• Latino
  • Versione Uregentissima

Eragon
Eragon - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
Vi Prego aiutatemi io nn ho il tempo di farla vi prego aiutooooo

Publius Scipio ex virtute Africanus dictus, Iovis filius creditus: nam antequam conciperetur, serpens in lecto matris eius apparuit, et ipsi parvulo draco circlimfusus nihil nocuit. 2 In Capitolium intempesta nocte euntem nunquam canes latraverunt. 3 Nec hic quicquam prius coepit, quam in cella Iovis diutissime aedisset, quasi divinam mentem acciperet. 4 Decem et octo annorum patrem apud Ticinum singulari virtute servavit. 5 Clade Cannensi nobilissimos iuvenes Italiam deserere cupientes sua auctoritate compescuit. 6 Reliquias incolumes per media hostium castra Canusium perduxit. 7 Viginti quattuor annorum praetor in Hispaniam missus Carthaginem, qua die venit, cepit. 8 Virginem pulcherrimam, ad cuius adspectum concurrebatur, ad se vetuit adduci patrique eius sponsor astitit. 9 Hasdrubalem Magonemque, fratres Hannibalis, Hispania expulit. 10 Amicitiam cum Syphace, Maurorum rege, coniunxit. Massinissam in societatem recepit. 11 Victor domum regressus consul ante annos factus concedente collega in Africam classem traiecit. 12 Hasdrabalis et Syphacis castra una nocte perrupit. 14 Revocatum ex Italia Hannibalem superavit. 15 Victis Carthaginiensibus leges imposuit. 16 Bello Antiochi legatus fratri fuit; captum filium gratis recepit. 17 A Petillio Actaeo tribuno plebis repetundarum accusatus librum rationum in conspectu populi scidit: Hac die, inquit, Carthaginem vici; quare, bonum factum, in Capitolium eamus et diis supplicemus! 18 Inde in voluntarium exilium concessit, ubi reliquam egit aetatem. 19 Moriens ab uxore petiit, ne corpus suum Romam referretur.
silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Rispondi Cita Salva
Publius Scipio ex virtute Africanus dictus, Iovis filius creditus: nam antequam conciperetur, serpens in lecto matris eius apparuit, et ipsi parvulo draco circlimfusus nihil nocuit. 2 In Capitolium intempesta nocte euntem nunquam canes latraverunt. 3 Nec hic quicquam prius coepit, quam in cella Iovis diutissime aedisset sedisset (?), quasi divinam mentem acciperet. 4 Decem et octo annorum patrem apud Ticinum singulari virtute servavit.

Publio Scipione fu detto Africano per il suo valore, fu creduto figlio di Giove : infatti, prima che venisse concepito, apparve nel letto della madre un serpente, e il serpente , stretto intorno al piccolo stesso, non nocque per niente. E i cani non lo attaccarono mai mentre andava a notte fonda al Campidoglio. E lui non cominciò mai nulla prima di essersi seduto nella cappella del tempio di Giove, come se ne ricevesse la divina ragione. A diciott'anni salvò con straordinario valore il padre presso il Ticino.


5 Clade Cannensi nobilissimos iuvenes Italiam deserere cupientes sua auctoritate compescuit. 6 Reliquias incolumes per media hostium castra Canusium perduxit. 7 Viginti quattuor annorum praetor in Hispaniam missus Carthaginem, qua die venit, cepit. 8 Virginem pulcherrimam, ad cuius adspectum concurrebatur, ad se vetuit adduci patrique eius sponsor astitit. 9 Hasdrubalem Magonemque, fratres Hannibalis, Hispania expulit. 10 Amicitiam cum Syphace, Maurorum rege, coniunxit. Massinissam in societatem recepit. 11 Victor domum regressus consul ante annos factus concedente collega in Africam classem traiecit. 12 Hasdrabalis et Syphacis castra una nocte perrupit. 14 Revocatum ex Italia Hannibalem superavit.

Nella sconfitta di Canne placò con la sua autorità i giovani più nobili che desideravano abbandonare l'Italia. Riportò a Canusio i resti della disfatta attraverso il centro dell'accampamento dei nemici. A ventiquattro anni, mandato in qualità di pretore in Spagna, conquistò Cartagine, proprio nel giorno in cui arrivò. Proibì che una bellissima fanciulla, al cospetto della quale si accorreva da ogni parte, fosse portata da lui e si presentò comne suo garante a suo padre. Cacciò dalla Spagna Asdrubale e Magone, fratelli di Annibale. Strinse amicizia con Siface, re dei Mauri. Accolse in alleanza Massinissa. Ritornat6o vincitore in patria, creato console negli anni predenti, trasportò la flotta in Africa, con la concessione del collega. Abbattè in una sola notte l'accampamento di Asdrubale e Siface. Sconfisse Annibale, che era stato richiamato dall'Italia.

15 Victis Carthaginiensibus leges imposuit. 16 Bello Antiochi legatus fratri fuit; captum filium gratis recepit. 17 A Petillio Actaeo tribuno plebis repetundarum accusatus librum rationum in conspectu populi scidit: Hac die, inquit, Carthaginem vici; quare, bonum factum, in Capitolium eamus et diis supplicemus! 18 Inde in voluntarium exilium concessit, ubi reliquam egit aetatem. 19 Moriens ab uxore petiit, ne corpus suum Romam referretur.

Vinti i Cartaginesi, impose delle leggi. Nella guerra contro Antioco fu luogotenente del fratello ; e accolse gratuitamente il figlio catturato. Accusato di concussione dal tribuno della plebe Petillio Atteo , strappò al cospetto del popolo il libro dei registri : « In questo giorno - disse - sconfissi Cartagine; perciò, una buona azione è stata compiuta, andiamo in Campidoglio e rivolgiamo suppliche agli dèi ! Poi si ritirò in volontario esilio, dove trascorse il resto della sua vita. Mentre moriva chiese alla moglie che il suo corpo non fosse riportato a Roma.

ciao Eragon :hi
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 281 Punti

Comm. Leader
tiscali

tiscali Tutor 22631 Punti

VIP
Registrati via email