ginu bua
ginu bua - Ominide - 5 Punti
Salva
mi serve questa versione al più presto.. siate gentili !!

Questa risposta è stata cambiata da ShattereDreams (03-01-14 17:10, 2 anni 11 mesi 7 giorni )
ShattereDreams
ShattereDreams - VIP - 99863 Punti
Salva
Cesare, conosciuta la volontà dei soldati, parte per Rimini con quella legione che aveva condotto con sé dalla Gallia e lì incontra i tribuni della plebe, che si erano rifugiati presso di lui; convoca le altre legioni dagli accampamenti invernali e ordina (loro) di seguirlo. Arriva lì il giovane Lucio Cesare, luogotenente di Pompeo. Egli, sbrigato il resto della discussione per cui era venuto, spiega di avere dei compiti di carattere privato da parte di Pompeo verso di lui. Dice che Pompeo aveva sempre ritenuto più importanti gli interessi dello Stato che le necessità private; che anche Cesare doveva lasciar perdere, per il bene dello Stato, la sua iracondia e non (doveva) arrabbiarsi con i nemici tanto pesantemente da nuocere allo Stato, mentre spera di nuocere ad altri. Aggiunge poche cose di questo genere unite alla scusa da parte di Pompeo. Il pretore Roscio discute con Cesare, che espone loro le sue condizioni di pace, quasi le stesse argomentazioni e con le stesse parole. Ricevuti gli incarichi, Roscio assieme a Lucio Cesare giunge a Capua e lì trova i consoli e Pompeo; riferisce le richieste di Cesare.



:hi
ShattereDreams
ShattereDreams - VIP - 99863 Punti
Salva
Allega o scrivi la versione..
ginu bua
ginu bua - Ominide - 5 Punti
Salva
Caesar, cognita militum voluntate, Ariminum cum ea legione, quam secum a Gallia duxerat, proficiscitur, ibique tribunos plebis, qui ad eum confugerant, convenit; reliquas legiones ex hibernis evocat et subsequi iubet. Eo Lucius Caesar adulescens, Pompei legatus, venit. Is, reliquo sermone confecto cuius causa venerat, habere se a Pompeio ad eum privati officii mandata demonstrat. Dicit Pompeium semper rei publicae commoda privatis necessitudinibus habuisse potiora; caesarem quoque debere pro re publica iracundiam suam dimittere neque adeo graviter irasci inimicis ut, cum aliis nocere se speret, rei publicae noceat. Pauca eiusdem generis addit cum excusatione Pompei coniuncta. Eadem fere atque eisdem verbis praetor Roscius agit cum Caesare, qui illis suas condiciones pacis dicit (esporre,dettare). Acceptis mandatis, Roscius cum Lucio Caesare Capuam pervenit ibique consules Pompeiumque invenit; postulata Caesaris renuntiat.
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

andrea1085

andrea1085 Blogger 387 Punti

VIP
Registrati via email