• Latino
  • versione entro stasera

    closed post
miticoranda
miticoranda - Sapiens - 346 Punti
Rispondi Cita Salva
Ciao a tt..mi servirebbe la versione n°10 del libro Intellege et Verte...
IL PRIMO VOLO UMANO :
Daedali patria Athenae erant, sed Daedalus.... fine:..et apud Cumas in templo Phoebi alas deponit et deo consecrat.
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120307 Punti
Rispondi Cita Salva
Mi dispiace, ma non sono riuscito a trovare nulla...
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
autore?

DAedalus, eximius architetcus, apud tyrannum Cretae insulae confugit hospitiumque atque praesidium obtinuit; gratus igitur ob beneficium, a tyranno rogatus, Labyrintho cum Icaro filio relegavit atque detinuit. Flebat misere puer captivus. At Daedalus:"Cur ploras, fili mi? Tyrannus terrae pelagisque imperium habet, sed non firmamenti. Caelorum viae adhuc patent: ideo novam machinam ad fugam excogitamubimus". Mox pennas cera coniugunt et alas fabricant; alas humeris accommodant et laeti e Labyrintho evolat. Puer, dum magno gaudio alas quatit et vastas caeli auras peragrat, incaute nimis ad astra appropinquavit. Phoebi radii ceram liquefacerunt: miser puer in pelagus cecidit et decessit. Dedalus contra in Italiam pervenit, in pooidum Cumas, ibique in Phoebi templo alas ex cera deo consecravit.

Dedalo, esimio architetto, fuggì presso il tiranno dell'isola di Creta e ottenne l'ospitalità e un presidio; grato quindi per tale beneficio, chiesto dal tiranno, lo legò e lo tenne nel Labirinto con il figlio Icaro. Piangeva il povero fanciullo prigioniero. Ma Dedalo: Perchè piangi figlio mio? Il tiranno ha il potere della terra e del mare, ma non del firmamento. Le vie del cielo sono aperte: così prepareremo per la fuga una nuova macchiana. Subito uniscono le penne alla cera e fabbricano delle ali; mettono le ali sulle spalle e lieti volano via dal labirinto. Il fanciullo mentre con grande gaudio sbatte le ali e attraversa le vase arie del cielo, incautamente si avvicinò eccessivamente agli astri. I raggi di Febo sciolsero la cera: il povero fanciullo cadde in mare e morì. Dedalo al contrario giunse in Italia, a Cuma, e qui consacrò nel tempio di Febo le ali di cera al dio.
miticoranda
miticoranda - Sapiens - 346 Punti
Rispondi Cita Salva
l'autore mi dispiace nn lo so perchè è un rifacimento...eccola tutta intera ragazzi aiuto è x domani

Daedali patria Athenae erant, sed Daedalus in insula Creta cum filio Icaro exulabat, apud dominum insulae. Quia propter hospitium tyranno gratum animum praebere desiderat, Daedalus, vir summi ingenii et architectus maximae peritiae, mirum aedificium extra muros oppidi aedificat et Labyrinthum appellat. Ibi infiniti gyri viarum et semitarum erant, nec ullus exitus erat. Olim tamen tyrannus iratus architectum et filiolum in Labyrintho relegat et ibi captivos detinet. Dum puer lacrimat et dolet, sic dicit Daedalus: << Cur fles et times, fili mi? Tyrannus habet imperium terrae et pelagi, non caeli. Via per caelum patet: ego novam machinam ad fugam excogito>>. Alas igitur pennis et cera fabricat, tergo suo et filii accomodat, laeti per caelum evolant. Puer gaudet et alas agitat, sed incaute ad astra nimis appropinquat et Phoebus iratus ceram alarum liquefacit et miserum puerum in undas praecipitat. Daedalus contra in Italiam pervenit et apud Cumas in templo Phoebi alas deponit et deo consecrat.

grazie di tt
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di agosto
Vincitori di agosto

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

ciampax

ciampax Tutor 29101 Punti

VIP
Registrati via email