• Latino
  • VERSIONE LATINO (19518)

nashira93
nashira93 - Genius - 1804 Punti
Rispondi Cita Salva
versione latino urgente per favore

Olim rustica, ut placaret puerum deflentem, dura voce dixit: "Nisi taceas ("se non stai zitto" ), ferum lupum vocabo qui rabidus uno morso te vorabit". Lupus credulus, qui in propinquis locis iter faciebat, hanc vocem audit et pervigil ante fores ipsas manet, sperans se optimam escam sibi comparaturum esse. Tandem puer lassus dulci quieti membra dat ac placido somno cedit. Sic, delusus spe, lupus per silvas iter convertit in latibulum suum, sed ubi coniux lupa illum vidit ieiunum venientem "Cur - exclamavit - domum revertis sine praeda? Parvuli tui esuriunt et inopia laborant."
"Ne me increpaveris quod ( "del fatto che" ) miser, deceptus fraude maligna, te parvulosque delusi inani expectatione. Ignorabam qua fide digna sint muliebria verba. Nunc scio quam spem fallacem mihi dederit mutrix." Qui credit mulieris verba mendacia esse, puter hanc fabellam sibi dictam.

Questa risposta è stata cambiata da silmagister (07-10-08 21:38, 8 anni 2 mesi 5 giorni )
djbranko
djbranko - Sapiens Sapiens - 1073 Punti
Rispondi Cita Salva
Olim rustica, ut placaret puerum deflentem, dura voce dixit: "Nisi taceas, ferum lupum vocabo qui rabidus uno morso te vorabit". Lupus credulus, qui in propinquis locis iter faciebat, hanc vocem audit et pervigil ante fores ipsas manet, sperans se optimam escam sibi comparaturum esse. Tandem puer lassus dulci quieti membra dat ac placido somno cedit. Sic, delusus spe, lupus per silvas iter convertit in latibulum suum, sed ubi coniux lupa illum vidit ieiunum venientem "Cur - exclamavit - domum revertis sine praeda? Parvuli tui esuriunt et inopia laborant."
"Ne me increpaveris quod miser, deceptus fraude maligna, te parvulosque delusi inani expectatione. Ignorabam qua fide digna sint muliebria verba. Nunc scio quam spem fallacem mihi dederit mutrix." Qui credit mulieris verba mendacia esse, puter hanc fabellam sibi dictam.

Una volta una balia, per placare un fanciullo che piangeva, disse con voce severa: se non stai zitto, chiamerò un feroce lupo che cattivo con un morso ti divorerà. Il lupo credulo, che faceva un percorso nei vicini luoghi, sente questa voce e resta vigile davanti alla porta, sperando che si sarebbe procurato un'ottima preda. Tuttavia il fanciullo stanco da riposo alle membra e cede al sonno tranquillo. Così, deluso dalla speranza, il lupo volge il percorso per i boschi verso la sua tana ma quando la moglie lupa lo vede venire alla porta esclamò: perchè torni a casa senza bottino? I tuoi cuccioli hanno fame e la mancanza li affatica. Non mi (increpaveris) del fatto che povero, colpito da un maligno inganno, ho deluso te e i cuccioli pieni di attesa. Ora so che la nutrice mi ha dato una fallace speranza. Chi crede che le parole della donna siano false, (puter) questa favola a lui raccontata.

ciao :hi
silmagister
silmagister - Genius - 25278 Punti
Rispondi Cita Salva
Olim rustica, ut placaret puerum deflentem, dura voce dixit: "Nisi taceas ("se non stai zitto" ), ferum lupum vocabo qui rabidus uno morso te vorabit". Lupus credulus, qui in propinquis locis iter faciebat, hanc vocem audit et pervigil ante fores ipsas manet, sperans se optimam escam sibi comparaturum esse. Tandem puer lassus dulci quieti membra dat ac placido somno cedit. Sic, delusus spe, lupus per silvas iter convertit in latibulum suum, sed ubi coniux lupa illum vidit ieiunum venientem "Cur - exclamavit - domum revertis sine praeda? Parvuli tui esuriunt et inopia laborant."
"Ne me increpaveris quod ( "del fatto che" ) miser, deceptus fraude maligna, te parvulosque delusi inani expectatione. Ignorabam qua fide digna sint muliebria verba. Nunc scio quam spem fallacem mihi dederit mutrix." Qui ( sottinteso "is" ) credit mulieris verba mendacia esse, puter ( putet ?? ) hanc fabellam sibi dictam.

Una volta una contadina, per calmare un fanciullo che piangeva, con dure parole disse : « Se non stai zitto, chiamerò il crudele lupo ( il lupo cattivo ), che furioso con un solo morso ti divorerà ». Un lupo credulone, che procedeva nei vicini luoghi, sente queste parole ( questa voce ) e vigile rimane davanti proprio ( ipsas ) alla porta , sperando di procurarsi ( lett . : che si procurerà ) del buonissimo cibo. Alla fine il fanciullo si concede ( affida le sue membra ) al dolce riposo e cede ad un tranquillo sonno. Cosi, deluso nella ( sua ) speranza il lupo rivolge il suo cammino attraverso i boschi verso la sua tana, ma , quando la sua compagna lupa lo vide mentre veniva digiuno, esclamò : « Perchè torni a casa senza preda ? I tuoi piccoli hanno fame e soffrono per la povertà ». Non rimproverarmi del fatto che io misero, ingannato da una maligna frode, ho deluso te e i piccoli con un'inutile attesa. Ignoravo di quale credito siano degne le parole femminili. Ora so quale fallace speranza mi ha dato la nutrice ( ? ) » . Colui che crede che le parole della donna sono menzognere, pensi che questa favola sia stata narrata per lui.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 248 Punti

Comm. Leader
Registrati via email