• Latino
  • versione di latino urgente per domani (13234)

    closed post
davidominus
davidominus - Sapiens Sapiens - 844 Punti
Rispondi Cita Salva
Titolo: Origine del malcostume a Roma
Autore: Sallustio

Sed ubi labore atque iustitia res publica crevit et nationes ferae et populi ingentes vi subacti sunt et Carthago aemula imperi Romani deleta est, saevire fortuna ac miscere omnia incepit. Otium et divitiae miseriae et corruptionis causa fuerunt iis qui labores, pericula, dubias atque asperas res toleraverant. Igitur primo pecuniae, deinde imperii cupido crevit: eae quasi materies omnium malorum fuere. Nam ante Carthaginem deletam populus et senatus Romanus placide modesteque inter se rem publicam tractabant, neque de gloria neque de dominatione certamen inter cives erat: metus hostium in bonis artibus civitatem retinebat. Sed ubi illa (=quella, nom.) formido decessit, lascivia atque superbia, quas res secundae amant, incesserunt. Ita illud (=quello, nom. n.) otium, quod in adveris rebus optaverant, asperum et acerbum fuit: res publica dilacerata est.
Superstep9
Superstep9 - Habilis - 240 Punti
Rispondi Cita Salva
qst è simile non so ti può essere utile ..la posto lo stesso

Ma quando la repubblica si fu ingrandita col lavoro e la giustizia, quando i grandi re furono domati con la guerra, quando le nazioni selvagge e tutti i popoli furono sottomessi con la forza, quando Cartagine rivale dell'Impero Romano fu distrutta alla radice e quando ormai erano aperti tutti i mari e le terre, la sorte cominciò a infuriare e a mettere sottosopra tutte le cose. Coloro i quali avevano tollerato facilmente lavori pesanti, pericoli, situazioni aspre e dubbie, proprio a loro in altri momenti l'ozio e le ricchezze furono di peso e di rovina. Dunque per prima cosa crebbe il desiderio di ricchezze e quindi quello del potere; queste cose per così dire furono l'origine di tutti i mali. Ed infatti l'avidità sovvertì la fiducia, l'onestà e tutte le altre qualità del comportamento; al posto di queste si insegnò la superbia , la crudeltà, a rinnegare gli dei e ad avere tutto come oggetto di prezzo. L'ambizione spinse molti mortali a diventare disonesti , ad avere una cosa chiusa nel cuore ed un'altra manifesta sulla lingua, a stimare amicizie ed inimicizie non dai fatti ma dai vantaggi e a reputare migliore l'aspetto esteriore dell'intelligenza. Queste cose sulle prime incominciarono a crescere a poco a poco e talora ad essere vendicate; ma dopo, quando la contaminazione si estese quasi come una pestilenza, il governo/la città mutò e l'impero da giustissimo e ottimo divenne crudele ed intollerante.

Originale:
Sed in magna copia rerum aliud alii natura iter ostendit. Pulchrum est bene facere rei publicae, etiam bene dicere haud absurdum est: vel pace vel bello clarum fieri licet; et qui fecere, et qui facta aliorum scripsere, multi laudantur. Ac
mihi quidem, tametsi haudquaquam par gloria sequitur scriptorem et auctorem rerum, tamen in primis arduum videtur res gestas scribere: primum, quod facta dictis exaequanda sunt; dehinc, quia plerique, quae delicta reprehenders, malevolentia et invidia dicta putant; ubi de magna virtute atque gloria bonorum memores, quae sibi quisque facilia factu putat, aequo animo accipit, supra ea veluti ficta pro falsis ducit. Sed ego adulescentulus initio, sicuti plerique, studio ad rem publicam latus sum, ibique mihi multa advors fuere. Nam pro pudore, pro abstinentia, pro virtute, audacia, largitio, avaritia vigebant. Quae tametsi animus aspernabatur, insolens malarum artium, tamen inter tanta vitia imbecilla aetas ambitione corrupta tenebatur; ac me, cum ab relicuorum malis moribus dissentirem, nihilo minus honoris cupido eadem quae ceteros fama atque invidia vexabat.
davidominus
davidominus - Sapiens Sapiens - 844 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie comunque Superstep9, ma mi servirebbe la traduzione di quella che ho postato io
angulusridet
angulusridet - Sapiens Sapiens - 1172 Punti
Rispondi Cita Salva
Ma quando la repubblica si fu ingrandita col lavoro e la giustizia, quando i grandi re furono domati con la guerra, quando le nazioni selvagge e tutti i popoli furono sottomessi con la forza, quando Cartagine rivale dell'Impero Romano fu distrutta alla radice e quando ormai erano aperti tutti i mari e le terre, la sorte cominciò a infuriare e a mettere sottosopra tutte le cose. Coloro i quali avevano tollerato facilmente lavori pesanti, pericoli, situazioni aspre e dubbie, proprio a loro in altri momenti l'ozio e le ricchezze furono di peso e di rovina. Dunque per prima cosa crebbe il desiderio di ricchezze e quindi quello del potere; queste cose per così dire furono l'origine di tutti i mali. Ed infatti l'avidità sovvertì la fiducia, l'onestà e tutte le altre qualità del comportamento; al posto di queste si insegnò la superbia , la crudeltà, a rinnegare gli dei e ad avere tutto come oggetto di prezzo. L'ambizione spinse molti mortali a diventare disonesti , ad avere una cosa chiusa nel cuore ed un'altra manifesta sulla lingua, a stimare amicizie ed inimicizie non dai fatti ma dai vantaggi e a reputare migliore l'aspetto esteriore dell'intelligenza. Queste cose sulle prime incominciarono a crescere a poco a poco e talora ad essere vendicate; ma dopo, quando la contaminazione si estese quasi come una pestilenza, il governo/la città mutò e l'impero da giustissimo e ottimo divenne crudele ed intollerante.
davidominus
davidominus - Sapiens Sapiens - 844 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie angulusridet
cinci
cinci - Mito - 35782 Punti
Rispondi Cita Salva
Ma quando la repubblica crebbe con la fatica ed il lavoro e i popoli feroci e cattivi vennero sottomessi e Cartagine fu distrutta come imitatrice dell'impero romano, la buona sorte prende ad incattivirsi ed a mescolare tutto. L'ozio e la povertà di ricchezze furono la causa della corruzione, e chi si era impegnato, mal sopportò tutto questo. Quindi per prima cosa crebbe il desiderio di soldi, e poi di comando: era cosa comune. Infatti primache Cartagine venisse distrutta i cittadini ed il senato erano in buoni rapporti, e non c'era guerra per avere la gloria e la possibilità di dominare: si nascondeva nei cittadini buoni ed onesti la paura dei nemici. Ma quando quella concordia venne a mancare, iniziarono i problemi. Così quel far nulla, che avevano scelto nelle situazioni avverse, divenne aspro e fu prematuro: così lo stato venne distrutto.

:hi
davidominus
davidominus - Sapiens Sapiens - 844 Punti
Rispondi Cita Salva
grazie mille cinci
cinci
cinci - Mito - 35782 Punti
Rispondi Cita Salva
chiudo
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Suzy90

Suzy90 Moderatore 8654 Punti

VIP
Registrati via email