• Latino
  • Versione per domani AIUTOOOOOO!!!!

    closed post
giuseppe120
giuseppe120 - Sapiens - 340 Punti
Rispondi Cita Salva
Ineluttabilità del destino
Croesus, Lydiae rex, responsum acceperat fore ut praestantior e filiis suis et imperii successioni destinatus ferro necaretur. Pater igitur, timore perterritus, quidquid ad cladem filii pertinebat, maxima cum diligentia amovit. Solebat enim iuvenem ad bella mittere: domi eum retinuit. Habebat armamentarium, omnis generis telorum copia refertum: id quoque amoverì iussit. luvenem milites gladio cincti semper comitabamur: hi vetiti sunt ad eum accedere. Fatum tamen effugère non potuit. Cum enim ingentis magnitudinis aper illarum regionum agros, crebra cum agrestium clade, vastaret, illorum locorum incolae auxiliumn regem poposcerunt. Tunc Croesi filius patrem oravit, ut ad aprum necandum mitteretur; quod a patre extorsit, cum oraculum dixisset iuvenem non ferae dentibus sed ferro occisum iri. Verum, dum omnes feram petunt, lancea, in eam missa, in iuvenem detorta est; et quidem casus voluit hoc fieri ab eo, cui tutela filii a patre commissa erat.
italocca
italocca - Genius - 16560 Punti
Rispondi Cita Salva
non è uguale

A Croeso, Lydiae rege, ingentes et innumerae copiae contractae et armatae sunt, quia rex Persiam invadere et copiosas divitias Orientis capere optabat. Iam equitum peditumque Lydorum multitudo gravi itinerum labore ad hostium fines pervenerat, cum rex oraculum Apollinis de suae expeditionis fortuna interrogare statuit. Croeso sic responsum est a Pythia, Apollinis vate et sacerdote: <<Croesus in Persiam pedem ponet et opes potentis regis evertet>>. Magnam laetitiam oraculi responsum avido regi attulit (procurò). Confestim ergo, de victoria certus, cum agmine suo in Persiam penetravit et magnis itineribus (marce) contra Persarum multitudinem processit. Ubi ad castra hostium pervenit, temere proelium commisit. Proelium atrox et vehemens fuit et magnus numerus militum Lydorum et Persarum cecidit. Tandem fortuna secunda Persis fuit et Croesus in potestatem hostium devenit. Tunc patentes fuerunt oraculi ambages: nam Croesus magnum regnum vere evertit, non tamen hostium, sed suum.

--------------------------------------------------------------------------------
Ingenti e innumerevoli truppe furono raccolte ed equipaggiate da Creso, re della Lidia, poiché il re cercava di invadere la Persia e di ottenere le abbondanti ricchezze dell’Oriente. Ormai una moltitudine di fanti e di cavalieri della Lidia era già giunta nei territori dei nemici con grande difficoltà dei percorsi, quando il re decise di interrogare l’oracolo di Apollo circa la sorte della sua spedizione. A Creso fu risposto da Pizia, profetessa e sacerdotessa di Apollo, in questo modo: “Creso entrerai in Persia e annienterai gli eserciti del potente re”. La risposta dell’oracolo procurò all’avido re una grande felicità. Subito allora, certo della vittoria, con il suo esercito penetrò in Persia e con grandi marce avanzò contro la moltitudine dei Persiani. Non appena giunse all’accampamento dei nemici, intraprese avventatamente una battaglia. Il combattimento fu atroce e violento e uccise un gran numero di soldati Lidi e Persiani. Alla fine la sorte fu favorevole ai Persiani e Creso cadde in potere dei nemici. Allora furono scoperte le parole enigmatiche dell’oracolo: infatti Creso annientò un grande regno, non però quello del nemico, bensì il suo.
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email