• Latino
  • versione: L'origine del linguaggio e delle città

    closed post
bimba_3
bimba_3 - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
vi prego aiutatemi ho troppo bisogno della traduzione di questa versione di Cicerone..
L'origine del linguaggio e delle città
Plerique rerum scriptores eos homines,qui ex terra primitus(in origine)nati sunt,cum per silvas et campos erraticam degerent vitam,nec ullo inter se sermonis aut iuris vin**** cohaererent,sed frondes et herbam pro cubilibus,speluncas et antra pro domibus haberent,bestiis et fortioribus animalibus praedae fuisse commemorant.Tum ii,qui aut laniati effugerant aut laniari proximos viderant,admoniti periculi sui ad alios homines decurrerunt,praesidium imploraverunt et primo nutibus voluntatem suam significaverunt,deinde sermonis initia temptaverunt,ac singulis quibusque rebus nomina imprimendo paulatim loquendi perfecerunt rationem.Cum autem multitudinem ipsam viderent contra bestias esse tutandam,optimum factu egerunt: oppida enim coeperunt munire,vel ut quietem noctis tutam sibi facerent,vel ut incursiones atque impetus bestiarum non pugnando,sed obiectis aggeribus arcerent.

aiutooooooooo..lunedì mi chiama sicuro..xfavore aiutatemi..nn c capisco nulla..

:beatin
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
plerique rerum scriptores eos homines, qui ex terra primitus nati sunt, cum per silvas et campos erraticam degerent vitam, nec ullo inter se sermonis aut iuris vin**** cohaererent, sed frondes et herbam pro cubilibus, speluncas et antra pro domibus haberent, bestiis et fortioribus animalibus praedae fuisse commemorant.
tum ii qui aut laniati effugerant aut laniari proximos viderat, admoniti periculi sui ad alios homines decurrerunt, praesidium imploraverunt et primo nutibus voluntatem suam significaverunt, deinde sermonis initia temptaverunt, ac singulis quibusque rebus nomina imprimendo paulatim loquendi perfecerunt rationem.
cum autem multitudinem ipsam viderent contra bestias esse tutandam, optimum factu egerunt: oppida enim coeperunt munire, vel ut quietem noctis tutam sibi facerent, vel ut incursiones atque impetus bestiarum non pugnando, sed obiectis agerribus arcerent.

La maggior parte degli storici, ricordano che quegli uomini i quali nacquero in origine dalla terra, trascorrendo la vita vagante (nomade) tra i boschi e i campi, nè essendo uniti tra loro da un legame di comunicazione e giudirico, ma avendo rami ed erbe come giacigli,(avendo) grotte e cavità al posto delle case, sono stati come prede per bestie e animali alquanto più vigorosi. Allora quegli (coloro) i quali o sbranati erano fuggiti o avevano visto (gli uomini) più vicini essere sbranati, avvertiti del loro pericolo, corsero verso altri uomini, e implorarono protezione e prima con cenni esprimevano la propria volontà, dopo tentarono inizi di discorso, (potevano iniziare a parlare) perfezionarono una ragione di parlare un pò alla volta dando nomi alle singole e a tutte le cose. Vedendo che la stessa moltitudine era da difendersi contro le bestie, fecero la cosa migliore da farsi, infatti, cominciarono a munire le città , per rendere sicura la quiete della notte per se, sia per tenere lontano le incursioni e gli assalti delle bestie non combattendo ma gettando i terrapieni.
bimba_3
bimba_3 - Erectus - 50 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie grazie grazie grazie grazie grazie..x domani ho troppi compiti nn c sarei mai potuta arrivare..ancora grazieeeee..:gratta
ciaooooo:hi
paraskeuazo
paraskeuazo - Genius - 74898 Punti
Rispondi Cita Salva
Oook chiudo :hi
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Registrati via email