animadinuvola
animadinuvola - Erectus - 110 Punti
Rispondi Cita Salva
Libro:Latino Laboratorio 1 di Tantucci, Ronconi
Titolo: Grandezza e bellezza di siracusa I di Cicerone

Urbem Syracusas summam esse Graecarum et pulcherrimam(=la piu bella)saepe audistis.Est,iudices,ita ut dicitur.Nam communitur situ non solum inexpugnabili ex omni aditu,vel terra vel mari,sed etiam pulchritudine praeclaro.
Portus enim habet prope in aedificatione amplexuque urbis inclusos;qui,cum diversos inter se aditus habeant,in exitu coniunguntur et confluunt.
Pars oppidi quae appellatur Insula;mari disiuncta,angusto ponte rursus adiungitur et continetur.
Ea tanta est urbs,ut dictum semper sit eam ex quattuor urbibus constare;quarum una est ea quam dixi Insula;in qua domus est quae Hieronis regis fuit,quam praetores habitare solent.
In ea sunt aedes sacrae complures,sed duae quae longe ceteris antecellunt,altera Dianae,altera,quae fuit ante istius(=di verre) adventum ornata,Minervae.
In hac insula extrema(=estremità dell'isola) est fons aquae dulcis cui nomen Arethusa est,incredibili magnitudine,plenus piscium,qui fluctu totus operiretur(traduci cn condizionale presente) nisi(=se non) diiunctus esset a mari munitione ac mole lapidum.




Libro:Latino Laboratorio 1 di Tantucci, Ronconi
Titolo: Grandezza e bellezza di siracusa II di Cicerone

Altera autem est pars urbs, cui nomen Achradina est; in qua forum magnum, pulchra porticus, ornatum prytaneum, ampla est curia templumque egregium lovis Olympii ceteraeque urbis partes, quae una via lata multisque transversis dividuntur. Tertia est urbs quae, quod in ea parte Fortunae fanum antiquum fuit, Tycha nominata est; in qua gymnasium amplum est et complures aedes sacrae, coliturque ea pars et habitatur frequentissime ( = "con grandissima densità";). Quarta autem est quae, quia postrema ( = "per ultima";) coaedificata est, Neapolis nominatur; quam ad summam ( = "nel suo punto più alto";) theatrum magnum, praeterea duo templa sunt egregia. Cereris unum, alterum Liberae, signumque Apollinis, qui Temenites vocatur. Marcellus, cum tam praeclaram urbem vi copiisque cepisset, non putavit ad laudem populi Romani hoc pertinere, delere et exstinguere et diripere hanc pulchritudinem, ex qua praesertim nullum periculum ostendebatur. Romam quae adportata sunt, apud aedem Honoris et Virtutis et aliis in locis videmus: nihil in aedibus, nihil in hortis posuit, nihil in suburbano suo. Syracusis autem permulta atque egregia reliquit; deum vero nullum violavit, nullum attigit.


Libro:Latino Laboratorio 1 di Tantucci, Ronconi
Titolo:agesilao un grande spartano
Sine dubio, post Leuctricam ( = "Leuttra" ) pugnam, Lacedaemonii se numquam refecerunt neque pristinum imperium recuperaverunt , cum interim numquam Agesilàus destitit patriam quocumque modo iuvare. Nam, cum praecipue Lacedaemonii indigèrent ( regge l'ablativo ) pecunia (abl.), quaecumque civitates a rege Persarum defecerant, illis praesidium militare praebuit: a quibus cum magnam pecuniam meruisset, patriam sublevavit. Atque illud fuit admirabile: cum summa munera ab regibus ac dynastis civitatibusque recepisset, nihil ( = "niente" ) umquam domum suam contulit ( da confero ), nihil de victu, nihil de vestitu Lacònum mutavit.
Domo eadem fuit contentus in qua Eurysthenes, progenitor suorum, vixerat: quam qui intraverat, nullum signum libidinis, nullum luxuriae videbat. Sic enim erat instructa, ut in nulla re differret ( = "si distinguesse" ) a domo inopis atque privati. Atque hic tantus vir, ut naturam amicam in talibus animi virtutibus, sic pravum habuit corpus: nam et statura (abl.) fuit humuli et corpore exiguo et claudus altero pede. Quae res etiam nonnullam efficiebat deformitatem, atque ignoti, faciem eius cum viderent, saepe contemnebant, quicumque autem virtutes cognoscebant, etiam magis ( = "ancora di più" ) admiratione incendebantur.

Grazie 1000 a tutti quelli ke mi risponderanno
baci
luca91
luca91 - Genius - 3124 Punti
Rispondi Cita Salva
la 1
Avete sempre sentito dire che la città di Siracusa sia la più grande e la più bella delle città greche. E', o giudici, proprio come dicono; ed infatti il sito è ben protetto ed è di aspetto magnifico da ogni lato, sia da terra, sia dal mare; ha due porti che si insinuano profondamente nell'abitato e che, benchè abbiano due distinte imboccature, si congiungono e confluiscono tra loro nella parte terminale. Quella parte della città, chiamata Isola (n.d.t. Ortigia), che è separata dalla terraferma da uno stretto braccio di mare, in coincidenza con la congiunzione dei due porti è unita alla terraferma stessa da un ponte.
La Città è tanto grande che si può considerare composta da quattro città: una delle quali è la già citata Isola, che è delimitata dai due porti, e che si protende fino all'imboccatura di entrambi, dove sorge il palazzo che fu del re Ierone e che è utilizzato dai Pretori. In essa vi sono molteplici edifici sacri, ma soprattutto due che primeggiano su tutti gli altri. Uno è il tempio di Diana e l'altro, splendidamente adorno prima dell'arrivo di costui (Verre), il tempio di Minerva. All'estremità di tale Isola sgorga una sorgente di acqua dolce, chiamata Aretusa, di incredibile vastità, stracolma di pesci, che sarebbe ricoperta dalle onde del mare, se non fosse separata da questo da una vasta muraglia.
Ila
Ila - Genius - 14442 Punti
Rispondi Cita Salva
ho trovato questo pezzo

L'altra invece è la città di Siracusa, il cui nome è Acradina; nella quale si trova un foro immenso, un bellissimo porticoi, un superbo pritaneo, un vasto palazzo per il senato e un tempio maestoso di Giove Olimpio e altri quartieri della città; una via larga, tagliata da una infinità di altre strade, l’attraversa in tutta la sua lunghezza. La terza è la città che, poichè in quella zona ci fu un antico tempio della Fortuna,fu chiamata Tycha, nella quale si trova un grandissimo ginnasio e numerosi edifici sacri. E’ la parte abitata e più densamente popolata. La quarta invece è quella che, poichè fu edificata per ultima, fu chiamata Città Nuova; sulla sua sommità c'è un grande teatro, inoltre ci sono due tempi egregi, l'uno di Cerere, l'altro di Proserpina, e una statua di Apollo, soprannominata Temenite, molto bella e d'una grandezza colossale; Verre l'avrebbe tolta, se avesse potuto farla trasportare.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email