che lui (=Cesare) sarebbe potuto esser vinto solo quel giorno. Successivamente combatterono in Tessaglia presso Paleofarsalo conducendo entrambi ingenti truppe. Si combatté con grande sforzo/impeto, e Pompeo fu vinto all’ultimo e il suo accampamento fu saccheggiato. Egli stesso, messo in fuga, si diresse ad Alessandria, per ricevere aiuti dal re dell'Egitto, al quale era stato affidato in qualità di tutore dal senato per via della sua giovane età. Questo, seguendo la sorte più che l’amicizia, uccise Pompeo, e di quello mandò a Cesare l'anello e il capo. Alla cui vista si dice che persino Cesare avesse versato lacrime, vedendo la testa di un uomo così grande e un tempo del suo genere.
lorynzo2
lorynzo2 - Sapiens Sapiens - 1524 Punti
Rispondi Cita Salva
Grazie mille!!! Ciao. Alla prossima :hi:hi:hi
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Prego!!

Alla prossima, bye :hi
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Max

Max Geek 689 Punti

VIP
Registrati via email