• Latino
  • VersiOne di latinO..!!!

    closed post
veroniketta
veroniketta - Bannato - 0 Punti
Rispondi Cita Salva
vi prego me la potete tradurre..??!!

antiquitis romae domi militiaeque boni mores colebantur, concordia maxima, minima avaritia erat; ius bonumque apud eos legibus ac natura valebat. iurgia, discordia, simultates cum hostibus exercebant, cives cum civibus de virtute certabant. in supplicis deorum magnifici, domi parci, in amicos fideles erant. duabus his artibu seque remque publicam curabant: audacia in bello, aequitate ubi pax evenerat. nam in bello saepe puniverunt eos, qui contra imperium in hostem pugnaverant quique tarde, cum revocati erant, proelio excesserant. in pace vero beneficiis imperium agitabant et acceptis iniuriis ignoscebant.
sed ubi labore atque iustitia res publica crevit, reges magni bello domiti sunt, nationes ferae et populi ingentes vi subacti sunt, cuncta maria terraeque patebant saevire ac miscere omnia fortuna incepit. otium et divitiae obfuerunt eis qui labores, pericula, dubias atque asperas res facile toleraverant. namque avaritia fidem, probitatem ceterasque artes bonas subvertit; pro his superbiam, crudelitatem, deorum neglegentiam, omnia venalia edocuit.

graziee..!!
paraskeuazo
paraskeuazo - Genius - 74901 Punti
Rispondi Cita Salva
Aspetta che te la traduco...
cinci
cinci - Mito - 35782 Punti
Rispondi Cita Salva
Versione
A Roma gli antichi onoravano le milizie ed i buoni costumi, era di casa solo la concordia, non c'era l'avarizia; valeva un buon codice civile e le leggi naturali. (Iurgia?) praticavano la discordia e la concorrenza con i nemici, i cittadini con i cittadini combattevano per il coraggio. C'era pace dove c'era l'equità, con grandi sacrifici per gli dei e la prodezza in battaglia. Infatti in guerra venivano puniti coloro che andavano contro la patria o contro il volere del comandante, quando erano chiamati, lasciavano la battaglia. Durante il periodo di pace si prendevano cura della patria e perdonavano le offese. ma dove tutto quanto era cresciuto grazie alla fatyica ed al lavoro, se ne impossessarono i re, sottomisero tutti i mari e tutti i popoli, iniziarono a mostrare la loro cattiveria sopra ogni volontà divina e di sorte. Non si curavano delle ricchezze ma del loro lavoro, sopportavano i pericoli e le avversità con facilità. Ed infatti la fedeltà e l'avarizia erano arti che venivano elogiate, grazie a queste [virtù] venivano lasciate da parte la superbia e la crudeltà.
Ila
Ila - Genius - 14442 Punti
Rispondi Cita Salva
grandi!
SuperGaara
SuperGaara - Mito - 120308 Punti
Rispondi Cita Salva
Perfetto! Allora si può chiudere...:hi

Avvisate Luca, però, che magari sta traducendo per niente...:lol
paraskeuazo
paraskeuazo - Genius - 74901 Punti
Rispondi Cita Salva
Meno male che mi era venuto lo sghiribizzo di venire a controllare il testo originale, ero già a metà versione :lol:lol

Beh chiudo definitavamente
Questo topic è bloccato, non sono ammesse altre risposte.
Come guadagno Punti nel Forum? Leggi la guida completa
In evidenza
Classifica Mensile
Vincitori di novembre
Vincitori di novembre

Come partecipare? | Classifica Community

Community Live

Partecipa alla Community e scala la classifica

Vai al Forum | Invia appunti | Vai alla classifica

Registrati via email