• Latino
  • VERSIONE INCAPIBILE LATINO SIMONIDE

JadeKannibal
JadeKannibal - Habilis - 210 Punti
Rispondi Cita Salva
Simonides clarissimus poeta, cenabat olim apud Scopam, hominem fortunatum et divitem. Inter epulas, summo cum gaudio omnium convivarum, poeta praeclarum carmen in Scopae laudem recitavit, sed eodem carmine etiam Castorem et Pollucem magnifice celebravit. Displicuit igitur carmen Scopae, qui admodum inurbane: "Dimidium", "inquit", "praemii promissi tibi dabo; reliquum di, quos aeque laudavisti, tibi reddant". Simonides nihil potuit respondere; ses paulo psot nuntiavit ei servus: "Duo iuvenes quidam, stantes ad ianuam, magnopere te evocant". Poetae statim obtemperavit, sed ante ianuam neminem vidit. Sed in illo vestigio temporis conclave illud, in quo Scopas cum familiaribus et amicis cenabat, corruit et omnes convivae vitam misere amiserunt, Simonides autem mire superfuit.
Cronih
Cronih - Genius - 23969 Punti
Rispondi Cita Salva
Simonides clarissimus poeta, cenabat olim apud Scopam, hominem fortunatum et divitem. Inter epulas, summo cum gaudio omnium convivarum, poeta praeclarum carmen in Scopae laudem recitavit, sed eodem carmine etiam Castorem et Pollucem magnifice celebravit. Displicuit igitur carmen Scopae, qui admodum inurbane: "Dimidium", "inquit", "praemii promissi tibi dabo; reliquum di, quos aeque laudavisti, tibi reddant". Simonides nihil potuit respondere; ses paulo psot nuntiavit ei servus: "Duo iuvenes quidam, stantes ad ianuam, magnopere te evocant". Poetae statim obtemperavit, sed ante ianuam neminem vidit. Sed in illo vestigio temporis conclave illud, in quo Scopas cum familiaribus et amicis cenabat, corruit et omnes convivae vitam misere amiserunt, Simonides autem mire superfuit.

Simonide, famosissmo poeta, cenava una volta da (= presso) Scopas, uomo ricco e fortunato. Durante il banchetto, con grande gioia di tutti i convitati, il poeta lesse un eccellente carme in onore di Scopama nel medesimo carme celebrò anche con enfasi Castore e Polluce. Il carme dunque non piacque a Scopas che in maniera alquanto scortese disse: "Ti darò la metà della ricompensa promessa: il resto, te lo rendano gli dei che tu hai lodato al pari di me (= ugualmente). Simonide non poté rispondere nulla, ma poco dopo un servo gli annunciò: "Due giovani sconosciuti (= "certi giovani" ), ritti in piedi davanti alla porta, ti chiamano a gran voce (= grandemente)": Il poeta immediatamente ubbidì, ma davanti alla porta non vide nessuno. Però in quel piccolo spazio di tempo quella stanza nella quale Scopas con familiari ed amici cenava crollò e tutti i convitati perdettero miseramente la vita, Simonide invece strordinariamente sopravvisse.
Ciao! :hi

Questa risposta è stata cambiata da paraskeuazo (19-10-08 15:59, 8 anni 1 mese 23 giorni )
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

mc2

mc2 Genius 248 Punti

Comm. Leader
valevarc

valevarc Tutor 4 Punti

VIP
Registrati via email