• Latino
  • Versione di Latino incompleta

    closed post
MarkGilead
MarkGilead - Habilis - 150 Punti
Rispondi Cita Salva
Dunque,
Ho cercato nel sito , ma non ho avuto risultati.
Ho tentato di farne un pezzo , ma mi è venuta totalmente insensata :no

Autore: Giustino
Testo della versione:

Filius eius(di Giuseppe) Moyses fuit, quem praeter paternae scientiae hereditatem etiam formae pulchritudo commendabat. Sed Aegyptii, cum scabiem et vitiliginem paterentur, responso moniti eum cum aegris, ne pestis ad plures serperet, terminis Aegypti pellunt. Dux igitur exulum factus sacra Aegyptiorum furto abstulit, quae repetentes armis Aegyptii domum redire tempestatibus conpulsi sunt. Itaque Moyses Damascena, antiqua patria, repetita montem Sinam occupat, in quo septem dierum ieiunio per deserta Arabiae cum populo suo fatigatus cum tandem venisset, septimum diem more gentis Sabbata appellatum in omne aevum ieiunio sacravit, quoniam illa dies famem illis erroremque finierat.

Tentata traduzione:

Il figlio di egli(di Giuseppe) fu Mosè , il quale lo splendore affidava oltre l’eredità della conoscenza del padre anche della legge . Ma gli egizi ammoniti, con la ruvidezza e con lebbra furono influenzati , con la risposta , con i malati di egli , affinché la peste non si diffonda agli altri , al confine gli egizi scappano. Allora il condottiero portò via con un furto le costruzioni sacre dall’egitto: ed essi ritornati con le armi dagli egizi la casa ritornare furono spinti con i tempi.

Spero possiate essermi d'aiuto...grazie. :hi
Mario
Mario - Genius - 37169 Punti
Rispondi Cita Salva
Dopo la traduco
paraskeuazo
paraskeuazo - Genius - 74901 Punti
Rispondi Cita Salva
Visto ke l'hai iniziata sarebbe più utile per te se la finisci (come viene viene) così poi ti si dice dove hai sbagliato e come andava fatto ;) Invece di fartela noi (qsto a dire il vero bisognerebbe farlo sempre) è meglio se capisci dove sbagli, credimi e poi sei già a metà dell'opera a qnto vedo. Nn lo dico per cattiveria, figurati te la farei in poco tempo, ma secondo me così per te è più utile
MarkGilead
MarkGilead - Habilis - 150 Punti
Rispondi Cita Salva
ok! farò come dici! :hi

Edit: Ok , ci ho tentato...

Il figlio di egli(di Giuseppe) fu Mosè , il quale lo splendore affidava oltre l’eredità della conoscenza del padre anche della legge . Ma gli egizi ammoniti, con la ruvidezza e con lebbra furono influenzati , con la risposta , con i malati di egli , affinché la peste non si diffonda agli altri , al confine gli egizi scappano. Allora il condottiero portò via con un furto le costruzioni sacre dall’egitto: ed essi ritornati con le armi dagli egizi la casa ritornare furono spinti con i tempi.
Perciò Mosè , con damasco , l’antica patria , aveva contrattaccato , occupò il monte Sinai : quando finalmente era venuto , affaticato sette dei giorni per il digiuno e per il deserto dell’arabia con il suo popolo , il settimo giorno con l’usanza la gente consacrò il sabato appellandosi sopra tutto il tempo con il digiuno , dopochè quei giorni la fame e la colpa a quelli era finita.
paraskeuazo
paraskeuazo - Genius - 74901 Punti
Rispondi Cita Salva
Ok perfetto, + tardi la traduco e confrontandola con la tua ti faccio vedere dove hai sbagliato, ;) cmq ci sn alcuni errori con i casi, a prima vista
MarkGilead
MarkGilead - Habilis - 150 Punti
Rispondi Cita Salva
Ok , grazie!
paraskeuazo
paraskeuazo - Genius - 74901 Punti
Rispondi Cita Salva
Senti, se te la finisco per domani è un problema? sono a metà ma non posso completarla ora :(
MarkGilead
MarkGilead - Habilis - 150 Punti
Rispondi Cita Salva
Certo! Figurati :)
paraskeuazo
paraskeuazo - Genius - 74901 Punti
Rispondi Cita Salva
Ti metto il testo originale latino:

Filius eius(di Giuseppe) Moyses fuit, quem praeter paternae scientiae hereditatem etiam formae pulchritudo commendabat. Sed Aegyptii, cum scabiem et vitiliginem paterentur, responso moniti eum cum aegris, ne pestis ad plures serperet, terminis Aegypti pellunt. Dux igitur exulum factus sacra Aegyptiorum furto abstulit, quae repetentes armis Aegyptii domum redire tempestatibus conpulsi sunt. Itaque Moyses Damascena, antiqua patria, repetita montem Sinam occupat, in quo septem dierum ieiunio per deserta Arabiae cum populo suo fatigatus cum tandem venisset, septimum diem more gentis Sabbata appellatum in omne aevum ieiunio sacravit, quoniam illa dies famem illis erroremque finierat.


ok ecco il tuo testo con le mie modifiche, relativa spiegazione e le parole corrispondenti in latino:

La mia traduzione è in grassetto
Le parole corrispondenti latine sn in rosso
Le mie spiegazioni in blu
La tua traduzione è quella scritto normale :)

Il figlio di egli (- nn è sbagliato, ma è meglio dire "suo" piuttosto che di lui, qndo c'è eius; quindi viene: suo figlio - ) fu Mosè , il quale lo splendore affidava oltre l’eredità della conoscenza del padre anche della legge. ( - allora qsto rigo da splendore a legge andava fatto così : al quale affidava oltre l'eredita "prater hereditatem" anche "etiam" la bellezza del corpo "pulchritudo formae" e le conoscenze paterne "scientiae paternae", che sono tra l'altro 2 nominativi e sn quindi il soggetto) Ma gli egizi ammoniti, con la ruvidezza e con lebbra furono influenzati ( allora... Aegyptii come hai fatto anche tu, è soggetto, quindi io ho fatto: Gli Egizi avendo sopportato "cum patirentur" - il costrutto cum + ablativo - la scabbia e la vitiligine "scabiam et vitiliginem" - sono 2 malattie note pure oggi, le dovevi lasciare così come sono- ) con la risposta , con i malati di egli , affinché la peste non si diffonda agli altri , al confine gli egizi scappano. ( avvisati dal responso " responso moniti" lo cacciarono "eum.... pellunt" ai confini dell'egitto " terminis Aegypti" con i malati "cum aegris" affinchè la peste non si diffondesse agli altri - qsto pezzo era fatto bene, solo il tempo nn andava bene- ) Allora il condottiero portò via con un furto le costruzioni sacre ( o anche cose sacre ) dall’egitto ( - qsto pezza era ok nn ti ho scritto nulla - ): ed essi ritornati con le armi dagli egizi la casa ritornare furono spinti con i tempi. ( e gli egizi che attaccavano con le armi "repetentes armis" furono costretti a ritornare in patria "domum... redire conpulsi sunt" a causa delle tempeste "tempestatibus" )
Perciò Mosè , con damasco, l’antica patria, aveva contrattaccato occupò il monte Sinai ( perciò Mosè, tornato " repetita" a damasco - nn capisco perchè hai tradotto con damasco! - l'antica patria - qsto andava bene - occupò il monte Sinai - pure qsto andava bene- ) quando finalmente era venuto , affaticato sette dei giorni per il digiuno e per il deserto dell’arabia con il suo popolo ( sul quale "in quo" era finalmente giunto dopo un digiuno di sette giorni, attraverso il deserto dell'arabia con il suo popolo affaticato - qsto pezzo era un vero pasticcio - ) giunto il settimo giorno con l’usanza la gente consacrò il sabato appellandosi sopra tutto il tempo con il digiuno , dopochè quei giorni la fame e la colpa a quelli era finita. ( Rese sacro " sacravit" per l'eternità " in omnea aevum" il settimo giorno "septimum diem" chiamato "appellatum" secondo la tradizione del popolo "more gentis" Sabato, poichè "quoniam" - che introduce una causale - quel giorno "illa dies" la loro fame e il loro vagabondare "erroremque" erano finiti "finierat" )

Spero sia chiara, ci ho perso 1 ora solo per scrivere tutta la spiegazione :lol
MarkGilead
MarkGilead - Habilis - 150 Punti
Rispondi Cita Salva
santo cielo -.-
Scusami per tutto il lavoro...però almeno ho capito gli errori
paraskeuazo
paraskeuazo - Genius - 74901 Punti
Rispondi Cita Salva
Oh allora sn riuscito nel mio intento! mi fa piacere :yes
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email