Tizianobruno
Tizianobruno - Erectus - 86 Punti
Salva
Tradurre e mettere le seguenti parole nei puntini:
-sponsus-sponsa-causam-in libro-pecunia-matrimonium
IL FIDANZAMENTO (da Aulo Gellio, Noctes Atticae,IV,4)
Sponsalia in ea parte italiae,quae latium appellatur,hoc more atque iure solita esse fieri scriptis Servius Sulpicius.........quem scripsit de dotibus:<< qui uxorem, inquit,ducturus erat, ab eo, unde uxor ducenda erat,stipulabatur eam in........... datum iri;qui daturus erat, id est pater,id ediem spondebat se daturum illam. Is contractus stipulationum sponzionumque dicebatur "sponsalia". Tunc, quae promissa erat,......... appellabatur;qui spoponderat se ducturum esse,........... . Sed si post eas stipulationes uxor non dabatur aut non ducebatur, qui stipulabatur, ex sponsu agebat. Iudices cognoscebant. Iudex quam ob rem data acceptave non esset uxor quaerebat. Si iustam...........non inveniebat,litem aestimabatet eum, qui spoponderat se aut accepturum aut daturum esse uxorem,.........multabat>>.
grazie mille ve ne sono grato...
ShattereDreams
ShattereDreams - VIP - 99862 Punti
Salva
Il fidanzamento

Sponsalia in ea parte Italiae, quae Latium appellatur, hoc more atque iure solita esse fieri scriptis Servius Sulpicius in libro quem scripsit de dotibus: «Qui uxorem, inquit, ducturus erat, ab eo, unde uxor ducenda erat, stipulabatur eam in matrimonium datum iri; qui daturus erat, id est pater, itidiem spondebat se daturum illam. Is contractus stipulationum sponsionumque dicebatur "sponsalia". Tunc, quae promissa erat, sponsa appellabatur; qui spoponderat se ducturum esse, sponsus. Sed si post eas stipulationes uxor non dabatur aut non ducebatur, qui stipulabatur, ex sponsu agebat. Iudices cognoscebant. Iudex quam ob rem data acceptave non esset uxor quaerebat. Si iustam causam non inveniebat, litem aestimabat et eum, qui spoponderat se aut accepturum aut daturum esse uxorem, pecunia multabat».


Traduzione:

Servio Sulpicio, nel libro che scrisse sulle doti, scrisse che in quella regione dell'Italia, che è chiamata Lazio, i fidanzamenti erano soliti avvenire secondo questo costume (usanza) e questa legge: «Chi aveva intenzione di prender moglie, esigeva che l'avrebbe data in matrimonio da colui dal quale doveva riceverla, cioè dal padre, il quale allo stesso modo prometteva che l'avrebbe data. Quel contratto di stipulazioni e obbligazioni reciproche era detto "fidanzamento". Allora, colei che era stata promessa, era chiamata fidanzata (o 'promessa sposa'); colui che aveva promesso che l'avrebbe sposata, (era chiamato) fidanzato (o 'promesso sposo'). Ma se dopo queste stipulazioni la donna non veniva data o non veniva sposata, chi chiedeva, faceva causa per promessa solenne. I giudici la istruivano (la causa). Il giudice chiedeva per quale motivo la donna non fosse stata data o accettata (in moglie). Se non trovava un motivo valido, valutava l'indennizzo e multava colui che aveva promesso che l'avrebbe accettata (in moglie) o data».
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Andyb3105

Andyb3105 Blogger 925 Punti

VIP
Registrati via email